Tourist Trophy: John McGuinness trionfa al TT Zero con la Mugen

21° vittoria di McPint

4 giugno 2014 - 8:38

A 188.88 km/h di media sul giro al “Mountain Course” dell’Isola di Man in sella ad una moto elettrica. L’edizione 2014 del TT Zero, la quinta effettiva (sesta dopo l’esperimento del 2009 nell’ambito dello sperimentale “TTXGP”) voluta dal Governo dell’Isola di Man, entra di diritto tra le gare destinate ad entrare nella storia del motociclismo. John McGuinness, leggenda vivente delle corse su strada, ha condotto al trionfo la Mugen Shiden San, terza generazione del prototipo sviluppato da Mugen (無限, in giapponese “senza limiti”), brand leggendario fondato nel 1973 da Hirotoshi Honda (figlio di Soichiro) oggi conosciuto con la divisione M-TEC. Presentatosi in gara con il chiaro intento di aggiudicarsi la vittoria tanto da rinunciare a Gara 2 della Supersport in programma alle 12:00 locali (non ancora al meglio per il recente infortunio al polso), il “Morecambe Missile” non ha avuto problemi ad aggiudicarsi la 21esima personale affermazione al Tourist Trophy, soltanto 5 successi dal record di 26 vittorie tuttora detenuto dal compianto Joey Dunlop. Già in grado di viaggiare con la Mugen Shinden San a 115 mph nelle prove, “McPint” nell’unico giro in programma della contesa ha raggiunto l’incredibile velocità media di 117.366 mph (188.88 km/h) confermando la crescita esponenziale delle moto elettriche al Tourist Trophy: nel 2009, all’epoca nel TTXGP, la Agni Motors di Rob Barber raggiunse le 87.434 mph, primato perfezionato da Mark Miller nel 2010 a 96.820 mph su MotoCzysz (assente quest’anno), ulteriormente ritoccato nelle precedenti tre edizioni dallo stesso Rutter a 99.604 mph (2011), 104.056 mph (2012) e 109.6748 mph (2013). Di fatto un tempo… da Supersport 600cc 4 tempi e di alcuni piloti in sella a delle Superbike…

McGuinness regala così alla Mugen la prima vittoria al TT dopo il secondo posto del 2013 e quattro anni di trionfi MotoCzysz con la casa nipponica che concretizza una doppietta grazie a Bruce Anstey, 2° con un giro a 115.048 mph scontando 23″ dal compagno di squadra. Completa il podio in terza posizione Robert Barber, a 93.531 mph con la Buckeye Current RW-2, seguito a soli 3/10 di secondo (!) da Robert Wilson in sella all’iberica Saroléa SP7. Al traguardo in quinta posizione assoluta ed un giro a 85.828 l’italianissima VercarMoto R6E (motore, ovviamente, elettrico, ciclistica Yamaha R6) affidata a Mark Miller, vincitore dell’edizione 2010. Cronaca di Gara Alle 10:45 scatta la quinta edizione del TT 2014 senza Phil Harvey, originariamente iscritto con la Komatti Mirai KM1S nel recente passato condotta anche dal compianto Yoshinari Matsushita. Con il #1 ben impresso sul cupolino della Mugen Shiden San, John McGuinness è il primo a transitare al rilevamento di “Glen Helen” in 4’56″422 a 117.805 mph di media, l’unico che tiene la scia a 4″9 è prevedibilmente il compagno di squadra Bruce Anstey (115.874 mph), a seguire ad oltre 1 minuto figura la RW-2 di Barber, la Saroléa di Wilson, Mark Miller con la Vercar Moto Yamaha R6E più Monot, ingaggiato all’ultim’ora dal Team ManTTx Racing. Subito costretto al ritiro a “Quarter Bridge” suo malgrado Ross Mountfordal via con la ARC EV3 di ARC EV Engineering. Prevedibilmente al rilevamento di “Ballaugh” McGuinness in 123.749 mph lascia a 9″3 Anstey con il gap per gli inseguitori delle due Mugen che sale ad oltre 2′. Si arriva alla “top speed” di Sulby con valori decisamente interessanti: le Mugen viaggiano a 154.3 mph (248.32 km/h) e 152.9 mph (246.07 km/h) rispettivamente con McGuinness e Anstey, si attesa a 121.1 Robert Wilson con la Saroléa SP7. Di fatto la corsa non riserva grandi emozioni nella corsa alla vittoria: a “Ramsey” McGuinness vanta 11″ di margine su Anstey, in pieno “Mountain” il vantaggio sale a 18″6 (a Bungalow), 21″5 (a Cronk-ny-Mona) fino ai 23″ finali al traguardo grazie ad un impressionante giro a 117.366 mph di media contro i 115.048 mph di Anstey.

Avvincente il confronto per il terzo posto risolto per una manciata di centesimi a vantaggio di Robert Barber (Buckeye Current RW-2.x) su Robert Wilson (Saroléa SP7), conclusa la corsa in quinta posizione per la Yamaha R6E del Team Vercar Moto con Mark Miller (85.828 mph). Isle of Man TT fuelled by Monster Energy 2014 SES TT Zero, Classifica Gara 01- John McGuinness – Team Mugen – Mugen Shinden San – 19’17.300 (117.366 mph) 02- Bruce Anstey – Team Mugen – Mugen Shinden San – 19’40.625 (115.048 mph) 03- Robert Barber – Buckeye Current Racing – Buckeye Current RW-2.x – 24’12.230 (93.531 mph) 04- Robert Wilson – Team Saroléa Racing – Saroléa SP7 – 24’12.600 (93.507 mph) 05- Mark Miller – Team Vercar Moto – Yamaha R6E – 26’22.562 (85.828 mph)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi GT3

Valentino Rossi debutterà a Imola: il calendario 2022 del Fanatec GT WCE

Valentino Rossi Audi

Valentino Rossi ufficiale con Audi: “Pronto per progetti di alto livello”

Randy Krummenacher

Krummenacher sbarca nel CIV Superbike: Yamaha punta al titolo 2022