Supersport Miller Gara: Kenan Sofuoglu da dominatore

Vittoria senza discussioni davanti a Laverty e Lascorz

31 maggio 2010 - 18:10

Una corsa durata tre giri, il tempo giusto per Kenan Sofuoglu al fine di recuperare da una partenza difficile, prendere la prima posizione e scappare verso la 16° vittoria in carriera nel World Supersport (nessuno come lui, primo nella classifica di tutti i tempi), la seconda stagionale che lo porta a +6 nella classifica di campionato. L’iridato 2007 in sella alla Honda Ten Kate è riuscito a metter in pratica un passo irresistibile, specie per Eugene Laverty e Joan Lascorz, ritenuti potenziali contendenti per la vittoria alla vigilia, impossibilitati a replicare i riferimenti cronometrici del pilota turco che pensa al bis titolato.

Podio a ricalcare pienamente la classifica di campionato dove Sofuoglu porta a 6 il proprio margine su Eugene Laverty, 14 su Joan Lascorz. Il mondiale sì, avvincente e combattuto, non come le ultime gare della categoria soporifere come mai si ricorda in una classe da sempre vetrina per piloti, squadre, case e tra le più spettacolari nel panorama motociclistico internazionale.

Gli unici sussulti arrivano dalla bagarre per la quarta posizione, dove Chaz Davies intraversa puntualmente in staccata la propria Triumph Daytona 675, guida sporca ma redditizia che vale un risultato ai margini del podio replicando la medesima posizione in campionato davanti a Michele Pirro, quinto con un casco “stars and stripes”, non ancora in grado di tenere il ritmo dei tre fuggitivi là davanti (14″ lo svantaggio sul traguardo) pur riuscendo a resistere agli attacchi di Fujiwara e Salom nel finale.

Gara difficile per Massimo Roccoli, tredicesimo e non al meglio della condizione fisica per il brutto volo di Kyalami aspettando Misano Adriatico, dove lo schieramento degli italiani della Supersport dovrebbe ritornare (e probabilmente superare) le quattro unità. Tanti invece gli americani a Miller: Jason DiSalvo delude ed è 11°, il giovanissimo Tyler Odom è 16°, Jason Farrell con qualche problema è diciottessimo. Melissa Paris? Fuori gioco, caduta dopo sei giri.

Cronaca di Gara

Allo spegnimento del semaforo Sofuoglu sembra in grado di mantenere la pole, ma arriva lungo alla prima staccata aprendo la porta a Laverty. L’iridato 2007 viene scavalcato, anche se per poco, pure da Davies, ma in poco tempo sarà in grado di portarsi all’inseguimento della Honda #50 dell’irlandese di casa Parkalgar. Subito duello tra i due per la prima posizione, dietro step by step Lascorz si porta in terza posizione a precedere Davies e Pirro, il quale era anche riuscito per un istante a passare la Daytona 675 del pilota britannico nel corso del terzo giro.

Va meglio al suo compagno di squadra Sofuoglu: primo tentativo di sorpasso al terzo passaggio in fondo al rettilineo, replica alla tornata successiva questa volta con un buon esito a favore del pilota di Adapazari, leader su Laverty, Lascorz in recupero ed il folto gruppone composto da Davies, Pirro, Fujiwara, Harms, Rea e tutti gli altri.

Sofuoglu giro dopo giro porta il proprio margine superiore al 1″5, “ammazzando” letteralmente la gara che riserva momenti spettacolari soltanto per la lotta giù dal podio con 6 piloti tutti con stile di guida diversi. Non c’è grande gioia invece per Melissa Paris, caduta al sesto giro quando era in ultima posizione concludendo così la sua seconda esperienza nel mondiale come wild card.

Niente da fare per lo spettacolo, non ci sono sorpassi ma tanti traversi di Chaz Davies per contenere la quarta posizione su Pirroo, Fujiwara e Salom. Questa lotta si concluderà nel finale senza alcun cambiamento: Sofuoglu vince davanti a Laverty e Lascorz, stessa identica situazione in campionato in vista di Misano Adriatico.

Supersport World Championship 2010
Salt Lake City, Classifica Gara

01- Kenan Sofuoglu – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 600RR – 18 giri in 33’45.278
02- Eugene Laverty – Parkalgar Honda – Honda CBR 600RR – + 1.028
03- Joan Lascorz – Kawasaki Provec Motocard.com – Kawasaki ZX-6R – + 1.673
04- Chaz Davies – ParkinGO Triumph BE1 – Triumph Daytona 675 – + 13.209
05- Michele Pirro – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 600RR – + 14.209
06- Katsuaki Fujiwara – Kawasaki Provec Motocard.com – Kawasaki ZX-6R – + 14.386
07- David Salom – ParkinGO BE1 Triumph – Triumph Daytona 675 – + 14.603
08- Robbin Harms – Harms Benjan Racing – Honda CBR 600RR – + 20.582
09- Gino Rea – Intermoto Czech – Honda CBR 600RR – + 22.895
10- Fabien Foret – Team Lorenzini by Leoni – Kawasaki ZX-6R – + 27.100
11- Jason DiSalvo – ParkinGO BE1 Triumph – Triumph Daytona 675 – + 27.211
12- Matthieu Lagrive – ParkinGO Triumph BE1 – Triumph Daytona 675 – + 28.293
13- Massimo Roccoli – Intermoto Czech – Honda CBR 600RR – + 28.393
14- Miguel Praia – Parkalgar Honda – Honda CBR 600RR – + 41.986
15- Alexander Lundh – Cresto Guide Racing Team – Honda CBR 600RR – + 48.402
16- Tyler Odom – Erion Racing – Honda CBR 600RR – + 48.689
17- Bastien Chesaux – Harms Benjan Racing – Honda CBR 600RR – + 1’12.283
18- Jason Farrell – Indy Superbikes.com – Kawasaki ZX-6R – + 1’56.115

Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Ana Carrasco

Ana Carrasco, il ritorno della guerriera: “Se cadi sette volte, rialzati otto”

Superbike, Tom Sykes

Superbike, Tom Sykes impaziente “BMW deve dirmi adesso se andiamo avanti”

locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli, la cinquina storica da fuga iridata