Superstock 1000 Misano Qualifiche 1: Badovini torna in testa

Secondo è Andrea Antonelli davanti a Maxime Berger

25 giugno 2010 - 11:59

E’ bastato un solo turno di non predominio ad Ayrton Badovini per tornare ad “asfaltare” la concorrenza: il pilota di Biella, alfiere BMW Motorrad Italia, ha concluso al top il primo turno di qualifiche sul circuito di Misano grazie ad uno stratosferico 1’39.997. L’attuale leader della classifica piloti Superstock 1000 a punteggio pieno è stato l’unico a scendere sotto il muro del minuto e quaranta secondi, e se si conta che solo altri quattro piloti sono stati in grado di girare sotto l’uno e quarantuno, questo dà la dimensione dello strapotere del pilota italiano e della casa bavarese in questa stagione 2010.

I nostri colori sono stati ben rappresentati in questa prima sessione valida per lo schieramento di partenza, con ben cinque piloti italiani nelle prime sei posizioni, a cominciare dal secondo classificato Andrea Antonelli il quale, in sella alla Honda Lorini sta dimostrando tutto il suo valore sul circuito di casa, sebbene staccato di 462 millesimi, quasi tutti rimediati nel terzo settore. Il compagno di quest’ultimo, il giovane Eddi La Marra, si classifica quarto, preceduto dal francese Maxime Berger del team Honda Ten Junior e dal pilota Ducati Pata B&G Lorenzo Baroni.

Sesto è Michele Magnoni in sella alla CBR 1000RR Shiner, davanti al francese Matthieu Lusssiana su BMW del team ASPI, dal nostro Marco Bussolotti con la Honda Allservice System by QDP e dall’altro transalpino Sylvain Barrier in sella alla S1000RR Garnier Junior Racing. Completa la top 10 l’alfiere Kawasaki Pedercini Danilo Petrucci. Ancora difficoltà per il romano Davide Giugliano, che non riesce a fare meglio della quattordicesima posizione con la Suzuki del Team06.

Superstock 1000 FIM Cup 2010
Misano Adriatico, Classifica Qualifiche 1

01- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – 1’39.997
02- Andrea Antonelli – Team Lorini – Honda CBR 1000RR – + 0.462
03- Maxime Berger – Ten Kate Race Junior – Honda CBR 1000RR – + 0.754
04- Lorenzo Baroni – Team Pata B&G Racing – Ducati 1098R – + 0.770
05- Eddi La Marra – Team Lorini – Honda CBR 1000RR – + 0.927
06- Michele Magnoni – Team Shiner – Honda CBR 1000RR – + 1.048
07- Matthieu Lussiana – Team ASPI – BMW S1000RR – + 1.318
08- Marco Bussolotti – All Service System by QDP – Honda CBR 1000RR – + 1.505
09- Sylvain Barrier – Garnier Junior Racing – BMW S1000RR – + 1.550
10- Danilo Petrucci – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 1.593
11- Renè Mahr – MTM Racing Team – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.730
12- Loris Baz – MRS Racing – Yamaha YZF R1 – + 1.860
13- Daniele Beretta – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – + 2.047
14- Davide Giugliano – Team06 – Suzuki GSX-R 1000 – + 2.104
15- Domenico Colucci -SS Lazio Motorsport – Ducati 1098R – + 2.221
16- Dominic Lammert – Lammert Motorsport – BMW S1000RR – + 2.723
17- Ondrej Jezek – MS Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 2.776
18- Riccardo Della Ceca – Team Rosso e Nero – Yamaha YZF R1 – + 2.789
19- Pere Tutusaus – GoEleven – KTM RC8R – + 3.617
20- Nico Vivarelli – GoEleven – KTM RC8R – + 3.851
21- Denis Sacchetti – GoEleven – KTM RC8R – + 4.538
22- Chris Leeson – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 4.924
23- Michal Salac – MS Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 5.412
24- Andrea Romagnoli – Team Fox – Yamaha YZF R1 – + 5.623
25- Danilo Andric – Kuja Racing – Honda CBR 1000RR – + 5.934
26- Marcin Walkowiak – Bogdanka Racing – Honda CBR 1000RR – + 6.106
27- Tomas Svitok – SMS Racing – Honda CBR 1000RR – + 6.150
28- Mateusz Stoklosa – Lammert Motorsport – BMW S1000RR – + 6.257
29- Kim Arne Sletten – MTM Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 6.428
30- Philippe Thriet – SMS Racing – Honda CBR 1000RR – + 7.945

Valerio Piccini

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli, la cinquina storica da fuga iridata

Superbike

Superbike: Honda HRC al limite, ha già fatto fuori tre motori

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea stuzzica Scott Redding “E’ stato facile dominare”