Supersport: a Magny Cours con Sofuoglu già Campione

TItolo marche in palio tra Honda e Kawasaki

4 ottobre 2012 - 3:33

Con Kenan Sofuoglu laureatosi per la terza volta Campione del Mondo con un round d’anticipo, questo fine settimana il mondiale Supersport affronta l’ultimo appuntamento stagionale sul tracciato transalpino di Magny Cours con lo schieramento di partenza al gran completo (ben 33 piloti attesi al via), il titolo costruttori tuttora da assegnare (Honda in vantaggio di 5 punti nei confronti della Kawasaki) e diverse spunti interessanti per uno dei campionati più spettacolari del pianeta, tornato in auge quest’anno grazie ad azzeccate modifiche regolamentari (una moto per pilota dallo scorso anno, 8 motori a disposizione per affrontare l’intero campionato) e ad una vasta schiera di protagonisti che hanno rivitalizzato la classe riservata alle sportive di media cilindrata. Della Supersport resta indiscutibilmente il “Re” Kenan Sofuoglu, tornato quest’anno dopo una sfortunata parentesi in Moto2, sul trono del WSS ritoccando alcuni record storici della categoria in materia di vittorie (21) e podi conquistati (48 su 68 gare disputate). Numeri impressionanti per una stagione sensazionale da parte del pilota turco, al terzo centro in carriera dopo i trionfi del 2007 e 2010 con Honda Ten Kate, questa volta con Kawasaki Lorenzini riportando la casa di Akashi ad un titolo che mancava addirittura dal 2001, all’epoca ad opera di Andrew Pitt.

Destinato a proseguire l’avventura in Supersport con Kawasaki anche l’anno prossimo, Sofuoglu a Magny Cours conta di chiuder in bellezza il 2012 per sé e per il team di Vanni Lorenzini cercando, ove possibile, di arricchire il computo di 4 vittorie stagionali dopo Phillip Island (all’esordio in sella alla Ninja ZX-6R), Misano, Mosca e Nurburgring e di conseguenza consegnare alla “Verdona” anche il titolo marche mai conseguito nella storia del WSS. Sofuoglu punta a vincere, ma a Magny Cours dovrà vedersela dai suoi più diretti inseguitori ed idoli di casa Jules Cluzel (PTR Honda) e Fabien Foret (Kawasaki Intermoto Step). Il primo, già certo di chiuder da vice-Campione del Mondo, è stato autore di un più che positivo 2012 all’esordio in Supersport con la Honda CBR 600RR preparata dal Performance Technical Racing tanto da conquistare tre vittorie (Monza, Silverstone e Portimao) e ricevere importanti offerte per tornare nel Motomondial. Soltanto nelle prossime settimane Cluzel deciderà il da farsi, per il momento punta a far valere il “fattore campo” a Magny Cours per un proposito condiviso anche dall’iridato 2002 Fabien Foret, destinato a proseguire l’avventura con Kawasaki Intermoto Step dopo aver vinto quest’anno ad Imola e Brno. Rientra invece tra i “delusi” del campionato Sam Lowes, quarto in campionato con diverse battute d’arresto nonostante si sia confermato tra i piloti più veloci della categoria: non è un caso che rientri tra i candidati per correr addirittura in MotoGP con una CRT l’anno prossimo…

Futuro tutto da scrivere invece per Broc Parkes, quinto nella generale e senza alcuna vittoria all’attivo che manca al team Ten Kate addirittura da 14 gare a questa parte (l’ultima ad Imola nel 2011), record in negativo per la formazione pluri-Campione del Mondo che l’anno prossimo, sotto le insegne del “Pata Honda World Supersport Team”, porterà in pista Michael van der Mark e Lorenzo Zanetti. A proposito dei piloti italiani, il 2012 è stato senza dubbio positivo per Alex Baldolini, settimo in classifica all’esordio con la Triumph Daytona 675 2010 del Team Suriano con la “perla” del podio di Misano, quasi aritmeticamente certo di chiuder il campionato in qualità di miglior pilota italiano della categoria. Oltre al “Baldo”, puntano ad un buon risultato a Magny Cours i nostri Vittorio Iannuzzo (Triumph Suriano), Andrea Antonelli (Yamaha Bike Service Racing Team), Roberto Tamburini (Honda Lorini) e Massimo Roccoli (in evidenza a Portimao con la Yamaha del Team PATA by Martini) affiancati dal campione italiano uscente STK600 Dino Lombardi (Honda Lorini), Danilo Marrancone (Honda Kuja) e dalla rinnovata coppia del VFT Racing formata da Fabio Menghi e Cristiano Erbacci, sostituto per l’occasione di Luca Marconi.

