Ulster Grand Prix: tripletta per Guy Martin grande protagonista

Ai fratelli Dunlop le altre vittorie

18 agosto 2013 - 12:37

Non è stata l’edizione “dei record”, ma per celebrare il 91esimo anniversario dell’Ulster Grand Prix, “The World’s Fastest Road Race” dal 1922 in programma al “Dundrod Circuit” già sede (fino al 1971) del Motomondiale, sei avvincenti gare sono andate in scena nella giornata di sabato 17 agosto risolte prevalentemente in volata e con un grande protagonista: Guy Martin. Tuttora “eterno incompiuto” al Tourist Trophy, ma reduce dal trionfo alla Southern 100 laureandosi “Solo Champion” quattro anni dopo l’affermazione del 2009, il nativo di Kirmington ha festeggiato il rinnovo contrattuale con TAS Suzuki per il quarto anno consecutivo con un sensazionale “hat-trick” comprensivo della doppietta siglata nelle due gare riservate alla top class Superbike. Velocissimo sin dalle prove, il portacolori Tyco Suzuki ha iniziato subito nel verso giusto il “Race Day” battendo in volata Bruce Anstey (resta saldo il suo incredibile primato sul giro a 133.977 mph di media del 2010) tra le Supersport, riuscendo soprattutto a ripetersi in sella alla Suzuki GSX-R 1000 #4 nelle due gare della Superbike, “main event” compreso vissuto con il fiato sospeso per un accesissimo confronto con Michael Dunlop. Con Martin grande protagonista, i fratelli Michael e William Dunlop si sono così dovuti “consolare” con le affermazioni rispettivamente tra le Superstock ed in Gara 2 della Supersport (spettacolare duello con il già menzionato Bruce Anstey), mentre nella terza contesa in programma a spartirsi le vittorie sono stati Ivan Lintin (Lighweight) ed il leggendario Ian Lougher (Ultra-Lightweight), che si è così congedato dalle Road Races con l’ennesimo trionfo al Dundrod Circuit.

La Cronaca delle Gare dell’Ulster Grand Prix 2013

Supersport Gara 1: Martin in volata su Anstey

Cancellato il programma di gare del giovedì a seguito di un vero e proprio diluvio torrenziale che si è abbattuto al Dundrod Circuit, la prima “manche” della classe Supersport ha aperto le danze per l’edizione 2013 dell’Ulster Grand Prix con condizioni difficili da interpretare: non piove, ma per gran parte degli 11 kilometri del percorso l’asfalto è bagnato dalla pioggia. I piloti propendono così per le “rain” con il risultato di offrire una gara che resterà negli annali, risolta soltanto in volata con il primo successo del “meeting” di Guy Martin. Velocissimo con la propria Suzuki GSX-R 600 sin dalle prime prove, il portacolori del team TAS ha preso il comando delle operazioni sin dall’avvio dando vita ad un sensazionale duello con Bruce Anstey con un continuo passaggio di testimone per la leadership. Se Martin ha chiuso il primo giro in testa, al secondo è il detentore del primato assoluto del Dundrod Circuit a conquistare la leadership, salvo dover nuovamente cedere il testimone a Guy nel corso del terzo passaggio. Tutto si decide così al sesto ed ultimo giro della contesa con Anstey che si presenta con il miglior riferimento cronometrico in 3’40″639 a 120.758 mph di media, sferrando l’attacco all’Hairpin: prevedibile risposta di Guy Martin, mossa vincente che vale la prima affermazione di giornata, la nona personale in carriera all’Ulster Grand Prix transitando sul traguardo con un esiguo vantaggio di soli 75 millesimi. Se Martin e Anstey hanno fatto il vuoto, in terza piazza staccato di oltre 17″ completa il podio Lee Johnston con la Honda CBR 600RR dell’East Coast Racing, uscito vincitore dal duello con il veterano Ian Lougher. Niente da fare per i fratelli Dunlop con William quinto e Michael costretto a salutare la compagnia nel corso del terzo giro quando viaggiava in terza posizione, medesima sventura occorsa a Gary Johnson con la MV Agusta F3 675 del team Valmoto, fuori gioco sempe al giro di boa della contesa.

