motoestate 2020

Trofei MP Dynasty Exhaust Motoestate, i risultati del secondo round 2020

Trofei MP Dynasty Exhaust Motoestate nuovamente di scena a Varano per un altro weekend emozionante. Tutti i risultati del secondo round.

14 settembre 2020 - 7:01

Concluso il secondo round dei Trofei MP Dynasty Exhaust Motoestate, un fine settimana davvero emozionante quello vissuto a Varano. Gare spettacolari e tanti piloti in evidenza nelle diverse categorie, in azione dalle 11:00 fino al tardo pomeriggio. Vittorie di tappa per Cervioni (Minigp 10 pollici), Giuliani (Minigp 12 pollici), Galloni (Moto4 gara1), Campagna (Moto4), Balboni (125 Sp), Bondavalli (125 Open), Scagnetti (Supermono), Mora (300), Bartolini (1000), Manfredi (600) Open, Travagliati (600 Stk). La scena si sposterà a Cervesina per l’ultimo weekend della stagione, in programma il 10-11 ottobre.

MINIGP

Ad aprire il folto programma di gare la Minigp che ha offerto una bella lotta tra il capoclassifica Cervioni e Argenterio, risoltasi a favore del primo. Ha completato il podio Zampa, alla seconda gara della carriera. Tra le 2 tempi vittoria di Luana Giuliani, terza assoluta e prima tra i 50. Alle spalle della veloce pilota marchigiana hanno chiuso Ameli e Trubia, che hanno completato il podio.

MOTO4 

Il parmigiano Daniele Galloni nella prima gara della Moto4 ha fatto il vuoto alle spalle. Ci ha provato Campagna a riprendere il fuggitivo, ma è scivolato al secondo passaggio alla seconda esse. Un peccato per Campagna che, ripartito, ha chiuso quarto. Fuori dai giochi all’ultimo giro Paolucci e Tribuzi, scivolati alla curva Icks mentre si giocavano la piazza d’onore. Ne ha beneficiato così Mattei, che si è ritrovato secondo. Primo podio stagionale per Tatoli, terzo.

Nella seconda gara di giornata, Campagna si è rifatto della delusione di gara 1. Ha recuperato su Galloni, in testa fin dall’inizio, e all’ultimo giro è riuscito a sferrare l’attacco vincente. Una bella prova quella del giovanissimo romagnolo, che ha fatto una bella rimonta sul vincitore di gara1. Terza piazza per Tibuzzi, autore anch’egli di un’ottima rimonta dalle retrovie che gli ha permesso di passare Mattei, Tatoli e Paolucci e fare suo il podio dopo la scivolata di gara 1.

125 SP E SUPERMONO

Nella 125 sp, Fusto mattatore della categoria è scivolato mentre era al comando. La vittoria è andata così a Balboni, primo assoluto e primo della Sp, che ha preceduto Bondavalli, primo della classifica Open. Il podio della SP è stato completato da De Padova e Phaedra Theffo. Nella Open, alle spalle di Bondavalli, piazza d’onore per Albani. In seguito conferma di Balboni, bravo a staccare gli avversari capeggiati da De Padova, secondo e Theffo terza. Podio fotocopia della prima gara. Nella Open vittoria per Bondavalli, al bis di giornata, davanti ad Albani, secondo, e Berselli terzo.

Supermono nel segno di Scagnetti che ha fatto il vuoto, vincendo a mani basse. Seconda piazza per il tedesco Frey, che ha preceduto D’Arliano, bravo a regolare in volata Morri. A Scagnetti anche gara 2 e in questo caso ha trionfato davanti a Morri e Frey. Nella Bdb leggera vittoria del pilota di casa Dall’Aglio che ha preceduto Giangiacomo e Nostini. Bella Bdb veloce, affermazione per Pigliacelli. In gara 2 Dall’Aglio ha bissato il successo davanti a Roma e Giangiacomo.

300 SUPERSPORT

Categoria molto affollata e bella bagarre per la vittoria. A condurre le danze Giacomo Mora, che ha dovuto guardarsi dagli attacchi di Conte, rimastogli incollato allo scarico per tutta la gara. I due hanno fatto il vuoto alle spalle e alla fine ha avuto la meglio Mora, che festeggia anche il nuovo record della pista conquistato. Seconda piazza per Conte e ultimo gradino del podio per Lorenzini, bravo a staccare Lusso e Vitali, quarto e quinto al traguardo.

OPEN

Per la 1000 Open Valter Bartolini, caduto in mattinata con Boccelli, si è ampiamente rifatto in gara. Scattato secondo alle spalle di Brugnone, dopo sei passaggi è passato in testa e da lì ha subito allungato. Brugnone, che aveva rafforzato la seconda piazza si è dovuto fermare per guasto. Il secondo posto è così andato a Malfatto, che conquista il primo podio dell’anno, al termine di una bella bagarre contro Perri, terzo. Quarta piazza per il parmense Gilioli che ha preceduto Cristini, mentre Boccelli ha chiuso ottavo a causa di una penalità per partenza anticipata.

600 Open nel segno di Kevin Manfredi. La wild card di lusso schierata dal team Altogo ha impresso un ritmo insostenibile per gli avversari. Ci ha provato all’inizio Samarani a tenere la ruota del leader, ma poi ha rafforzato la piazza d’onore, conquistando il titolo con una gara d’anticipo. Terza piazza per Sintoni, bravo all’esordio a Varano e conquistare il podio mantenendo a distanza di sicurezza Saltarelli, finito quarto. Nella Stock 600 assolo di Travagliati che ha conquistato la terza vittoria consecutiva. Hanno completato il podio Felappi, secondo, e Poncini, terzo.

RACE ATTACK 

Race Attack 600 nel segno di Bocenti, che con un terzo posto e un primo porta a casa la prima vittoria della carriera. Una bella soddisfazione per il pilota piacentino, che ha battuto il compagno di squadra Bianucci per il piazzamento di gara 2. Terzo posto per Voch che saluta con un podio il rientro in gara. Nella Challenge affermazione di Romano, mentre nei Rookies di Bianucci.

Nella Race Attack 1000 bella lotta a tre tra Palladino, Torchio e Scotti. Dopo due manche tirate successo per Palladino, vincitore a punteggio pieno. Alle sue spalle Torchio, due volte secondo, e Scotti, terzo assoluto. Nella Challenge vittoria di Torchio, nella Rookies di Ivan Marius.

1 commento

Anonimus
11:40, 14 settembre 2020

Maledetto Palladino!!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

cev

CEV ad Aragón: Montella (Moto2) e Artigas (Moto3), continua la fuga?

Motoestate

Storie di Motoestate: ragazze veloci, ospiti top e quei pazzi sul ghiaccio (VIDEO)

ARRC

Clamoroso: cancellata la stagione 2020 dell’ARRC causa COVID-19