Un’altra tragedia all’Isola di Man, muore Alan Jackson

Il pilota britannico, 62 anni, è la sesta vittima di quest'annata terribile delle gare su strada

25 agosto 2018 - 7:35

Un’altra tragedia nelle gare su strada. Il britannico Alan Jackson, veterano di 62 anni, ha perso la vita durante le prove del Classic TT, l’annuale competizione che si svolge con moto d’epoca sul Mountain Circuit, lo stesso tracciato di 60,6 chilometri dell’Isola di Man che ospita il più famoso Tourist Trophy, in giugno. Jackson, caduto nel tratto di Crag-Ny-Baa, era un veterano di questo genere di gare, dove aveva debuttato nel lontano 1979, Nel corso della sua lunghissima carriera aveva colto quattro successi fra Classic e ManxTT, la serie di gare riservata agli amatori.

Si tratta della sesta tragedia di questa tremenda stagione di gare su strada.  Prima di Jackson  avevano perso la vita Dan Kneen e Adam Lyon, sempre sulle strade del Tourist Trophy, mentre   James Cowton  è rimasto vittima di un altro terribile incidente alla Southern 100, sempre all’Isola di Man.  William Dunlop invece è morto nelle prove della Skerries 100, in Irlanda. Due settimane fa nell’Ulster GP (Irlanda del Nord) ci ha lasciati il francese Fabrice Miguet.

Quello di Jackson non è stato l’unico incidente verificatosi nelle prove del Classic TT e del ManxTT: BBC News riporta anche i gravi infortuni dei britannici Bernie Wright e  David Linsdell durante le prove del ManxTT nel tratto di Black Hut. Secondo la stessa fonte Wright sarebbe in “condizioni critiche” mentre Linsdell è “stabile”. Il programma di gare comincia oggi: Francesco Curinga, specialista della velocità in salita tricolore, è l’unico pilota italiano presente.

Foto Credit: BBC News/Steve Babb

4 commenti

bruno.c2_885
11:08, 25 agosto 2018

…e la lista si allunga…correre su strada è roba di altri tempi.

bruno.c2_885
11:08, 25 agosto 2018

…e la lista si allunga…correre su strada è roba di altri tempi.

ilcanzese
6:08, 25 agosto 2018

tragedia ?
correre su queste piste é un rischio che non si dovrebbe più prendere
certo RIP ma é insopportabile che oggigiorno si permetta di correre senza la sicurezza necessaria

ilcanzese
6:08, 25 agosto 2018

tragedia ?
correre su queste piste é un rischio che non si dovrebbe più prendere
certo RIP ma é insopportabile che oggigiorno si permetta di correre senza la sicurezza necessaria

POTRESTI ESSERTI PERSO

Nuovo ricovero in ospedale per Stefan Everts

MXGP: tempi di recupero incerti per Jeffrey Herlings

Supersport Phillip Island Prove 3: Alfonso Coppola fermato