Supersport Assen Qualifiche 2: Lowes conserva la pole

Seconda consecutiva dopo Imola, tre Honda in prima fila

21 aprile 2012 - 13:13

Nonostante l’asfalto asciutto, per i 32 protagonisti del Mondiale Supersport non è stato possibile nel secondo turno di qualifiche ufficiali ritoccare i migliori riferimenti cronometrici della giornata del venerdì, con il risultato di consegnare a Sam Lowes la terza pole position in carriera, la seconda consecutiva dopo Imola. Portacolori Bogdanka PTR Honda, l’ex campione britannico Supersport è riuscito ad amministrare l’1’38″900 conseguito ieri in un concitato duello finale con Broc Parkes, determinato a far sua la pole sul tracciato di casa del team Ten Kate Honda, vantando i riferimenti acquisiti in un test privato effettuato settimana. Entrambi sotto di un paio di decimi nei primi due settori, tanto Lowes quanto Parkes non sono stati in grado di completare l’ideal lap, confermando di conseguenza i valori espressi nel venerdì con il giovane britannico che scatterà nuovamente dal palo, affiancato in prima fila oltre che dall’ex vice-campione del mondo anche dal compagno di squadra (ma non di colori) in Performance Technical Racing Jules Cluzel (3°) e da Kenan Sofuoglu, risalito in quarta posizione con la Kawasaki Lorenzini, seppur non al meglio della forma fisica per il recente doppio-infortunio (ginocchio e calcagno della gamba destra) rimediato alla vigilia della prova Imola.

Scatterà invece soltanto dalla quinta posizione in griglia il capo-classifica di campionato su Kawasaki Intermoto Step Fabien Foret, reduce dalla “faticaccia” del Bol d’Or di Magny Cours dove ha condotto la Suzuki GSX-R 1000 della S.E.R.T. in 2° posizione assoluta completando da solo ben 10 delle 24 ore di gara, recuperando nella nottata 3 giri di svantaggio (!) complice una scivolata del proprio pluri-decorato compagno di squadra Vincent Philippe. Tornando alla più stretta attualità, l’iridato 2002 e due volte vincitore ad Assen si ritroverà in seconda fila il sorprendente ungherese Imre Toth (6°), la seconda Kawasaki Lorenzini di Sheridan Morais ed il russo vice-campione italiano Stock 600 in carica Vladimir Leonov, caduto a fine sessione senza conseguenze con la R6 del Yakhnich Motorsport.

A proposito di Yamaha, con il 9° crono Massimo Roccoli (Bike Service WTR Ten10) è il migliore dei nostri portabandiera, meglio di un Andrea Antonelli in crescita con la Honda Lorini (13°), seguito da Vittorio Iannuzzo (14° su Triumph Suriano), l’ex campione italiano Roberto Tamburini (16° con la seconda Honda Lorini), ventesimo Alex Baldolini (vittima di una scivolata con la Triumph Daytona 675 del team Suriano), 21esimo il rientrante Lorenzo Lanzi il più veloce stamattina nelle prove libere bagnate dalla pioggia con la Honda ex-Pesek del team ceco ProRace.

Completano il bilancio tricolore nelle qualifiche di Assen il campione italiano Stock 600 in carica Dino Lombardi (22°), in fondo le Yamaha del VFT Racing di Fabio Menghi e Luca Marconi, a braccetto rispettivamente in 26° e 27° posizione. Fuori dal 107 %, ma con ogni probabilità comunque ammessi alla gara in programma domani a partire dalle 13:30, i russi del team RivaMoto Eduard Blokhin e Oleg Pozdneev, scontando un gap di 8-9″ dal poleman Sam Lowes.

Supersport World Championship 2012
Assen, Classifica Riepilogativa Qualifiche

01- Sam Lowes – Bogdanka PTR Honda – Honda CBR 600RR – 1’38.900
02- Broc Parkes – Ten Kate Racing Products – Honda CBR 600RR – + 0.039
03- Jules Cluzel – PTR Honda – Honda CBR 600RR – + 0.550
04- Kenan Sofuoglu – Kawasaki DeltaFin Lorenzini – Kawasaki ZX-6R – + 0.648
05- Fabien Foret – Kawasaki Intermoto Step – Kawasaki ZX-6R – + 0.830
06- Imre Toth – Racing Team Toth – Honda CBR 600RR – + 1.140
07- Sheridan Morais – Kawasaki DeltaFin Lorenzini – Kawasaki ZX-6R – + 1.190
08- Vladimir Leonov – Yakhnich Motorsport – Yamaha YZF R6 – + 1.389
09- Massimo Roccoli – Bike Service WTR Ten10 – Yamaha YZF R6 – + 1.426
10- Mathew Scholtz – Bogdanka PTR Honda – Honda CBR 600RR – + 1.490
11- Valentin Debise – SMS Racing – Honda CBR 600RR 1’41.160 – + 1.624
12- Jed Metcher – RivaMoto Junior Team – Yamaha YZF R6 – + 1.718
13- Andrea Antonelli – Team Lorini – Honda CBR 600RR – + 1.827
14- Vittorio Iannuzzo – Power Team by Suriano – Triumph Daytona 675 – + 1.862
15- Ronan Quarmby – PTR Honda – Honda CBR 600RR – + 1.897
16- Roberto Tamburini – Team Lorini – Honda CBR 600RR – + 2.034
17- Stuart Voskamp – Konvi Racing Team – Suzuki GSX-R 600 – + 2.130
18- Romain Lanusse – Kawasaki Intermoto Step – Kawasaki ZX-6R – + 2.274
19- Balazs Nemeth – Racing Team Toth – Honda CBR 600RR – + 2.285
20- Alex Baldolini – Power Team by Suriano – Triumph Daytona 675 – + 2.364
21- Lorenzo Lanzi – ProRace – Honda CBR 600RR – + 2.426
22- Dino Lombardi – Team PATA by Martini – Yamaha YZF R6 – + 2.446
23- Martin Jessopp – Riders PTR Honda – Honda CBR 600RR – + 2.516
24- PJ Jacobsen – Bogdanka Honda PTR – Honda CBR 600RR – + 2.775
25- Joshua Day – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 3.097
26- Fabio Menghi – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – + 3.351
27- Luca Marconi – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – + 3.484
28- Yves Polzer – Team MRC Austria – Yamaha YZF R6 – + 4.586
29- Twan Van Poppel – TRG Motorsport – Yamaha YZF R6 – + 4.769
30- Thomas Caiani – Kuja Racing – Honda CBR 600RR – + 6.089
31- Eduard Blokhin – RivaMoto – Yamaha YZF R6 – + 8.259
32- Oleg Pozdneev – RivaMoto – Yamaha YZF R6 – + 9.995

Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding ci ha messo il cuore ma per il Mondiale non basta

andrea locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli Campione, una sfida rivelatasi vincente

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea lo stratega: in Francia può chiudere i giochi