Metzeler Ulster Grand Prix Bike Week 2013
Classifica Barron Transport Services UGP Supersport (Race 1)

01- Guy Martin – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 600 – 6 giri in 22’23.270 (118.676 mph)
02- Bruce Anstey – HM Plant Honda by Padgett’s – Honda CBR 600RR – + 0.075 (118.670 mph)
03- Lee Johnston – East Coast Racing – Honda CBR 600RR – + 17.827 (117.122 mph)
04- Ian Lougher – W A Corless/Jackson Racing – Honda CBR 600RR – + 19.045 (117.017 mph)
05- William Dunlop – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 20.381 (116.903 mph)
06- Conor Cummins – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 30.289 (116.059 mph)
07- Cameron Donald – Wilson Craig Racing – Honda CBR 600RR – + 36.742 (115.517 mph)
08- Ivan Lintin – Taylor Lindsey – Honda CBR 600RR – + 37.048 (115.491 mph)
09- Dean Harrison – Ian Bell Motorcycles – Yamaha YZF R6 – + 57.749 (113.785 mph)
10- Seamus Elliott – SBE Racing – Yamaha YZF R6 – + 58.053 (113.760 mph)
11- Daniel Cooper – Centurion Racing – Triumph Daytona 675 – + 1’01.754 (113.460 mph)
12- Derek Sheils – Murray Racing – Honda CBR 600RR – + 1’28.622 (111.331 mph)
13- Jamie Coward – Barnes Racing – Yamaha YZF R6 – + 1’32.944 (110.996 mph)
14- Christian Elkin – Ice Valley by Motorsave – Yamaha YZF R6 – + 1’44.169 (110.136 mph)
15- Michael Pearson – Hotties Thermal Packs – Kawasaki ZX-6R – + 1’44.298 (110.126 mph)
16- Ben Wylie – Wylie Racing/Brenin Bikes – Yamaha YZF R6 – + 1’45.034 (110.070 mph)
17- Robert Wilson – Stoddart Racing – Kawasaki ZX-6R – + 1’45.633 (110.024 mph)
18- Dan Stewart – Wilcock Consulting – Honda CBR 600RR – + 1’47.547 (109.879 mph)
19- Stephen McIlvenna – McIlvenna Racing – Yamaha YZF R6 – + 1’47.717 (109.866 mph)
20- Dave Hewson – David Hewson Ltd – Yamaha YZF R6 – + 1’48.651 (109.796 mph)
21- Dennis Booth – Dennis Booth Racing – Yamaha YZF R6 – + 1’53.727 (109.413 mph
22- David Mulligan – Team Mulligan – Yamaha YZF R6 – + 2’19.686 (107.498 mph)
23- Paul Owen – #98 Club – Yamaha YZF R6 – + 2’25.977 (107.044 mph)
24- Gary Miller – Gary Miller Racing – Suzuki GSX-R 600 – + 2’27.490 (106.935 mph)
25- David Haire – B & W Racing – Honda CBR 600RR – + 2’29.022 (106.825 mph)
26- Paul Cranston – P & J Fuel Haulage – Honda CBR 600RR – + 2’34.540 (106.432 mph)
27- Timothee Monot – Optimark Road Racing – MV Agusta F3 675 – a 1 giro (103.428 mph)
28- Andrew Taylor – Andrew Taylor Racing – Kawasaki ZX-6R – a 1 giro (101.667 mph)

