Alex Lowes a gamba tesa: “Yamaha, non ascoltare Melandri”

Alex Lowes teme che Yamaha si concentri troppo sulle richieste tecniche di Marco Melandri. Il mondialino fra i quattro compagni di marca farà scintille....

22 marzo 2019 - 11:52

Alex Lowes ha ha rilasciato dichiarazioni dure su Marco Melandri all’on line Speedweek. “Non ha assolutamente rispetto per nessuno, il che è davvero frustrante. Non è nemmeno riuscito a congratularsi con me al parco chiuso, il che lo rende una persona cattiva.”  In Thailandia il britannico è arrivato tre volte terzo, dietro Bautista e Rea. Cos’abbia fatto di male Melandri per scatenare un giudizio così drastico non è dato sapere. Questa acrimonia del britannico lascia supporre che in realtà la presenza di Marco Melandri sia fonte di forte apprensione: con meno test e una squadra al debutto (GRT Yamaha) il pilota ravennate ha già dato paga agli ufficiali Yamaha una volta in Australia. Nel “Mondialino” fra piloti Yamaha Alew Lowes guida con 69 punti ma Melandri è quota 55, dunque molto vicino. In mezzo ai due c’è Michael van der Mark con 61. I due ufficiali sono nel mirino….

Melandri diventerà leader Yamaha?

Alex Lowes probabilmente teme che, dall’alto della sua esperienza, Marco Melandri possa diventare l’ispiratore delle linee di sviluppo Yamaha. “Ho fatto richieste precise, Yamaha sa cosa mi serve per andare forte” ha detto l’ex ducatista in coda al round Thai (leggi qui l’intervista).  Lowes a Speedweek l’ha spiegata così: “Spero che Yamaha non spenda troppo tempo per risolvere problemi che ha solo lui. Se succedesse, significherebbe non concentrarsi sulle richieste della squadra principale, Yamaha deve assicurarsi che le maggiori attenzioni siano rivolte a noi. Siamo ancora troppo distanti da Ducati e Kawasaki, dobbiamo fare passi avanti. Per Yamaha è difficile avere quattro piloti assistiti alla stessa identica maniera, ma alla fine penso sia positivo.”

Melandri è decisivo

Lo stesso Alex un pò si contraddice affermando che “Melandri è importante per lo sviluppo e Sandro Cortese sta facendo un lavoro importante per essere un debuttante in Superbike. Spero che tutti insieme riusciamo a portare la Yamaha dove deve stare.” Ma al momento la preoccupazione di Lowes sembra piuttosto quella di schivare il fuoco amico, cioè un Melandri che fra qualche round potrebbe diventare una grande gatta da pelare… Lo stesso Lowes ammette:  “È un pilota fantastico, ha una guida molto tecnica e va davvero forte. Guardando i suoi dati, ho imparato molto. Per Yamaha, è indubbiamente un grande aiuto”. 

1 commento

Ringhietto
12:02, 22 marzo 2019

Certi commenti detti da uno che si stende quasi ogni domenica da quando è sulla Yamaha fanno ridere, per quanto io non ami Melandri trovo questo sfogo di Lowes una scenata ridicola

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Scott Redding show, uno così farebbe impazzire la Superbike

Jonathan Rea ammette: “Chaz Davies è tornato fortissimo”

Superbike 2020: Tom Sykes resterà in BMW