Supersport: dopo Kyalami campionato apertissimo

Tre piloti in cinque punti, Laverty con qualcosa in più

17 maggio 2010 - 7:54

La Supersport a Kyalami ha proposto una gara soporifera per un campionato avvincente come non si vedeva da diversi anni, se non altro per il terzetto in piena corsa per il titolo, racchiuso in soli cinque punti. Logica conseguenza di un livello molto alto al vertice, con Eugene Laverty vincitore della quarta corsa (su sei fin qui disputate) stagionale, terza consecutiva. Il vice-campione in carica, che paga (e molto) la scivolata di Portimao ed il problematico fine settimana di Valencia, ha concretizzato la rimonta inseguita da tempo. La vittoria, senza discussioni, di Kyalami lo ha proiettato ad un solo punto da Kenan Sofuoglu, “ragioniere”, sempre sul podio senza mai scendere sotto il terzo gradino del podio, conquistando la leadership pur con la delusione per non esser riuscito a contrastare l’avanzata del pilota di nazionalità irlandese.

Laverty in queste ultime gare è parso irresistibile. Ad Assen non è bastato il miglior Lascorz, a Monza non c’è stata storia, in Sud Africa nella seconda parte di gara viaggiava con un passo ineguagliabile, con quel mezzo secondo di margine sul giro singolo a gomme “finite” che ha fatto la differenza. Lavoreranno molto in Ten Kate per capire quali soluzioni hanno adottato al team Parkalgar per far rendere al meglio, giro dopo giro, la Honda CBR 600RR: in tracciati particolarmente esigenti per gli pneumatici Laverty ha sempre un altro ritmo, come dimostrano le affermazioni e ruolino di marcia impressionante in circuiti quali Phillip Island e, appunto, Kyalami.

Chi per tutto il week-end ha accusato problemi è Joan Lascorz, arrivato fiducioso in Sud Africa, soltanto quinto sul traguardo merito soprattutto della propria determinazione che di una Kawasaki in visibile difficoltà. “Non c’è grip” è la frase che ha ripetuto l’ormai ex-leader di campionato per tutto il fine settimana, quasi rassegnato a veder lontano il podio. Da primo a terzo in un sol colpo per una classifica in continua evoluzione: Sofuoglu 117, Laverty 116, Lascorz 112. Lo spettacolo a Kyalami è mancato, non nella lotta al titolo. Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

locatelli supersport aragon

Supersport: Andrea Locatelli, un giorno di test per preparare Aragón

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea: “Capisco bene la moto, mi parla”

pirro motogp

MotoGP, Michele Pirro: “In Austria per aiutare Ducati e dare gas”