Supersport: divorzio tra Jason DiSalvo e Triumph BE1

Si conclude l'esperienza dell'americano in Supersport

8 giugno 2010 - 4:45

Con un comunicato stampa Jason DiSalvo ha annunciato la chiusura del rapporto di collaborazione con il team ufficiale ParkinGO Triumph BE1 del mondiale Supersport. Il pilota americano, che dal 2002 al 2008 è stato pilota factory Yamaha USA nei campionati AMA (Superbike, Supersport, Superstock, FX), ha deciso di comune accordo con la squadra italiana di terminare questa esperienza dopo la deludente prova sul circuito di casa al Miller Motorsports Park, dove ha concluso in 8° posizione ritrovandosi 15° in campionato.

Sono grato al team BE1 Racing per avermi consentito di correre in un campionato di così alto livello“, afferma DiSalvo, “ringrazio tutti per questa possibilità. Il team quest’anno ha raddoppiato gli sforzi schierando quattro piloti, è stata l’unica squadra a farlo, e questo ha reso difficile per tutti dare il meglio di se. La nostra moto era 10-15 km/h più lenta in rettilineo rispetto alle altre e questo nessuno può ignorarlo.

Spero che senza di me, quindi con un pilota in meno, la squadra riesca a ottenere risultati migliori. Io cercherò un team per continuare a correre in questa stagione. Sono comunque grato a BE1 e a tutti i ragazzi che hanno sempre dato il massimo per cercare di mettermi in condizione di ben figurare“.

Jason DiSalvo dovrebbe tornare a correre nei campionati AMA, mentre il team ParkinGO BE1 potrebbe proseguire soltanto con il terzetto composto da Chaz Davies, David Salom e Matthieu Lagrive, come da programmi fissati a inizio del campionato precedenti la sostituzione di Garry McCoy prima con Sebastien Charpentier e, successivamente, con Lagrive.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Scott Redding tra Superbike e MotoGP: una ‘bomba’ nel box Ducati

Superbike, Yamaha

Superbike: Yamaha corre ai ripari, c’è un problema motori come in MotoGP?

locatelli supersport

Andrea Locatelli: “Futuro? Vorrei la Superbike con Evan Bros”