Superstock 1000 Imola Qualifiche 2: Badovini resta in pole

Pochi piloti in grado di migliorarsi nel finale di sessione

25 settembre 2010 - 13:46

Con la pista, a tratti, ancora non in perfette condizioni non sono sostanzialmente cambiate le posizioni nella classifica combinata dei due turni ufficiali della Superstock 1000 FIM Cup a Imola, quantomeno in testa alla graduatoria. Ayrton Badovini, titolo già in tasca a Silverstone e quasi certamente con un futuro in Superbike con la stessa squadra, ha così potuto celebrare senza troppe preoccupazioni l’ottava pole position stagionale su 9 gare, mancano all’appello soltanto ad Assen beffato da Maxime Berger, domani terzo in griglia.

Nessun cambiamento nelle prime file dello schieramento dove ritroveremo in ottima posizione Lorenzo Zanetti, secondo assoluto con la Ducati 1098R del SS Lazio Motorsport (Stop & Go Racing Team), con Andrea Antonelli quarto a completare ancora una volta la prima fila con la Honda Fireblade del Team Lorini.

La partecipazione tricolore nelle posizioni di vertice, per molti anche a caccia di un posto nel “Team Italia” voluto dalla Federmoto anche per la Superstock 1000 in ottica 2011, è consolidata dal sesto tempo di Lorenzo Baroni (Ducati B&G) seguito da Davide Giugliano (Suzuki Team06), Eddi La Marra (Honda Team Lorini), mentre è 10° Domenico Colucci primo tra le wild card con la stessa Ducati del Barni Racing Team con la quale ha vinto domenica scorsa a Misano nel CIV, preceduto dalla sorprendente KTM di Pere Tutusaus del team GoEleven.

Scorrendo la classifica 11° è Daniele Beretta, 12° Michele Magnoni, 13° Danilo Petrucci, 14° Nico Vivarelli e 16° Andrea Boscoscuro, tutti con ampi margini di miglioramento, impossibilitati a recuperare posizioni in classifica per via delle condizioni della pista. Sarà per loro una gara di rimonta domani alle 10:40 cercando di fermare l’inarrestabile avanzata di Ayrton Badovini a caccia del 9° trionfo su 9 gare e della “stagione perfetta”.

Superstock 1000 FIM Cup 2010
Imola, Classifica complessiva Qualifiche

01- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – 1’51.528
02- Lorenzo Zanetti – SS Lazio Motorsport – Ducati 1098R – + 0.997
03- Maxime Berger – Ten Kate Race Junior – Honda CBR 1000RR – + 1.165
04- Andrea Antonelli – Team Lorini – Honda CBR 1000RR – + 1.194
05- Sylvain Barrier – Garnier Junior Racing Team – BMW S1000RR – + 1.745
06- Lorenzo Baroni – Team Pata B&G Racing – Ducati 1098R – + 1.854
07- Davide Giugliano – Team06 – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.966
08- Eddi La Marra – Team Lorini – Honda 1000RR – + 2.207
09- Pere Tutusaus – GoEleven – KTM RC8R – + 2.445
10- Domenico Colucci – Barni Racing Team – Ducati 1098R – + 2.571
11- Daniele Beretta – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – + 2.856
12- Michele Magnoni – Bevilacqua Corse – Honda CBR 1000RR – + 2.884
13- Danilo Petrucci – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 3.164
14- Nico Vivarelli – GoEleven – KTM RC8R – + 3.482
15- Michael Savary – Motoracingparts STK1000 – BMW S1000RR – + 3.539
16- Andrea Boscoscuro – All Service System by QDP – Honda CBR 1000RR – + 3.774
17- Danilo Andric – Kuja Racing – Honda CBR 1000RR – + 4.302
18- Kyle Smith – GoEleven – KTM RC8R – + 4.637
19- Ondrej Jezek – MS Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 5.448
20- Matthieu Lussiana – Team ASPI – BMW S1000RR – + 5.503
21- Michal Salac – MS Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 5.966
22- Gabriel Berclaz – Berclaz Racing Team – Honda CBR 1000RR – + 5.995
23- Randy Pagaud – Garnier Junior Racing Team – BMW S1000RR – + 6.894
24- Chris Leeson – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 6.972
25- Tomas Svitok – SMS Racing – Honda CBR 1000RR – + 7.255
26- Philippe Thriet – SMS Racing – Honda CBR 1000RR – + 7.495
27- Marcin Walkowiak – Bogdanka Racing – Honda CBR 1000RR – + 7.664
28- Kim Arne Sletten – MTM Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 8.505

Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Toprak

Superbike Portimao, Toprak si prende anche FP3 Yamaha velocissime

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding esagerato “Bautista con la Ducati andava a 5000 km/h”

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea “Adesso io e la Ninja ci stiamo capendo”