Superstock 1000 Nurburgring Gara: Badovini non si batte

8 su 8 in questa stagione, podio per Berger e Antonelli

5 settembre 2010 - 7:27

Un Ayrton Badovini sempre più inarrestabile conquista l’ottavo successo della stagione, su otto gare disputate dalla Superstock 1000 nel 2010, sul circuito del Nurburgring. Il pilota di Biella, già coronato campione nello scorso round di Silverstone non lascia neanche le briciole agli avversari, restando imbattuto quest’anno in sella alla BMW S1000RR del team Motorrad Italia.

A differenza delle precedenti gare però, “Speedy” ha conquistato la leadership soltanto al penultimo passaggio, infilando un coriaceo Maxime Berger (Honda Ten Kate Race Junior) alla prima staccata, la “Castrol-S” riuscendo a tenere la corda per poi aprire al meglio il gas della 4 cilindri made in Germany. La partenza per il centauro piemontese non è stata delle migliori, a causa di una prima frenata che lo ha visto eccessivamente all’esterno, nella quale ha rischiato pure di essere tamponato da Michele Magnoni (Honda Bevilacqua Corse), con quest’ultimo che è andato lungo perdendo diverse posizioni.

Ma grazie ad un passo eccezionale, sempre sul minuto e cinquantanove basso, Badovini si è fatto largo tra gli avversari. Niente da fare quindi per Maxime Berger, il quale ha provato diverse volte a fare il vuoto e condurre la gara, ma ha dovuto aver a che fare anche con il nostro Andrea Antonelli (Honda Lorini), e nulla ha potuto una volta persa la testa della corsa nel finale.

Per il pilota di Castiglione Del Lago (Perugia), si tratta della terza volta consecutiva sul gradino più basso del podio, un risultato di certo incoraggiante per questa seconda parte di stagione spesa sempre nelle posizioni di vertice. Quarto al traguardo è Sylvain Barrier (BMW Garnier Junior Racing), il quale ha avuto la meglio sul connazionale Loris Baz (Yamaha MRS Racing), dopo una dura bagarre fatta di sorpassi vicendevoli, e sul duo composto da Michele Magnoni e da Davide Giugliano (Suzuki Team06), avvicinatisi al termine grazie anche alla bagarre tutta francese.

Per il pilota romano, c’è da registrare un’ottima prima parte di gara e una leadership ottenuta allo start e mantenuta per quasi due passaggi, ma gli errori compiuti dal giovane italiano in due occasioni alla curva 1 hanno rovinato una possibile prestazione da podio. Chiudono la top ten Eddi La Marra (Honda Lorini), René Mahr (Suzuki MTM Racing Team) e Andrea Boscoscuro (Honda Allservice System by QDP). Per quanto concerne gli altri italiani, c’è da registrare il dodicesimo posto di Daniele Beretta (BMW Motorrad Italia) davanti a Danilo Petrucci (Kawasaki Pedercini), e il diciannovesimo per Nico Vivarelli (KTM Goeleven).

Si tratta di ritiro invece per lo sfortunato Lorenzo Zanetti (molto competitivo nel week-end e partente dalla prima fila), vittima di un problema tecnico della sua Ducati 1098R SS Lazio Motorsport, e di caduta per Lorenzo Baroni (Ducati Pata B&G).

Superstock 1000 FIM Cup 2010
Nurburgring, Classifica Gara

01- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – 11 giri in 22’02.582
02- Maxime Berger – Ten Kate Race Junior – Honda CBR 1000RR – + 0.906
03- Andrea Antonelli – Team Lorini – Honda CBR 1000RR – + 3.058
04- Sylvain Barrier – Garnier Junior Racing Team – BMW S1000RR – + 12.078
05- Loris Baz – MRS Racing – Yamaha YZF R1 – + 12.328
06- Michele Magnoni – Bevilacqua Corse – Honda CBR 1000RR – + 12.849
07- Davide Giugliano – Team06 – Suzuki GSX-R 1000 – + 14.395
08- Eddi La Marra – Team Lorini – Honda CBR 1000RR – + 15.560
09- Renè Mahr – MTM Racing Team – Suzuki GSX-R 1000 – + 16.011
10- Andrea Boscoscuro – All Service System by QDP – Honda CBR 1000RR – + 17.900
11- Dominic Lammert – Lammert Motorsport – BMW S1000RR – + 18.956
12- Daniele Beretta – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – + 20.422
13- Danilo Petrucci – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 25.728
14- Michael Savary – Motoracingparts STK1000 – BMW S1000RR – + 28.273
15- Matthieu Lussiana – Team ASPI – BMW S1000RR – + 36.106
16- James Webb – Bogdanka Racing – Honda CBR 1000RR – + 36.432
17- Roy Ten Napel – Domburg Racing – Honda CBR 1000RR – + 36.852
18- Pere Tutusaus – GoEleven – KTM RC8R – + 37.086
19- Nico Vivarelli – GoEleven – KTM RC8R – + 47.775
20- Ondrej Jezek – MS Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 48.080
21- Kim Arne Sletten – MTM Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 49.878
22- Chris Leeson – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 57.876
23- Michal Salac – MS Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 1’01.599
24- Tomas Svitok – SMS Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’02.130
25- Philippe Thriet – SMS Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’03.184
26- Danilo Andric – Kuja Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’13.602

Valerio Piccini

Servizio Fotografico Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea e Toprak Razgatlioglu

Superbike, Jonathan Rea: “Nulla da perdere”. Toprak: “Voglio vincere”

Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike, Razgatlioglu manca il tris: problemi tecnici in gara-2

Superbike, Jonathan Rea

Toprak perfetto ma ecco perchè Rea tiene la Superbike ancora in ballo