Supersport: i tre capoclassifica pronti per Monza

Lascorz per confermarsi, Sofuoglu e Laverty all'attaco

6 maggio 2010 - 5:42

Quattro gare, tre diversi vincitori e già in “fuga” in campionato. La Supersport 2010 vede in Monza come un’occasione utile per rivalutare il potenziale dei protagonisti della serie a cominciare da Joan Lascorz, vincitore a Valencia, attuale leader con 85 punti con la Kawasaki ZX-6R ufficiale del team Provec Motocard.com.

A Monza voglio esser in grado di lottare per la vittoria“, ammette il pilota spagnolo. “Per questo dobbiamo ottenere un buon risultato in qualifica. Al momento stiamo prendendo una gara alla volta e con la squadra cerchiamo di non commetter errori, lavorando duramente per vincer sempre. Siamo in testa al campionato proprio per questo, siamo costanti, ma anche veloci“.

Secondo in campionato è Kenan Sofuoglu a quota 77, frutto della vittoria di Portimao, ma anche per una buona costanza di rendimento: sempre sul podio.

Il risultato di Assen, anche se ho concluso terzo guadagnando qualche punto utile per il campionato, mi ha deluso. Sono rimasto in Olanda per capire con la squadra come mai non siamo riusciti a vincere e quali problemi abbiamo avuto, rinunciando alla mia vacanza in Turchia. La moto era sì veloce, ma non competitiva per la durata della corsa. La nostra base è buona, ma per Monza dobbiamo tornare a vincere“.

Insegue a 66 punti Eugene Laverty che si aspettava un ruolino di marcia più costante. Vittoria a Phillip Island, scivolata a Portimao, opaca prova a Valencia, di nuovo vittoria sul circuito di Assen con la Parkalgar Honda.

In questi giorni sono tornato a casa per riposarmi un pò, ma adesso siamo tutti pronti per Monza. So che la squadra ha lavorato al banco prova per trovare più cavalli in più: a Monza è tutto potenza e scia, non ci faremo trovare impreparati“.

Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp aragon

MotoGP/Superbike, ad Aragón tutti gli eventi a porte chiuse

Superbike, Ana Carrasco

Ana Carrasco, il ritorno della guerriera: “Se cadi sette volte, rialzati otto”

Superbike, Tom Sykes

Superbike, Tom Sykes impaziente “BMW deve dirmi adesso se andiamo avanti”