Superstock 1000 Misano Qualifiche 2: pole per Badovini

Battuta la concorrenza di Baroni e Berger a Misano

26 giugno 2010 - 14:00

La battaglia per la pole position sul circuito di Misano per la categoria Superstock 1000 ha avuto l’esito più scontato, vedendo infatti il prevalere dell’attuale capo classifica di categoria Ayrton Badovini, che ha fatto segnare un tempo di 1’39″190. Il pilota originario di Biella, a pieno punteggio sino ad ora, è riuscito a battere la resistenza capitanata da Lorenzo Baroni, secondo con la 1098R del team Pata B&G a 276 millesimi, che precede il pilota Honda Ten Kate Maxime Berger e il nostro Andrea Antonelli, che in alcune parti di questo turno è parso quasi in grado di conquistare la pole.

Il pilota di Castiglione del Lago, che corre per la squadra Honda Lorini, è apparso in ogni caso in gran forma, nonostante l’avversario da affrontare per poter ottenere il successo domani è risultato fino a questo momento imbattibile. Apre la seconda fila Michele Magnoni con la Honda CBR 1000RR del team Shiner, il quale ha mancato un piazzamento nei primi quattro per soli 5 millesimi di secondo.

Il pilota di Cagli ha preceduto il secondo centauro Honda Lorini Eddi La Marra, l’alfiere Suzuki Team06 Davide Giugliano (autore dell’ennesima caduta di questo week-end) e il ducatista Domenico Colucci, con la Ducati SS Lazio Motorsport. Nelle tre posizioni che seguono troviamo altrettanti transalpini, con Loris Baz, Yamaha MRS Racing, che precede l’amico Sylvain Barrier con la BMW Garnier Junior Racing e Matthieu Lussiana sulla S1000RR ASPI.

Brutte qualifiche per i due talentuosi piloti italiani Danilo Petrucci e Marco Bussolotti, dodicesimo e tredicesimo rispettivamente, con il secondo, unico pilota della squadra All Service System by QDP, che è stato autore di una scivolata.

Superstock 1000 FIM Cup 2010
Misano Adriatico, Classifica complessiva Qualifiche

01- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – 1’39.190
02- Lorenzo Baroni – Team Pata B&G Racing – Ducati 1098R – + 0.276
03- Maxime Berger – Ten Kate Race Junior – Honda CBR 1000RR – + 0.406
04- Andrea Antonelli – Team Lorini – Honda CBR 1000RR – + 0.649
05- Michele Magnoni – Team Shiner – Honda CBR 1000RR – + 0.654
06- Eddi La Marra – Team Lorini – Honda CBR 1000RR – + 0.861
07- Davide Giugliano – Team06 – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.041
08- Domenico Colucci – SS Lazio Motorsport – Ducati 1098R – + 1.118
09- Loris Baz – MRS Racing – Yamaha YZF R1 – + 1.203
10- Sylvain Barrier – Garnier Junior Racing – BMW S1000RR – + 1.370
11- Matthieu Lussiana – Team ASPI – BMW S1000RR – + 1.373
12- Danilo Petrucci – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 1.615
13- Marco Bussolotti – All Service System by QDP – Honda CBR 1000RR – + 1.615
14- Renè Mahr – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.718
15- Riccardo Della Ceca – Team Rosso e Nero – Yamaha YZF R1 – + 1.851
16- Daniele Beretta – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – + 2.059
17- Dominic Lammert – Lammert Motorsport – BMW S1000RR – + 2.367
18- Pere Tutusaus – GoEleven – KTM RC8R – + 2.643
19- Ondrej Jezek – MS Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 2.750
20- Nico Vivarelli – GoEleven – KTM RC8R – + 2.812
21- Denis Sacchetti – GoEleven – KTM RC8R – + 2.997
22- Chris Leeson – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 3.688
23- Michal Salac – MS Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 3.956
24- Mateusz Stoklosa – Lammert Motorsport – BMW S1000RR – + 3.968
25- Marcin Walkowiak – Bogdanka Racing – Honda CBR 1000RR – + 4.083
26- Tomas Svitok – SMS Racing – Honda CBR 1000RR – + 4.469
27- Danilo Andric – Kuja Racing – Honda CBR 1000RR – + 4.756
28- Kim Arne Sletten – MTM Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 5.456
29- Andrea Romagnoli – Team Fox – Yamaha YZF R1 – + 5.717
30- Philippe Thriet – SMS Racing – Honda CBR 1000RR – + 6.576

Valerio Piccini

Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli, la cinquina storica da fuga iridata

Superbike

Superbike: Honda HRC al limite, ha già fatto fuori tre motori

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea stuzzica Scott Redding “E’ stato facile dominare”