Superstock: fuori gioco Guy Martin, terza vittoria di fila per Michael Dunlop

Scesi in pista nella mattinata per cinque giri di “Warm Up” concessi dal Clerk of the Course a seguito della cancellazione delle prove tra martedì e giovedì, i protagonisti della classe Superstock hanno riservato grandi emozioni in una gara sulla distanza di sei giri che ha offerto diversi colpi di scena, ma non per quanto concerne il nome del vincitore. Michael Dunlop, in sella alla Honda CBR 1000RR iscritta dal proprio MD Racing con il supporto di McAdoo e Hunts Motorcycles, conquista la terza affermazione consecutiva all’Ulster Grand Prix nella classe Superstock regolando sulla distanza Gary Johnson, suo più diretto inseguitore e leader dei primi tre passaggi della contesa. In sella alla propria Kawasaki Ninja ZX-10R patrocinata da Lincs Lifting Ltd, “Gaz” ha resistito per la prima parte di gara ad un “Micky D” che ha cambiato passo nel corso del quarto giro: sorpasso per la leadership, spaventoso 3’24″791 a 130.103 mph di media nel corso della quinta tornata del “Dundrod Circuit”, sufficiente per transitare sul traguardo con oltre 6″ di margine su Johnson, 19″ su Bruce Anstey (Padgett’s Honda) vincitore della volata per il terzo gradino del podio su Dean Harrison (Kawasaki Ninja ZX-10R del RC Express Racing con il supporto di MSS Performance) per una manciata di millesimi. Se Ian Lougher, a lungo nella top-3, è quinto sul traguardo, Guy Martin è stato costretto al ritiro nelle battute iniziali della corsa a “Cochranestown” ritrovandosi senza possibilità di rispondere ad un Michael Dunlop quest’anno formidabile in sella alla Fireblade.

Metzeler Ulster Grand Prix Bike Week 2013
Classifica Lisburn City Council Superstock (Race 2)

01- Michael Dunlop – MD Racing – Honda CBR 1000RR – 6 giri in 20’53.327 (127.193 mph)
02- Gary Johnson – Lincs Lifting Ltd – Kawasaki ZX-10R – + 6.671 (126.520 mph)
03- Bruce Anstey – HM Plant Honda by Padgett’s – Honda CBR 1000RR – + 19.544 (125.240 mph)
04- Dean Harrison – RC Express Racing by MSS – Kawasaki ZX-10R – + 19.856 (125.209 mph)
05- Ian Lougher – ILR Racing – Kawasaki ZX-10R – + 24.211 (124.783
06- Derek Sheils – CD Racing – Kawasaki ZX-10R – + 39.549 (123.302 mph)
07- Stephen Thompson – T & R Motorsport – BMW S1000RR – + 1’11.718 (120.309 mph)
08- Daniel Cooper – Centurion Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’12.088 (120.275 mph)
09- Gareth Keys – HKR/Mototech – BMW S1000RR – + 1’18.376 (119.707 mph)
10- Paul Shoesmith – Ice Valley by Motorsave – BMW S1000RR – + 1’18.446 (119.701 mph)
11- Mark Parrett – C & C Ltd. – BMW S1000RR – + 1’24.015 (119.202 mph)
12- Alan Connor – Connor Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’24.914 (119.122 mph)
13- Russ Mountford – SHR Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’26.948 (118.942 mph)
14- Dan Stewart – Wilcock Consulting – Kawasaki ZX-10R – + 1’37.277 (118.032 mph)
15- Ben Wylie – Wylie Racing/Per Cup Coffee – BMW S1000RR – + 1’47.378 (117.156 mph)
16- Davy Morgan – CMS Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’47.421 (117.152 mph)
17- Dave Hewson – David Hewson Ltd – Aprilia RSV4 – + 1’49.698 (116.956 mph)
18- Callum Laidlwa – www.laidlawracing.co.uk – Honda CBR 1000RR – + 2’05.940 (115.579 mph)
19- Paul Cranston – Wilson Craig Racing – Honda CBR 1000RR – + 2’14.267 (114.886 mph)
20- Dennis Booth – Dennis Booth Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 2’24.647 (114.033 mph)
21- Robert McCrum – Barrett’s Concrete – Yamaha YZF R1 – + 2’50.185 (111.987 mph)
22- Anthony McColgan – Anthony McColgan Racing – Ducati 1199 Panigale – + 2’50.640 (111.951 mph)
23- Andrew Taylor – Andrew Taylor Racing – BMW S1000RR – + 2’52.547 (111.801 mph)
24- Paul Duckett – Duckett Roofing – Honda CBR 1000RR – + 3’07.120 (110.670 mph)

