Supersport Test Portimao: Michele Pirro al comando

Leader con la Honda Ten Kate davanti a Lascorz

23 gennaio 2010 - 16:14

Un bel testa a testa finale, risolto con un riferimento cronometrico di assoluto valore (tenendo conto delle condizioni del tracciato) da parte di Michele Pirro. Il campione italiano in carica, alla terza presa di contatto con la Honda del team Ten Kate, è riuscito a portarsi in vetta a chiusura della seconda giornata di prove collettive della Supersport a Portimao. Nonostante le difficili condizioni climatiche, il giovane pilota tricolore (nella foto Crash.net) ha spiccato un significativo 1’47″168, staccando di 3/10 Joan Lascorz con il quale ha ingaggiato un bel confronto negli ultimi 10 minuti di prove a disposizione.

Senza Kenan Sofuoglu, “stoppato” dai medici della Clinica Mobile dopo la visita di controllo in seguito all’infortunio alla caviglia sinistra, il team Ten Kate può comunque esser soddisfatto delle prestazioni del nuovo acquisto, che ha lasciato alle spalle anche il vice-campione in carica Eugene Laverty, terzo e al lavoro con la Honda Parkalgar dotata di alcuni aggiornamenti tecnici.

I riferimenti cronometri “assoluti” restano comunque lontani dalle prestazioni del GP 2009 per via delle condizioni climatiche, ma si nota pur sempre un bel gap tra i primi e gli altri. Miguel Praia, idolo di casa, è quarto a oltre 1″ davanti a Chaz Davies, capo del folto gruppo di Triumph presenti: Salom 8° a 2″3, Charpentier si prende oltre 3″ così come l’americano Jason Di Salvo.

Tutto sommato positivo il primo bilancio del Kuja Racing, che riesce a portare Danilo Dell’Omo in 9° posizione e Paola Cazzola 12°, limando parecchi secondi rispetto ai precedenti riferimenti cronometrici e tenendosi alle spalle Lundh e Chesaux, quest’ultimo caduto nella mattinata e ancora non al meglio dopo il brutto volo.

Supersport World Championship 2010
Infront Motor Sports Official Test Portimao
Classifica secondo giorno di prove

01- Michele Pirro – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 600RR – 1’47.168 (29 giri)
02- Joan Lascorz – Kawasaki Provec Motocard.com – Kawasaki ZX-6R – + 0.359 (39 giri)
03- Eugene Laverty – Parkalgar Honda – Honda CBR 600RR – + 0.434 (27 giri)
04- Miguel Praia – Parkalgar Honda – Honda CBR 600RR – + 1.032 (33 giri)
05- Chaz Davies – ParkinGO Triumph BE1 – Triumph Daytona 675 – + 1.121 (37 giri)
06- Katsuaki Fujiwara – Kawasaki Provec Motocard.com – Kawasaki ZX-6R – + 1.755 (39 giri)
07- Fabien Foret – Lorenzini by Leoni – Kawasaki ZX-6R – + 2.068 (34 giri)
08- David Salom – ParkinGO BE1 Triumph – Triumph Daytona 675 – + 2.398 (27 giri)
09- Danilo Dell’Omo – Kuja Racing – Honda CBR 600RR – + 2.416 (40 giri)
10- Sebastien Charpentier – ParkinGO Triumph BE1 – Triumph Daytona 675 – + 3.127 (38 giri)
11- Jason Di Salvo – ParkinGO BE1 Triumph – Triumph Daytona 675 – + 3.515 (38 giri)
12- Paola Cazzola – Kuja Racing – Honda CBR 600RR – + 3.936 (50 giri)
13- Alexander Lundh – Cresto Guide Racing Team – Honda CBR 600RR – + 4.435 (47 giri)
14- Bastien Chesaux – YZF Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 5.574 (34 giri)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Ducati

Superbike, la Ducati a Portimao si affida all’aerodinamica

Superbike, Scott Redding

Scott Redding tra Superbike e MotoGP: una ‘bomba’ nel box Ducati

Superbike, Yamaha

Superbike: Yamaha corre ai ripari, c’è un problema motori come in MotoGP?