Rookies Cup Jerez Gara 1: Kent batte Hiura dopo una grande lotta

Gruppo da 10 piloti per la vittoria

1 maggio 2010 - 13:29

La stagione 2010 della Red Bull Rookies Cup inizia con una bellissima prima gara sul circuito di Jerez de la Frontera. Dieci piloti in lotta per la vittoria racchiusi nella spazio di 1″, continui capovolgimenti di fronte per una corsa, nella logica del campionato riservato ai giovanissimi, dove non c’è mai spazio a tattiche e strategie attendiste. Chi si è fatto trovare al posto giusto, al momento giusto è stato Danny Kent, 16enne britannico alla seconda stagione nella categoria, davvero a proprio agio in Andalusia dove già vinse la seconda manche lo scorso anno. Kent è riuscito a passare Hiura rompendo gli indugi soltanto all’ultimo giro alla staccata della “Dry Sac”, sfruttando il “momentum” offertogli dalla lotta infernale alle spalle.

Con 10 piloti in bagarre, tutto è possibile. Chiedere a Mathew Scholtz, a lungo in testa, solo quinto sul traguardo. Chiedere anche ai nostri Alejandro Pardo e Niccolò Antonelli, splendide rivelazioni di Jerez. Il primo, alla seconda stagione nella Rookies Cup, dopo una partenza da dimenticare ha rimontato riprendendo il gruppo di testa in 6 giri, facendosi notare per un fantastico sorpasso in staccata a tre piloti. Poco dopo esser riuscito a conquistare addirittura il comando, Pardo è scivolato abbandonando così una gara che poteva portarlo sul podio.

Un pizzico di rammarico, ma grande soddisfazione per l’esordiente Niccolò Antonelli, che dopo aver vinto tutto quello che c’era da vincere tra Minimoto e PreGP si è lanciato nell’avventura della Rookies Cup, con un esordio niente male. Seconda fila nelle qualifiche, brutta partenza (14°) al primo giro, rimonta e 7° posizione finale dopo essersi portato anche al quinto posto in piena corsa per podio e qualcosa di più.

Ha pagato un brutto avvio anche Kevin Calia, 18° alla prima curva e 10° sul traguardo con un buon passo nel finale, qualche punticino per Alessio Cappella, 14° a pochi giorni dall’aver festeggiato il 15° compleanno lo scorso 27 aprile. Domani, terminate le gare del Motomondiale, seconda manche per la Red Bull Rookies Cup da Jerez.

Cronaca di Gara

Al via Pardo sbaglia “casella” di partenza, ma riesce a schierarsi regolarmente pur perdendo terreno allo spegnimento del semaforo dove Scholtz è autore di un eccezionale spunto prendendo il comando su Ruiz, Kent, Hiura. Il primo giro si chiude con il classico “gruppone” racchiuso in pochi metri ed una brutta partenza complessiva degli italiani: Pardo si ritrova in decima posizione, peggio ad Antonelli, 14°, davanti a Calia (16°) e Cappella (18°).

Scholtz sembra il più determinato in questa prima fase di gara: il sud africano risponde ad un accenno di attacco di Ruiz con grinta alla curva 8, provando una mini-fuga in un gruppo a 5 di testa. La rimonta di Pardo alle loro spalle non si fa attendere: in pochi giri è riagganciato al treno dei primi che si danno battaglia, tattica autolesionista che… raddoppia il lotto dei pretendenti al podio da 5 a 11!

Giusto ad 1/3 di gara Mathew Scholtz resiste, come può, in testa alla corsa, ma è proprio Pardo a dar spettacolo, passando 3 piloti alla “Dry Sac” per la seconda posizione e lo stesso pilota sud africano alla “Ducados”. Comando della corsa acquisito, seppur per poco: in rettilineo Kent e Scholtz lo scavalcano, confusione generale dove è impossibile riportare tutti i cambiamenti di posizione.

In questo “gruppone” si notano Scholtz, Kent, Binder, Hiura, il nostro Pardo aggressivo tanto da sbagliare, ahinoi, a sei tornate dal termine alla “Ducados”, concludendo così una gara fino a quel momento da protagonista. Fuori un italiano, ce n’è un altro da seguire: Niccolò Antonelli, esordiente tra gli esordienti, attualmente 8° dopo esser partito malissimo, 14° al primo giro. L’ex stella delle minimoto prende i primi della contesa proprio quando Stafford vola a terra rovinosamente alla curva 8 in seguito ad un contatto: Jerez, rivedendo quanto accaduto nel 2009, non gli porta fortuna.

A quattro giri dalla bandiera a scacchi è Hiura a prendere il comando su Scholtz, Kent e Binder, poco più separato Antonelli che comanda la pattuglia degli inseguitori. Si arriva in fretta all’ultimo giro, dove Kent azzecca il momento giusto e passa Hiura in fondo al lungo rettilineo che porta alla “Dry Sac”: prima posizione conservata e vittoria davanti a Hiura e Ruzi, settimo è il nostro Antonelli, buona rimonta anche di Calia 10° davanti a Cappella, 14°. Domani seconda manche.

Red Bull Rookies Cup 2010
Jerez, Classifica Gara 1

01- Danny Kent – GBR – 16 giri in 30’25.205
02- Daijiro Hiura – JPN – + 0.156
03- Daniel Ruiz – ESP – + 0.294
04- Brad Binder – RSA – + 0.749
05- Jake Gagne – USA – + 0.971
06- Florian Alt – GER – + 1.174
07- Niccolò Antonelli – ITA – + 2.889
08- Mathew Scholtz – RSA – + 2.906
09- Alan Techer – FRA – + 6.404
10- Kevin Calia – ITA – + 8.028
11- Tomas Vavrous – CZE – + 17.733
12- Arthur Sissis – AUS – + 18.179
13- Antonio Chiari – BRA – + 18.526
14- Alessio Cappella – NGR – + 21.730
15- Taylor Mackenzie – GBR – + 21.833
16- Philipp Oettl – GER – + 21.868
17- Xavier Pinsach – ESP – + 22.458
18- Deni Cudic – AUT – + 40.359
19- Alexander Kristiansson – SWE – + 47.750

Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Brad Binder e Michele Pirro

MotoGP Austria: analisi e commenti delle Prove Libere 1

Moto2, Austria: Prove 1 nel segno di Sam Lowes

MotoGP, Misano

MotoGP Misano: Biglietti, come acquistarli o chiedere il rimborso