Supersport: attesa per Melissa Paris questo week-end a Miller

Seconda esperienza come wild card nel mondiale

27 maggio 2010 - 5:06

Questo week-end l’America dei motori sarà divisa: per il mondo dell’automobilismo c’è la 500 miglia di Indianapolis, per le due ruote il World Superbike al Miller Motorsports Park, con le gare che si disputeranno nella giornata di lunedì 31 maggio. La buona notizia è che c’è molto “rosa” nelle varie specialità: alla Indy 500 c’è il record di quattro donne al via, con Danica Patrick, Sarah Fisher, Ana Beatriz e Simona De Silvestro.

Non è da meno la Superbike, o meglio, la Supersport, che rivedrà al via ad un anno di distanza Melissa Paris, abituale protagonista della Daytona SportBike, campionato di riferimento AMA. Dopo aver seguito l’avventura di Paola Cazzola nei primi quattro round (con la speranza/possibilità di un ritorno in azione a partire da Misano dopo la chiusura del rapporto di collaborazione con il Kuja Racing), un’altra motociclista tornerà nella 600cc, al secondo gettone di presenza dopo la wild card del 2009.

Melissa Paris, sposata con Josh Hayes (pilota ufficiale Yamaha nell’American Superbike), conosce bene il Miller Motorsports Park, avendoci corso in questi anni diverse gare dei campionati WERA e USGPRU con tutte le moto, dalle 600cc 4 tempi alle 250cc 2 tempi. In Supersport sarà al via nuovamente con la stessa Yamaha YZF R6 (adattata al regolamento FIM) del MPH Racing con la quale ha corso la 200 miglia di Daytona, sfortunatissima tanto da volare a terra nelle prime fasi di gara rimediando un infortunio alla mano sinistra.

Rientrata a Road Atlanta, Melissa Paris è stata protagonista di una serie di eventi promozionali per il lancio del film “Iron Man 2”, con i loghi della produzione Marvel sulle carenature della propria R6 e anche una comparsata sull’emittente americana CBS. Sicuramente sarà tra seguitissima a Salt Lake City da appassionati e addetti ai lavori, con il personale obiettivo di arrivare vicina alla zona punti.

Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Ana Carrasco

Ana Carrasco, il ritorno della guerriera: “Se cadi sette volte, rialzati otto”

Superbike, Tom Sykes

Superbike, Tom Sykes impaziente “BMW deve dirmi adesso se andiamo avanti”

locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli, la cinquina storica da fuga iridata