Lightweight/Ultra-Lightweight: successi per Ivan Lintin e Ian Lougher

La terza gara di giornata vede protagonisti i piloti delle categorie “Lightweight” (650cc 4 tempi SuperTwins, 400cc e le 250cc da Gran Premio) e “Ultra-Lightweight” (le immortali 125cc 2 tempi, 450cc e con soltanto una Moto3 in gara), in azione “tutti insieme appassionatamente” con qualche verdetto a sorpresa. In una corsa accorciata nella sua distanza a soli 3 giri a seguito di un’interruzione con bandiera rossa al primo via per un incidente a “Tournagrouph” Ivan Lintin, in sella alla SuperTwin motorizzata Kawasaki 650 del McKinstry Racing, si è aggiudicato la vittoria nell’assoluta e tra le “Lightweight” regolando soltanto in volata per 48/1000 il favorito della vigilia Jamie Hamilton, con la Kawasaki ER6 del team KMR di Ryan Farquhar scivolato al primo start a “Leathemstown”, ma in grado di ripartire e arrivare ad un soffio da Lintin, entrambi favoriti dalla clamoroso uscita di scena proprio nel corso dell’ultimo giro di Derek McGee, fino a quel momento in testa alla contesa. Con Lee Johnston nuovamente sul podio, tra le “Ultra-Lightweight” il leggendario Ian Lougher, all’ultimo gettone di presenza in carriera al “Dundrod Circuit”, porta a 18 il numero di affermazioni in carriera all’Ulster Grand Prix riuscendo con la Honda RS125R del Matt Jackson Racing a prevalere per pochi decimi su Christian Elkin, secondo con l’unica Honda NSF250R Moto3 dello schieramento di partenza.

Metzeler Ulster Grand Prix Bike Week 2013
Classifica Townparks Vauxhall Ultra-Lightweight/Lightweight (Race 3)

Classifica Lightweight (250 GP/400/SuperTwins)

01- Ivan Lintin – Kawasaki 650 – 3 giri in 11’36.960 (114.042 mph)
02- Jamie Hamilton – Kawasaki 650 – + 0.048 (114.034 mph)
03- Lee Johnston – Kawasaki 650 – + 1.178 (113.849 mph)
04- Davy Morgan – Kawasaki 650 – + 20.968 (110.711 mph)
05- Nigel Moore – Kawasaki 650 – + 21.237 (110.670 mph)
06- John Walsh – Kawasaki 650 – + 21.869 (110.572 mph)
07- Paul Shoesmith – Kawasaki 650 – + 35.028 (108.585 mph)
08- Shaun Anderson – Kawasaki 650 – + 35.196 (108.560 mph)
09- Maria Costello – Kawasaki 650 – + 39.448 (107.933 mph)
10- Derek Costello – Kawasaki 650 – + 46.269 (106.942 mph)
11- Gareth Keys – Honda RS250 – + 46.395 (106.924 mph)
12- Timothee Monot – Kawasaki 650 – + 46.438 (106.918 mph)
13- Paul Gartland – Suzuki 650 – + 47.176 (106.812 mph)
14- Mark Parrett – Kawasaki 650 – + 47.358 (106.786 mph)
15- Callum Laidlaw – Suzuki 650 – + 47.414 (106.778 mph)
16- Robert McCrum – Suzuki 650 – + 50.189 (106.381 mph)
17- Michal Dokoupil – Kawasaki 650 – + 1’02.160 (104.704 mph)
18- John Ella – Honda RS250 – + 1’10.797 (103.526 mph)
19- Bryan Harding – Honda RS250 – + 1’11.075 (103.488 mph)
20- Eric Lenser – Honda RS250 – + 1’17.938 (102.572 mph)
21- Mark Shields – Suzuki 650 – + 1’18.031 (102.559 mph)
22- Ronnie Scott – Suzuki 650 – + 1’21.729 (102.072 mph)
23- Noel Murphy – Suzuki 650 – + 1’26.208 (101.489 mph)
24- Tommy Henry – Honda RS250 – + 1’30.564 (100.927 mph)
25- William Hara – Suzuki 650 – + 1’31.705 (100.781 mph)
26- Anthony Ambler – Suzuki 650 – + 1’32.064 (100.735 mph)
27- Andrew McMullan – Kawasaki 650 – + 1’32.591 (100.668 mph)
28- Johnny McCay – Suzuki 650 – + 1’32.757 (100.647 mph)
29- Sandy Berwick – Suzuki 650 – + 1’39.339 (99.815 mph)
30- Paul Maguire – Kawasaki 400 – + 1’52.555 (98.185 mph)
31- Mark Waddell – Honda RS250 – + 1’53.253 (98.101 mph)
32- Davie Black – Suzuki 650 – + 1’54.701 (97.926 mph)
33- Wayne Hall – Honda 400 – + 2’01.802 (97.077 mph)
34- Colin Sleigh – Kawasaki 250 – + 2’05.687 (96.618 mph)
35- Veronika Hankocy – Kawasaki 650 – + 2’13.831 (95.671 mph)
36- Yvonne Montgomery – Kawasaki 400 – + 2’33.988 (93.405 mph)
37- Brendan Flynn – Suzuki 650 – + 2’40.554 (92.690 mph)
38- Robert Cairns – Kawasaki 400 – + 3’00.187 (90.615 mph)
39- Stephen Davison – Honda 400 – + 3’10.851 (89.526 mph)
40- Roy Beattie – Kawasaki 400 – a 1 giro (88.077 mph)

