Superstock 1000 Misano Prove Libere 2: ancora Badovini

Andrea Antonelli rimane molto vicino, terzo Baroni

26 giugno 2010 - 5:50

I piloti italiani continuano a far bene sul circuito di casa di Misano, nella categoria Superstock 1000. Chi ovviamente, non smette di far meglio di tutti è il pilota numero 1 di casa BMW Motorrad Italia, ovvero il leader della classifica Ayrton Badovini, che conclude al vertice anche il secondo turno di prove libere, dopo essere risultato il più veloce nelle qualifiche  1. Il 24enne piemontese ha ottenuto un best crono di 1’39.756, soltanto 40 millesimi più veloce del connazionale Andrea Antonelli, sempre molto veloce in sella alla Honda Lorini.

I centauri italiani hanno conquistano anche la terza e quarta posizione, occupate rispettivamente dal ravennate Lorenzo Baroni con la 1098R Pata B&G e dal marchigiano Marco Bussolotti, pilota Honda AllService System by QDP: questi ultimi due non riescono sicuramente a mantenere il passo del duo di testa, visto che il loro gap supera il mezzo secondo dalla vetta. Quarto è il primo pilota dello squadrone francese, ovvero il talentuoso Maxime Berger in sella alla Honda Ten Kate Junior, seguito a ruota dall’altro transalpino Sylvain Barrier del team BMW ASPI.

Dalla settima alla nona posizione troviamo altri tre piloti nostrani, con l’alfiere Honda Shiner Michele Magnoni che ha avuto la meglio sul pilota Team06 Davide Giugliano e su Eddi La Marra con la seconda Honda Lorini, questi ultimi due protagonisti di un’uscita sulla ghiaia a testa nel finale di turno.

Superstock 1000 FIM Cup 2010
Misano Adriatico, Classifica Prove Libere 2

01- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – 1’39.756
02- Andrea Antonelli – Team Lorini – Honda CBR 1000RR – + 0.040
03- Lorenzo Baroni – Team Pata B&G Racing – Ducati 1098R – + 0.518
04- Marco Bussolotti – All Service System by QDP – Honda CBR 1000RR – + 0.616
05- Maxime Berger – Ten Kate Race Junior – Honda CBR 1000RR – + 0.671
06- Sylvain Barrier – Garnier Junior Racing – BMW S1000RR – + 0.825
07- Michele Magnoni – Team Shiner – Honda CBR 1000RR – + 1.120
08- Davide Giugliano – Team06 – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.157
09- Eddi La Marra – Team Lorini – Honda CBR 1000RR – + 1.524
10- Loris Baz – MRS Racing – Yamaha YZF R1 – + 1.919
11- Domenico Colucci – SS Lazio Motorsport – Ducati 1098R – + 1.996
12- Danilo Petrucci – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 2.087
13- Matthieu Lussiana – Team ASPI – BMW S1000RR – + 2.096
14- Renè Mahr – MTM Racing Team – Suzuki GSX-R 1000 – + 2.146
15- Daniele Beretta – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – + 2.253
16- Dominic Lammert – Lammert Motorsport – BMW S1000RR – + 3.134
17- Pere Tutusaus – GoEleven – KTM RC8R – + 3.198
18- Riccardo Della Ceca – Team Rosso e Nero – Yamaha YZF R1 – + 3.339
19- Nico Vivarelli – GoEleven – KTM RC8R – + 3.591
20- Denis Sacchetti – GoEleven – KTM RC8R – + 3.952
21- Michal Salac – MS Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 4.021
22- Ondrej Jezek – MS Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 4.334
23- Chris Leeson – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 4.465
24- Mateusz Stoklosa – Lammert Motorsport – BMW S1000RR – + 4.606
25- Danilo Andric – Kuja Racing – Honda CBR 1000RR – + 4.989
26- Tomas Svitok – SMS Racing – Honda CBR 1000RR – + 4.997
27- Marcin Walkowiak – Bogdanka Racing – Honda CBR 1000RR – + 5.010
28- Kim Arne Sletten – MTM Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 5.600
29- Andrea Romagnoli – Team Fox – Yamaha YZF R1 – + 6.032
30- Philippe Thriet – SMS Racing – Honda CBR 1000RR – + 6.658

Valerio Piccini

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso senza alibi: “A Brno grandi aspettative”

Superbike, Ducati

Superbike, la Ducati a Portimao si affida all’aerodinamica

Superbike, Scott Redding

Scott Redding tra Superbike e MotoGP: una ‘bomba’ nel box Ducati