Tourist Trophy: Michael Dunlop trionfa al TT Superstock su BMW

Nona vittoria al TT

3 giugno 2014 - 13:25

Trascorsi soltanto 3 giorni dalla storica (per BMW) affermazione di sabato scorso al TT Superbike, Michael Dunlop si è ripetuto nell’odierna gara della classe Superstock all’Isola di Man. In sella alla BMW S1000RR iscritta dal proprio MD Racing, “Micky D” ha comandato una contesa che lo ha visto grande ed indiscusso protagonista sin dalle prime fasi di gara costruendo un vantaggio di ben 18″ nei confronti di Dean Harrison (secondo con la Kawasaki Ninja ZX-10R del RC Express Racing e preparata da MSS Perforance), 26″ a scapito di Bruce Anstey, con la Honda Fireblade di Padgett’s Motorcycles terzo a completare il podio. Per “Micky D” si tratta della nona affermazione in carriera al Tourist Trophy, la terza nell’ultimo quadriennio tra le Superstock e con tre moto diverse: nel 2011 in sella ad una Kawasaki Ninja ZX-10R, lo scorso anno su Honda CBR 1000RR, questa volta con una BMW S1000RR. La casa dell’Elica raggiunge così quota 31 affermazioni al TT in un podio “multi-marca” con Kawasaki e Honda rappresentate rispettivamente dai già menzionati Dean Harrison e Bruce Anstey, a loro volta protagonisti di una corsa che ha visto uscire di scena illustri “road racers”: Guy Martin, finito a terra a “Parliament Square” nel corso del terzo giro, ma soprattutto Gary Johnson, l’unico nel corso della prima tornata del “Mountain Course” a tener testa a Dunlop salvo incappare in una rovinosa caduta al “Ramsey Hairpin” con fratture al seguito. Il vincitore di Gara 1 tra le Supersport si ritrova così costretto a saltare le restanti gare in programma (ed al Nobles Hospital) lasciando all’omonimo australiano David Johnson un sorprendente quarto posto assoluto davanti a Conor Cummins (prezioso tempo perso nell’unico pit-stop in programma), Lee Johnston, Michael Rutter, Dan Kneen, un sensazionale Peter Hickman (9° alla sua seconda gara in assoluto al TT). John McGuinness a completare la top-10.

Costretto al ritiro William Dunlop, ben figura il nostro Stefano Bonetti, nei primi 20 con un giro conclusivo a 124.050 mph in sella alla propria Kawasaki Ninja ZX-10R. Da segnalare nel corso dell’ultimo giro un brutto incidente al “Mountain” che ha invitato il Clerk of the Course a sospendere le restanti attività in programma nell’odierna giornata all’Isola di Man. Cronaca di Gara Si parte alle 13:45 locali per uno slittamento del programma dovuto ad un incidente stradale a Lezayre nella mattinata, fortunatamente i migliori road racers del pianeta sono accolti da condizioni climatiche favorevoli per questa edizione 2014 del TT Superstock. Il primo a prender il via, con il #1 ben impresso sul cupolino della Honda CBR 1000RR Fireblade preparata da Padgett’s Motorcycles, è il 20 volte vincitore del TT John McGuinness, ma prevedibilmente sono altri i protagonisti al primo rilevamento di “Glen Helen”: Michael Dunlop, primo leader con 6/10 di margine su Gary Johnson e 1″5 su Dean Harrison, terzetto che viaggia già su riferimenti interessanti. “Micky D” prima della salita verso la montagna riesce a costruire un margine di 1″5 su Johnson e 3″5 su Harrison, ma al “Ramsey Hairpin” si registra il primo colpo di scena della contesa: Gary Johnson è sfortunato protagonista di una brutta caduta, rimedia diverse fratture e viene trasportato al Nobles Hospital. La corsa perde uno dei pretendenti alla vittoria, ben altra vita per Michael Dunlop: chiude il primo dei quattro passaggi previsti (con partenza da fermo) in 17’28″151 a 129.588 mph di media vantando 6″6 di margine su Dean Harrison (RC Express Kawasaki), 10″ su Bruce Anstey (Padgett’s Honda), 17″ su James Hillier (Quattro Plant Kawasaki) e 22″ su Conor Cummins (RAF Reserves Honda), a seguire completano la top-10 Guy Martin, Michael Rutter, Dan Kneen, David Johnson, Lee Johnston con William Dunlop 12°, John McGuinness 13°, il nostro Stefano Bonetti è 22° con un giro del “Mountain Course” in 18’26″760 a 122.726 mph. Il vincitore del TT Superbike con la propria BMW S1000RR ha un altro passo e rafforza la leadership nel corso del 2° giro: 8″5 su Harrison a “Glen Helen”, 9″ a Ballaugh, 11″6 a Ramsey, al termine del “Mountain” chiude con un crono di 17’26″621 a 129.778 mph di media, sufficiente per vantare 13″3 su Harrison, 18″ su Anstey, addirittura 36″ su Cummins. Un bel modo per presentarsi in totale tranquillità in pit-lane per l’unica sosta ai box per il rifornimento prevista dove, prevedibilmente, tutto va secondo i piani prestabiliti e si ripresenta al rilevamento di “Glen Helen” con 9″ di margine su Harrison, lascia 3″ Bruce Anstey, una 20ina abbondanti Conor Cummins per un problema. Il portacolori RAF Reserves Honda perde terreno, medesimo discorso per James Hillier, a “Ballacraine” finito fuori dal tracciato (ma in grado di ripartire), medesimo punto dove Brandon Cretu e Jim Hodson sono costretti al ritiro. La nuova classifica proietta così Michael Dunlop in testa con 9″2 su Dean Harrison, 17″ su Bruce Anstey, 38″ a scapito di Guy Martin, vantaggio superiore ai 40″ per Michael Rutter, Conor Cummins e Lee Johnston mentre William Dunlop e John McGuinness figurano rispettivamente in 10° e 11° posizione davanti a Steve Mercer, penalizzato per eccesso di velocità in pit-lane per il disappunto di Keith Flint dei “Prodigy”, titolare del Team Traction Control regolarmente presente all’Isola di Man.