Classifica Ultra-Lightweight (125 GP/Moto3/Moto 450)

01- Ian Lougher – Honda RS125R – 3 giri in 12’27.528 (106.327 mph)
02- Christian Elkin – Honda NSF250R – + 0.339 (106.279 mph)
03- Paul Jordan – Honda RS125R – + 27.597 (102.542 mph)
04- Paul Robinson – Aprilia RSW 125 – + 30.003 (102.224 mph)
05- John Cooke – Honda RS125R – + 34.906 (101.584 mph)
06- William Cowden – Honda RS125R – + 35.051 (101.565 mph)
07- Sam Dunlop – Honda RS125R – + 39.893 (100.940 mph)
08- Rene Lohse – Honda RS125R – + 40.313 (100.887 mph)
09- Jack Sands – Honda RS125R – + 1’10.468 (97.167 mph)
10- Stephen Lynd – Honda RS125R – + 1’18.501 (96.223 mph)
11- Anders Larsson – Honda RS125R – + 1’20.750 (95.961 mph)
12- Laird Shingleton – Honda RS125R – a 1 giro (87.945 mph)

UGP Superbike: Guy Martin in trionfo, spaziale 133 mph per Michael Dunlop

Il momento più atteso è arrivato. Gara 4 è la “Big Race”, l’UGP Superbike che ha rispettato le attese consegnando a Guy Martin la seconda vittoria di giornata, ma con fatica. Presentatosi al comando delle operazioni al primo dei 7 giri previsti dopo un tentativo di attacco di Michael Dunlop alla “Ireland’s”, il portacolori Tyco Suzuki nelle tornate seguenti ha incrementato il proprio vantaggio nel tentativo di dar vita ad una fuga in solitaria per la vittoria. Un pensiero a dir poco utopistico per l’originario di Kirmington, testimoniato dall’impressionante 3’20″135 a 133.090 mph di media siglato da Michael Dunlop nel corso del quinto giro, distante meno di 2″ rispetto al primato assoluto di Bruce Anstey del 2010 a 133.977 mph. Grazie a questa sensazionale prestazione cronometrica, proprio nel “rush finale” della contesa MD si è rifatto sotto alla Suzuki GSX-R 1000 #4, ma senza tuttavia riuscire a sferrare l’attacco decisivo per il primato con Guy Martin che transita sul traguardo con l’inezia di 54, miseri millesimi di vantaggio. Seconda vittoria di giornata per il riconfermato alfiere di casa TAS Suzuki per il 2014, Michael Dunlop “beffato” soltanto al photofinish mentre il fratello William terzo completa un podio “multi-marca” con la R1 di Milwaukee Yamaha seguito nell’ordine da Bruce Anstey, Gary Johnson e Dean Harrison con Cameron Donald ottavo e Conor Cummins a completare la top-10.

