Il Supercross torna sulla costa Est: ecco gli orari per la sfida Tomac vs Roczen

A Minneapolis ritornano anche i protagonisti della classe 250 costa Est

9 febbraio 2019 - 7:05

Prima gara della costa EST stagionale per il Supercross con il sesto round che si correrà nello splendido U.S. Bank Stadium di Minneapolis. Vedremo l’esordio stagionale del campionato 250 della costa EST con tanti protagonisti, come Austin Forkner, Christian Craig, Alex Martin ed i piloti tornati dall’Europa Thomas Covington e Hunter Lawrence. L’australiano del team GEICO Honda sarà costretto a saltare qualche gara a causa di un problema alla spalla sinistra.

ELI TOMAC VS KEN ROCZEN

Grazie alla copertura dello stadio di Minneapolis la gara si correrà in condizioni perfette dopo il fango di San Diego.Gli occhi saranno tutti su Eli Tomac nuovo leader del campionato e Ken Roczen ancora alla ricerca della prima vittoria della stagione. Molta curiosità ci sarà su Dean Wilson di ritorno al team ufficiale Husqvarna che potrà quindi schierare un pilota di assicuro valore dopo gli infortuni di Zach Osborne e Jason Anderson. Da tenere d’occhio le due KTM ufficiali di Marvin Musquin e Cooper Webb.

Programma serale (con orari Italiani)

1:30 am – 2:06 – Opening Ceremonies

2:05 am – 2:13 – Supercross Lites Heat #1 – 6 min + 1 lap, 20 Riders
2:19 am – 2:27 – Supercross Lites Heat #2 – 6 min + 1 lap, 20 Riders

2:33 am – 2:41 – Supercross 450 Heat #1 – 6 min + 1 lap, 20 Riders
2:47 am – 2:55 – Supercross 450 Heat #2 – 6 min + 1 lap, 20 Riders

2:56 am – 3:05 – Track maintenance

3:10 am – 3:16 – Supercross Lites Last Chance Qualifier – 4 min + 1 lap
3:22 am – 3:28 – Supercross 450 Last Chance Qualifier – 6 min + 1 lap

3:54 am – 4:11 – Supercross Lites Main Event – 15 min + 1 lap, 22 Riders
4:30 am – 4:52 – Supercross 450 Main Event – 20 min + 1 lap, 22 Riders

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Eddi La Marra:”Il Mugello non mi piace, ma voglio restare leader”

MotoGP, Sylvain Guintoli: “Ad Austin vittoria di squadra”

MotoGP, Jorge Lorenzo all’assalto di Jerez… con gli scongiuri