Il terzo giro consolida la leadership di Michael Dunlop, letteralmente in fuga al raffronto cronometrico con Dean Harrison (a 18″) e Bruce Anstey (a 26″), mentre si registra la Caporetto del team TAS Suzuki: William Dunlop si ferma nei pressi del traguardo, cade senza conseguenze a “Parliament Square” Guy Martin. Di fatto l’ultimo giro è un veloce… passerella per Michael Dunlop che con 20″1 di margine su Dean Harrison conquista la personale decima vittoria al TT, terzo a 43″ dalla vetta è Bruce Anstey, a sorpresa proprio all’ultimo l’australiano David Johnson strappa la quarta posizione a Cummins con Johnston, Rutter, Kneen, uno strepitoso Peter Hickman (9° da “Newcomer”) e McGuinness a completare la top-10. Buon risultato per Stefano Bonetti, in piena top-20 con un giro conclusivo a 124.050 mph. Isle of Man TT fuelled by Monster Energy 2014 Royal London 360 Superstock, Classifica Gara 01- Michael Dunlop – MD Racing – BMW S1000RR – 1h11’10.773 (127.216 mph) 02- Dean Harrison – RC Express Racing by MSS – Kawasaki ZX-10R – 1h11’30.882 (126.620 mph) 03- Bruce Anstey – Valvoline Racing by Padgett’s – Honda CBR 1000RR – 1h11’54.197 (125.936 mph) 04- David Johnson – Lloyd and Jones PR Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 1h12’11.802 (125.424 mph) 05- Lee Johnston – Miles Kingsport/Pirtek Honda – Honda CBR 1000RR – 1h12’18.017 (125.244 mph) 06- Michael Rutter – Bathams Prize Winning Ales – BMW S1000RR – 1h12’18.305 (125.236 mph) 07- Dan Kneen – Marks Bloom Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 1h12’52.351 (124.261 mph) 08- Peter Hickman – Ice Valley by Motorsave Trade – BMW S1000RR – 1h13’13.249 (123.670 mph) 09- John McGuinness – Valvoline Racing by Padgett’s – Honda CBR 1000RR – 1h13’15.099 (123.618 mph) 10- James Hillier – Quattro Plant Muc-Off Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 1h13’24.822 (123.345 mph) 11- Horst Saiger – Saiger-Racing.com Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 1h13’46.555 (122.739 mph) 12- Russ Mountford – Silicone Engineering Racing – Kawasaki ZX-10R – 1h13’51.100 (122.613 mph) 13- James Cowton – Steve Parkin – Honda CBR 1000RR – 1h14’01.169 (122.335 mph) 14- Ivan Lintin – Taylor Lindsey Racing – Honda CBR 1000RR – 1h14’02.371 (122.302 mph) 15- Jimmy Storrar – Penz13.com BMW Racing Team – BMW S1000RR – 1h14’02.830 (122.290 mph) 16- Dan Stewart – SMT/Wilcock Racing – Kawasaki ZX-10R – 1h14’08.840 (122.124 mph) 17- Stefano Bonetti – Speed Motor – Kawasaki ZX-10R – 1h14’12.642 (122.020 mph) 18- Conor Cummins – RAF Reserves Racing – Honda CBR 1000RR – 1h14’12.653 (122.020 mph) * 19- Daniel Cooper – Tsingtao WK HMQ – Kawasaki ZX-10R – 1h14’19.999 (121.819 mph) 20- Steve Mercer – Team Traction Control – Suzuki GSX-R 1000 – 1h14’23.973 (121.710 mph) 21- Daniel Hegarty – ILR Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 1h15’14.396 (120.351 mph) 22- Robert Barber – Block Solutions – BMW S1000RR – 1h15’22.089 (120.146 mph) 23- Ian Mackman – InFront Motorcycles – Suzuki GSX-R 1000 – 1h15’29.024 (119.962 mph) 24- Davy Morgan – CMS Racing – Honda CBR 1000RR – 1h15’53.785 (119.310 mph) 25- Ben Wylie – Ice Valley by Motorsave Trade – BMW S1000RR – 