Supersport Gara 2: una corsa epica premia William Dunlop

A detta di molti, una corsa che resterà a lungo impressa nella memoria degli appassionati. Gara 2 della classe Supersport ha offerto un avvincente duello per la vittoria tra William Dunlop e Bruce Anstey, confronto risoltosi (ormai secondo consuetudine in questo meeting) soltanto in volata con il figlio e nipote d’arte in trionfo per soli 73 millesimi sul “Kiwi” del team Padgett’s Honda, non prima di aver realizzato un pazzesco 3’28″269 a 127.931 mph in sella alla propria Yamaha YZF R6. Con Guy Martin fuori gioco e Michael Dunlop soltanto quarto scontando una brutta partenza, i due hanno monopolizzato la scena scambiandosi più volte il comando delle operazioni con il verdetto finale che sorride a WD in una, per sua stessa ammissione, tra le più belle vittorie della propria carriera. Completa il podio e la gran giornata del team Milwaukee Yamaha Conor Cummins, terzo a precedere il già menzionato Michael Dunlop, Dean Harrison e Cameron Donald, sesto a precedere i vincitori delle classi Lightweight e Ultra-Lightweight, Ivan Lintin e Ian Lougher.

Metzeler Ulster Grand Prix Bike Week 2013
Classifica Around A Pound Supersport (Race 5)

01- William Dunlop – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R6 – 6 giri in 21’01.674 (126.352 mph)
02- Bruce Anstey – HM Plant Honda by Padgett’s – Honda CBR 600RR – + 0.073 (126.344 mph)
03- Conor Cummins – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 11.010 (125.258 mph)
04- Michael Dunlop – MD Racing – Honda CBR 600RR – + 24.105 (123.983 mph)
05- Dean Harrison – Ian Bell Motorcycles – Yamaha YZF R6 – + 34.197 (123.017 mph)
06- Cameron Donald – Wilson Craig Racing – Honda CBR 600RR – + 44.010 (122.093 mph)
07- Ivan Lintin – Taylor Lindsey – Honda CBR 600RR – + 46.291 (121.880 mph)
08- Ian Lougher – W A Corless/Jackson Racing – Honda CBR 600RR – + 47.919 (121.728 mph)
09- Daniel Cooper – Centurion Racing – Triumph Daytona 675 – + 1’00.057 (120.610 mph)
10- Ben Wylie – Wylie Racing/Brenin Bikes – Yamaha YZF R6 – + 1’04.816 (120.178 mph)
11- Dan Stewart – Wilcock Consulting – Honda CBR 600RR – + 1’05.022 (120.159 mph)
12- Jamie Coward – Barnes Racing – Yamaha YZF R6 – + 1’05.336 (120.131 mph)
13- Rob Barber – Swinton Bikes – Honda CBR 600RR – + 1’11.463 (119.578 mph)
14- Michael Pearson – Hotties Thermal Packs – Kawasaki ZX-6R – + 1’13.256 (119.418 mph)
15- Seamus Elliott – SBE Racing – Yamaha YZF R6 – + 1’13.753 (119.373 mph)
16- Ivan Shanley – Ty-Rock – Yamaha YZF R6 – + 1’27.395 (118.166 mph)
17- David Mulligan – Team Mulligan – Yamaha YZF R6 – + 1’29.502 (117.982 mph)
18- Derek Sheils – Murray Racing – Honda CBR 600RR – + 1’29.704 (117.964 mph)
19- Dave Hewson – David Hewson Ltd – Yamaha YZF R6 – + 1’29.904 (117.947 mph)
20- Mark Parrett – Vixen Racing – Yamaha YZF R6 – + 1’30.180 (117.923 mph)
21- Paul Owen – #98 Club – Yamaha YZF R6 – + 1’36.031 (117.415 mph)
22- Stephen McIlvenna – McIlvenna Racing – Yamaha YZF R6 – + 1’49.664 (116.247 mph)
23- David Haire – B & W Racing – Honda CBR 600RR – + 1’55.368 (115.766 mph)
24- Timothee Monot – Optimark Road Racing – MV Agusta F3 675 – + 2’29.244 (112.986 mph)
25- Gary Miller – Gary Miller Racing – Suzuki GSX-R 600 – + 2’49.099 (111.418 mph)