A proposito di novità del weekend, il vice-campione francese Supersport in carica Axel Maurin proseguirà l’esperienza con il Team Go Eleven in sostituzione dell’infortunato Joshua Day, Roman Stamm (protagonista dell’IDM Supersport) è atteso al via con la GSX-R 600 del Team Suzuki Mayer, il campione australiano Supersport 2012 (su Triumph) Michel Carr correrà con la Honda del Benjan Racing mentre Miguel Praia, dopo la comparsata da wild card a Portimao con Ten Kate, affronterà l’ultimo round nuovamente con Bogdanka PTR Honda. Supersport World Championship 2012 La Classifica di Campionato 01- Kenan Sofuoglu – Kawasaki Lorenzini – Kawasaki ZX-6R – 218 02- Jules Cluzel – PTR Honda – Honda CBR 600RR – 185 03- Fabien Foret – Kawasaki Intermoto Step – Kawasaki ZX-6R – 160 04- Sam Lowes – Bogdanka PTR Honda – Honda CBR 600RR – 152 05- Broc Parkes – Ten Kate Racing Products – Honda CBR 600RR – 135 06- Sheridan Morais – Kawasaki Lorenzini – Kawasaki ZX-6R – 94 07- Alex Baldolini – Power Team by Suriano – Triumph Daytona 675 – 86 08- Ronan Quarmby – PTR Honda – Honda CBR 600RR – 84 09- Vittorio Iannuzzo – Power Team by Suriano – Triumph Daytona 675 – 60 10- Vladimir Leonov – Yakhnich Motorsport – Yamaha YZF R6 – 52 11- Andrea Antonelli – Bike Service Racing Team – Yamaha YZF R6 – 52 12- Roberto Tamburini – Team Lorini – Honda CBR 600RR – 50 13- Gabor Talmacsi – ProRace – Honda CBR 600RR – 37 14- Jed Metcher – RivaMoto Junior Team – Yamaha YZF R6 – 34 15- Massimo Roccoli – Team PATA by Martini – Yamaha YZF R6 – 29 16- Lorenzo Lanzi – ProRace – Honda CBR 600RR – 25 17- Romain Lanusse – Kawasaki Intermoto Step – Kawasaki ZX-6R – 25 18- Stefano Cruciani – Puccetti Racing – Kawasaki ZX-6R – 19 19- Mathew Scholtz – Bogdanka PTR Honda – Honda CBR 600RR – 19 20- Imre Toth – Racing Team Toth – Honda CBR 600RR – 16 21- Luca Marconi – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – 16 22- Raffaele De Rosa – Team Lorini – Honda CBR 600RR – 15 23- Joshua Day – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – 14 24- Balazs Nemeth – Racing Team Toth – Honda CBR 600RR – 13 25- Glen Richards – Smiths Gloucester – Triumph Daytona 675 – 11 26- Valentin Debise – SMS Racing – Honda CBR 600RR – 10 27- Dan Linfoot – MSD R-N Racing Team India – Kawasaki ZX-6R – 9 28- Florian Marino – MSD R-N Racing Team India – Kawasaki ZX-6R – 9 29- David Linortner – GERIN-SKM Racing Team – Yamaha YZF R6 – 8 30- Twan Van Poppel – TRG Motorsport – Yamaha YZF R6 – 8 31- Billy McConnell – Smiths Gloucester – Triumph Daytona 675 – 7 32- Stuart Voskamp – Konvi Racing Team – Suzuki GSX-R 600 – 6 33- Lukas Pesek – ProRace – Honda CBR 600RR – 6 34- Thomas Caiani – Kuja Racing – Honda CBR 600RR – 4 35- PJ Jacobsen – Bogdanka PTR Honda – Honda CBR 600RR – 3 36- Fabio Menghi – VFT Racing – Yamaha YZF R6 – 3 37- Dino Lombardi – Team PATA by Martini – Yamaha YZF R6 – 2 38- Kieran Clarke – Bogdanka PTR Honda – Honda CBR 600RR – 2 39- Luke Mossey – Smiths Gloucester – Triumph Daytona 675 – 1 40- Martin Jessopp – Riders PTR Honda – Honda CBR 600RR – 1

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Lorenzo Savadori

Superbike 2020: Lorenzo Savadori, (quasi) fatta con Pedercini Kawasaki

british talent cup

British Talent Cup, ecco il calendario 2020 provvisorio

Michele Pirro, Ducati V4R

Michele Pirro-Ducati V4R, il tricolore ad un passo