Superstock 1000: al via il sesto round 2011 a Silverstone

Giugliano leader, Zanetti e Petrucci all'inseguimento

28 luglio 2011 - 3:50

Oltrepassato il giro di boa della stagione, la Superstock 1000 FIM Cup questo fine settimana sarà di scena sul rinnovato tracciato di Silverstone per il sesto di dieci appuntamenti stagionali con la classifica che parla chiaro. Davide Giugliano, forte di tre vittorie e due secondi posti in cinque gare, vanta un buon margine sui più diretti inseguitori in classifica: 31 su Lorenzo Zanetti, 46 su Danilo Petrucci, 50 su Sylvain Barrier, tornato in corsa grazie alla prima vittoria in carriera conseguita nell’ultimo round di Brno. Un tesoretto importante da amministrare per Davide Giugliano, che quest’anno in sella alla Ducati 1098R preparata dall’Althea Racing non ha sbagliato un colpo. Il pilota romano, al quarto anno da presenza fissa nella categoria, a Silverstone non cambierà la propria strategia: attaccare per provare a vincere e mettere a segno una seria ipoteca alla FIM Cup 2011.

Un proposito ambizioso, ma in linea con quanto emerso nella prima parte della stagione, chiamando obbligatoriamente i rivali a dare il massimo per recuperare terreno in classifica. Il primo di questa lista è Lorenzo Zanetti (BMW Motorrad Italia), secondo pagando 31 punti dalla vetta, ma con un weekend a Brno da dimenticare per la brutta botta rimediata nelle prove. In gara da infortunato “Zorro” si è dovuto accontentare del terzo posto perdendo 4 punticini nel confronto diretto, ma restando pienamente in corsa per il traguardo finale. Stesso si può dire di Danilo Petrucci, poleman nelle ultime tre gare (Misano, Aragon e Brno con tempi da… Superbike!), ma fin troppo sfortunato con la caduta in Repubblica Ceca che grida vendetta. Il portabandiera del Team Italia FMI, in sella con la Ducati del Barni Racing Team, cercherà a Silverstone la prima affermazione continentale motivato dal recente successo nel CIV al Mugello (sempre più leader della serie tricolore) e dal nuovo test con la nuova Ducati “Extreme”. Tanti impegni per “Petrux”, tanta voglia di riconfermarsi per Sylvain Barrier, ora a -50 da Giugliano grazie alla vittoria di Brno, in cerca di un equilibrio in grado di garantirgli una seconda parte della stagione da assoluto protagonista confermandosi come miglior “straniero” in una top-10 sostanzialmente monopolizzata dai piloti italiani, fatta eccezione per il promettente 17enne tedesco Markus Reiterberger (Garnier Alpha Racing Team) che ha messo in mostra tutto il potenziale a Brno concludendo al quarto posto e ad un passo dal podio con la BMW S1000RR preparata da Alpha Technik: non male per un esordiente con trascorsi soltanto nella Yamaha R6 Cup, vinta lo scorso anno…

A Silverstone ovviamente è lecito attendersi una gara da protagonista del campione 2007 ed ex-MotoGP Niccolò Canepa, sempre più a suo agio con la Ducati del Lazio MotorSport, senza scordarci di Andrea Antonelli, terzo lo scorso anno, vittorioso domenica in Gara 2 del CIV al Mugello in qualità di wild card con la Honda del Team Lorini. Nella top-10 del campionato figurano anche i nostri Fabio Massei (BMW Piellemoto) e Lorenzo Baroni (Althea Racing), per una pattuglia tricolore della Superstock 1000 rafforzata da Eddi La Marra (Honda Lorini) e dal suo nuovo compagno di squadra Davide Fanelli, Luca Verdini (passato in Kawasaki GoEleven), Marco Bussolotti (Kawasaki Pedercini), l’ex campione italiano ed europeo 125cc Lorenzo Savadori (Kawasaki Lorenzini by Leoni) e Ferruccio Lamborghini, protagonista di un buon esordio (12°) a Brno con la Honda del Ten Kate Junior Team. Ci sarà da seguire questo fine settimana con grande interesse due wild card di spessore come Taylor Knapp, americano con trascorsi nell’AMA Superbike oggi con la Kawasaki del CN Racing, ed il 23enne Keith Farmer, iscritto ufficialmente dal Kawasaki Racing Team (Paul Bird Motorsport), attuale leader del British Superstock 600. Protagonista invece della Stock 1000 britannica Danny Buchan, in ripresa dopo la frattura della clavicola rimediata a Brno all’esordio con la seconda Kawasaki del team GoEleven, tra i sicuri protagonisti per l’appuntamento di casa. Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Mondiale difficile al primo tentativo”

ana carrasco

Ana Carrasco, inizia la riabilitazione: le cicatrici sulla schiena

Superbike, Garrett Gerloff

Superbike: Garrett Gerloff scala il podio, e se fosse solo l’inizio?