1h15’55.484 (119.265 mph) 26- Stephen Thompson – Bathams Prize Winning Ales – BMW S1000RR – 1h15’58.896 (119.176 mph) 27- Martin Jessopp – Riders Motorcycles – BMW S1000RR – 1h16’02.584 (119.080 mph) 28- Michael Sweeney – MJR Racing – Kawasaki ZX-10R – 1h16’04.836 (119.021 mph) 29- John Ingram – Gadgetbox/Hunts Honda – Honda CBR 1000RR – 1h16’05.611 (119.001 mph) 30- Paul Owen – Team #98 – Honda CBR 1000RR – 1h16’12.411 (118.824 mph) 31- Gary Carswell – Gary Carswell Racing – Honda CBR 1000RR – 1h16’24.703 (118.505 mph) 32- Michael Russell – Lee Hardy Racing – Honda CBR 1000RR – 1h16’31.349 (118.334 mph) 33- Ryan Kneen – Charmer Builders Ltd – Kawasaki ZX-10R – 1h16’34.009 (118.265 mph) 34- Christopher Dixon – Padgett’s Motorcycles – Honda CBR 1000RR – 1h16’39.200 (118.132 mph) 35- Brian McCormack – Vanfleet Transport – Honda CBR 1000RR – 1h16’43.937 (118.010 mph) 36- Paul Shoesmith – Ice Valley by Motorsave Trade – BMW S1000RR – 1h16’45.843 (117.961 mph) 37- Danny Webb – KMR Kawasaki/SGS International – Kawasaki ZX-10R – 1h17’01.050 (117.573 mph) 38- Colin Stephenson – C S Racing – Honda CBR 1000RR – 1h17’08.710 (117.379 mph) 39- David Hewson – Obsession Engineering – Aprilia RSV4 – 1h17’09.022 (117.371 mph) 40- Mark Parrett – C and C LTD – BMW S1000RR – 1h17’18.543 (117.130 mph) 41- Nuno Caetano – Team of Portugal by KS – Kawasaki ZX-10R – 1h17’25.800 (116.947 mph) 42- George Spence – Dod Spence Racing – Honda CBR 1000RR – 1h17’26.591 (116.927 mph) 43- Graham English – www.steveenglish.com – BMW S1000RR – 1h17’28.718 (116.874 mph) 44- Eric Wilson – Obsession Engineering – Kawasaki ZX-10R – 1h17’33.559 (116.752 mph) 45- Philip Crowe – Objektum Modernisation – BMW S1000RR – 1h17’33.720 (116.748 mph) 46- Wayne Kirwan – Crossan Motorcycles – Honda CBR 1000RR – 1h17’43.617 (116.500 mph) 47- Allann Venter – Top Gun Racing – Honda CBR 1000RR – 1h17’44.271 (116.484 mph) 48- Vick De Cooremeter – Okidokiracing.be – BMW S1000RR – 1h18’00.641 (116.076 mph) 49- Scott Wilson – Diamond H Racing – Honda CBR 1000RR – 1h18’16.116 (115.694 mph) 50- David Madsen Mygdal – Gimbert Racing – Honda CBR 1000RR – 1h18’21.742 (115.555 mph) 51- Sandor Bitter – Ice Valley by Motorsave Trade – BMW S1000RR – 1h18’31.761 (115.310 mph) 52- Bill Callister – CAM Auto Centre – Honda CBR 1000RR – 1h19’00.905 (114.601 mph) 53- Fabrice Miguet – French Road Racers – Kawasaki ZX-10R – 1h19’02.499 (114.562 mph) 54- Paul Duckett – Paul Duckett Racing – Honda CBR 1000RR – 1h20’06.727 (113.032 mph) 55- Callum Laidlaw – www.Laidlawracing.co.uk – Honda CBR 1000RR – 1h22’16.004 (110.071 mph) 56- William Dunlop – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – 55’05.194 (123.286 mph) 57- Rafael Paschoalin – Paschoalin 113 – Honda CBR 1000RR – 1h01’42.563 (110.055 mph) * Conor Cummins penalizzato di 2 minuti per l’adozione di sospensioni fuori regolamento

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi GT3

Valentino Rossi debutterà a Imola: il calendario 2022 del Fanatec GT WCE

Valentino Rossi Audi

Valentino Rossi ufficiale con Audi: “Pronto per progetti di alto livello”

Randy Krummenacher

Krummenacher sbarca nel CIV Superbike: Yamaha punta al titolo 2022