Superstock 1000 Assen Prove 2: Barrier sotto la pioggia

Miglior tempo proprio allo scadere davanti a Bussolotti

21 aprile 2012 - 5:51

Rispettando appieno le previsioni metereologiche del week-end, i giovani talenti under-26 della Superstock 1000 FIM Cup hanno incontrato la pioggia nella conclusiva mezz’ora di prove libere al TT Circuit Van Drenthe di Assen, confermando appieno i valori espressi nella giornata del venerdì nonostante un drastico cambiamento delle condizioni climatiche. Sylvain Barrier, alla quarta stagione nella categoria e seconda da alfiere BMW Motorrad Italia, proprio allo scadere ha fermato i cronometri sul 2’12″705, best-time della sessione nonostante una scivolata nei minuti precedenti all’altezza dell’ultima variante.

Risalito in sella alla propria BMW S 1000 RR numero 20, il vincitore del primo round ad Imola ha staccato di mezzo secondo l’ex vice-campione europeo Superstock 600 Marco Bussolotti, secondo assoluto con la Ducati 1098R del team slovacco SK Energy Racing, mostrandosi particolarmente a proprio agio su queste avverse condizioni climatiche. Al terzo anno tra le Stock 1000 dopo precedenti esperienze con Honda QDP e Kawasaki Pedercini, “Busso” ha distanziato di 297 millesimi Loris Baz, 2° con la Kawasaki del MRS Racing, competitivo nell’ultimo “run” effettuato con dei parziali interessanti nel primo e secondo settore ai comandi della propria Ninja ZX-10R.

Se i primi 3 sono racchiusi in 8/10, gli altri protagonisti della categoria scontano uno svantaggio superiore al 1″ a cominciare da Markus Reiteberger, 4° con la BMW preparata da alpha Racing, seguito dall’ex campione australiano Superbike Bryan Staring (Kawasaki Pedercini) e Fabio Massei, uno dei pochi ad aver già girato sotto la pioggia ad Assen quest’anno grazie alla comparsata da wild card dello scorso 9 aprile nella prova inaugurale dell’ONK Dutch Superbike, sempre ai comandi di una Honda Fireblade del Ten Kate Junior Team.

Secondo copione, nell’arco della sessione si sono registrate un numero infinito di cadute: da Lorenzo Baroni (BMW Motorrad Italia) a Massimo Parziani (Aprilia M.V. Racing) passando per Tiago Dias, Christoffer Bergman (buon 7° crono assoluto con la Kawasaki BWG), Bogdan Vraijitoru e per i due piloti DMC Racing su Ducati 1199 Panigale Kev Coghlan e Alexey Ivanov. Anche per questa ragione in molti, vedi gli alfieri del Barni Racing Team Italia Eddi La Marra e Lorenzo Savadori, hanno preferito non prendersi rischi inutili rimandando il tutto a questo pomeriggio nella speranza di incontrare condizioni climatiche decisamente più favorevoli per contendere a Sylvain Barrier la pole position.

Superstock 1000 FIM Cup 2012
Assen, Classifica Prove Libere 2

01- Sylvain Barrier – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR – 2’12.705
02- Marco Bussolotti – SK Energy Racing Team – Ducati 1098R – + 0.533
03- Loris Baz – MRS Racing – Kawasaki ZX-10R – + 0.830
04- Markus Reiterberger – Team alpha Racing – BMW S1000RR – + 1.777
05- Bryan Staring – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 2.041
06- Fabio Massei – EAB Ten Kate Junior Team – Honda CBR 1000RR – + 3.625
07- Christoffer Bergman – BWG Racing Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 7.682
08- Tiago Dias – Team Dias – Kawasaki ZX-10R – + 8.344
09- Jeremy Guarnoni – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 8.597
10- Alen Gyorfi – MetalCom Adrenalin H-Moto – Honda CBR 1000RR – + 8.634
11- Danilo Lewis – Team Brazil by ASPI – Kawasaki ZX-10R – + 9.671
12- Tomas Svitok – SK Energy Racing Team – Ducati 1098R – + 9.881
13- Andrzej Chmielewski – Red Devils Roma – Ducati 1098R – + 9.989
14- Randy Pagaud – Team OGP – Kawasaki ZX-10R – + 10.208
15- Federico Sandi – Althea Racing – Ducati 1199 Panigale – + 10.542
16- Lorenzo Savadori – Barni Racing Team Italia – Ducati 1199 Panigale – + 10.628
17- Kev Coghlan – DMC Racing – Ducati 1199 Panigale – + 12.743
18- Alexey Ivanov – DMC Racing – Ducati 1199 Panigale – + 13.389
19- Bogdan Vrajitoru – CSM Bucharest – Kawasaki ZX-10R – + 23.496

Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

honda hrc superbike

Superbike, Alvaro Bautista: “Fornire feedback utili agli ingegneri HRC”

Superbike, Leon Camier

Superbike, Leon Camier diventa team manager Honda HRC

Toprak Razgatlioglu

Kenan Sofuoglu: un piano per portare Toprak in MotoGP