Superbike: tris di Guy Martin

A suggellare un’edizione 2013 da incorniciare, Guy Martin si è aggiudicato la vittoria anche in Gara 2 della Superbike, la conclusiva contesa del meeting. In fuga sin dalle prime fasi di gara, il portacolori Tyco Suzuki senza problemi ha viaggiato indisturbato verso la vittoria favorito dalla doppia-uscita di scena dei fratelli Dunlop: Michael fuori in griglia di partenza per una perdita d’olio alla propria Honda TT Legends, William costretto alla resa nelle battute finali a “Cochranstown” quando viaggiava in seconda posizione. Senza i due Dunlop e con Martin imprendibile, il podio premia nuovamente Bruce Anstey (Padgett’s Honda) e Conor Cummins (Milwaukee Yamaha), con Lee Johnston e Jamie Hamilton rispettivamente in quarta e quinta posizione a precedere Cameron Donald.

Metzeler Ulster Grand Prix Bike Week 2013
Classifica Ireland Freight Services Superbike (Race 6)

01- Guy Martin – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – 6 giri in 20’15.158 (131.188 mph)
02- Bruce Anstey – HM Plant Honda by Padgett’s – Honda CBR 1000RR – + 4.043 (130.753 mph)
03- Conor Cummins – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 7.802 (130.351 mph)
04- Lee Johnston – East Coast Racing – Honda CBR 1000RR – + 17.005 (129.378 mph)
05- Jamie Hamilton – KMR Vauxhall Dealers NI – Kawasaki ZX-10R – + 20.763 (128.984 mph)
06- Cameron Donald – Wilson Craig Racing – Honda CBR 1000RR – + 21.091 (128.950 mph)
07- Dean Harrison – RC Express Racing by MSS – Kawasaki ZX-10R – + 21.729 (128.884 mph)
08- Derek Sheils – CD Racing – Kawasaki ZX-10R – + 52.871 (125.718 mph)
09- Derek McGee – McGee Racing – Kawasaki ZX-10R – + 59.565 (125.058 mph)
10- Rob Barber – Swinton Bikes – BMW S1000RR – + 1’00.444 (124.972 mph)
11- Davy Morgan – Strangford Holiday Park – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’10.286 (124.015 mph)
12- Russ Mountford – SHR Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’12.645 (123.788 mph)
13- Dan Stewart – Wilcock Consulting – Kawasaki ZX-10R – + 1’12.856 (123.768 mph)
14- Michael Pearson – Hotties Thermal Packs – Kawasaki ZX-10R – + 1’12.996 (123.754 mph)
15- Fabrice Miguet – Team Kawasaki MIG – Kawasaki ZX-10R – + 1’32.592 (121.900 mph)
16- Paul Shoesmith – Ice Valley by Motorsave – BMW S1000RR – + 1’32.601 (121.899 mph)
17- Alan Connor – Connor Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’32.821 (121.878 mph)
18- Gareth Keys – HKR/Mototech – BMW S1000RR – + 1’33.123 (121.850 mph)
19- Paul Cranston – Wilson Craig Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’57.194 (119.649 mph)
20- Callum Laidlaw – www.laidlawracing.co.uk – Honda CBR 1000RR – + 1’58.769 (119.508 mph)
21- Paul Duckett – Duckett Roofing – Honda CBR 1000RR – a 1 giro (114.391 mph)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

12 Ore del Golfo: Valentino Rossi 7° in griglia, Capirex 15°

Valentino Rossi alla 12 Ore del Golfo

Valentino Rossi: “Il mio futuro è nell’Endurance con le auto”

Valentino Rossi a Yas Marina

Valentino Rossi a Yas Marina: assalto in Ferrari alla 12 Ore del Golfo