Tourist Trophy: Ian Hutchinson da primato a 130.165 mph

Avvicina il tempo di McGuinness

4 giugno 2010 - 3:01

Al via della giornata di qualifiche del 3 giugno all’Isle of Man per il Tourist Trophy 2010 subito tutti in sella con le proprie Superbike: in sequenza Bruce Anstey seguito da John McGuinness, Ian Lougher, Keith Amor, Cameron Donald, Guy Martin, Adrian Archibald, Conor Cummins e tutti gli altri. Anche e soprattutto Ian Hutchinson, il grande protagonista di queste prove, che ha spiccato al secondo giro percorso il proprio personale primato al TT in 130.165 mph, vicino alle 130.242 mph della precedente giornata di John McGuinness. Hutchy, con la Honda preparata dal team Padgetts, è parso indemoniato in questa sua prestazione, lasciando sotto il muro delle 130 miglia orarie Conor Cummins (Kawasaki McAdoo, in netto miglioramento rispetto a ieri), Cameron Donald (di ritorno dopo l’infortunio del 2009, Suzuki Relentless by TAS) e Keith Amor con la seconda HM Plant Honda in sostituzione di Steve Plater. La prestazione di Ian Hutchinson, 3 vittorie al TT, lo pone tra i principali favoriti per la gara delle Superbike in programma sabato alle 12:00, la prima in agenda per il Tourist Trophy 2010. Classifica Superbike qualifiche del 3 giugno 01- Ian Hutchinson – Padgetts Motorcycles – Honda CBR 1000RR – 17’23.51 (130.165 mph) 02- Conor Cummins – McAdoo Kawasaki Racing – Kawasaki ZX 10R – 17’34.25 (128.838 mph) 03- Cameron Donald – Relentless Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – 17’34.27 (128.836 mph) 04- Keith Amor – HM Plant Honda – Honda CBR 1000R – 17’35.46 (128.691 mph) 05- Michael Rutter – Batham’s Honda – Honda CBR 1000RR – 17’44.78 (127.564 mph) 06- Michael Dunlop – Street Sweep/Robinson Concrete – Honda CBR 1000RR – 17’45.35 (127.496 mph) 07- Ian Lougher – Blackhorse Kawasaki – Kawasaki ZX 10R – 18’00.83 (125.670 mph) 08- John McGuinness – HM Plant Honda – Honda CBR 1000RR – 18’05.64 (125.113 mph) 09- Ryan Farquhar – MSS Colchester Kawasaki – Kawasaki ZX 10R – 18’06.20 (125.049 mph) 10- Gary Johnson – AIM Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 18’06.55 (125.009 mph) Superstock: Michael Rutter si ritrova in testa Dopo i record della Superbike, tra le Superstock non tutti gli attesi protagonisti del Tourist Trophy hanno preso parte alle prove del 3 giugno, tanto da non migliorare i precedenti riferimenti della categoria. Nei primi 10 sono in molti a sorprendere, come il sesto tempo di Steve Mercer che si giocherà la vittoria nella classifica riservata ai piloti privati (istituita quest’anno), mentre al comando svetta Michael Rutter, chiamato da HM Plant Honda per sostituire l’infortunato Steve Plater. “The Blade” ha viaggiato a 127.564 che lo pone al secondo posto nella classifica combinata dei vari giorni di prove, dietro soltanto a Ryan Farquhar (128.076 mph). Quanto al nostro Stefano Bonetti, due giri percorsi: il primo a 120.781 mph, il secondo a 120.684 mph. Classifica Superstock qualifiche del 3 giugno 01- Michael Rutter – HM Plant Honda – Honda CBR 1000RR – 17’44.78 (127.564 mph) 02- Michael Dunlop – Hunts Motorcycles/Marlow – Honda CBR 1000RR – 17’48.58 (127.111 mph) 03- Conor Cummins – McAdoo Kawasaki Racing – Kawasaki ZX 10R – 18’07.29 (124.924 mph) 04- Mark Buckley – OTSS Racing – Kawasaki ZX 10R – 18’12.58 (124.319 mph) 05- Adrian Archibald – AMA Racing Team – Suzuki GSX-R 1000 – 18’13.35 (124.232 mph) 06- Steve Mercer – G Force/SMR Road Racing – Yamaha YZF R1 – 18’14.01 (124.156 mph) 07- Gary Johnson – AIM Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 18’20.10 (123.468 mph) 08- Dan Kneen – Marks Bloom Racing/West London – Suzuki GSX-R 1000 – 18’32.26 (122.119 mph) 09- James McBride – Downview Finance/Pazzo Racing – Yamaha YZF R1 – 18’32.62 (122.080 mph) 10- Ian Mackman – PRF Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 18’34.34 (121.891 mph)

Supersport: la spunta Keith Amor Sarà un TT impegnativo per Keith Amor: Superbike/Senior TT con HM Plant Honda, Superstock con BMW, Supersport con una Honda ex-Ten Kate del mondiale. Proprio tra le 600cc Amor ha ottenuto la migliore prestazione del 3 giugno, viaggiando a 124.797 mph lontano, seppur di poco, dal riferimento di Michael Dunlop della precedente giornata di prove a 125.087 mph. Proprio quest’ultimo, vincitore di Gara 2 di questa categoria lo scorso anno, ha preferito non correr rischi, lasciando agli altri la possibilità di migliorarsi: è il caso di Ian Hutchinson che spicca il 2° tempo (dopo la prestazione-monstre tra le Superbike) in 124.685 su Honda Padgetts, lasciandosi alle spalle Guy Martin (Wilson Craig Honda, 123.902 mph), Ryan Farquhar (KMR Kawasaki, 122.818 mph, molto soddisfatto del rendimento della sua Ninja) con John McGuinness in 5° posizione con la seconda CBR preparata dal leggendario team Padgetts. Per il nostro Stefano Bonetti 117.325 mph con la propria Honda, qualcosina meno del 117.876 spiccato nella precedente giornata. Classifica Supersport qualifiche del 3 giugno 01- Keith Amor – Kojak Racing – Honda CBR 600RR – 18’08.39 (124.797 mph) 02- Ian Hutchinson – Padgetts Motorcycles – Honda CBR 600RR – 18’09.37 (124.685 mph) 03- Guy Martin – Wilson Craig Racing – Honda CBR 600RR – 18’16.25 (123.902 mph) 04- Ryan Farquhar – KMR Kawasaki – Kawasaki ZX-6R – 18’25.93 (122.818 mph) 05- John McGuinness – Padgetts Motorcycles – Honda CBR 600RR – 18’40.03 (121.272 mph) 06- Ian Lougher – Blackhorse Kawasaki – Kawasaki ZX-6R – 18’45.68 (120.663 mph) 07- Derek Brien – Hunky Dory Racing – Yamaha YZF R6 – 18’48.36 (120.377 mph) 08- Daniel Stewart – Wilcock Consulting – Honda CBR 600RR – 18’55.96 (119.571 mph) 09- William Dunlop – CD Racing – Yamaha YZF R6 – 18’58.70 (119.284 mph) 10- Ben Wylie – Phase One Endurance – Yamaha YZF R6 – 18’59.67 (119.182 mph) Sidecar: ancora duello tra Molyneux e Klaffenbock Primi ad entrare in azione giovedì 3 giugno al Mountain sono stati i Sidecar, con Dave Molyneux, affiancato dal passeggero Patrick Farrance, ancora il più veloce con una migliore prestazione in 115.464 mph dopo un primo passaggio in 114.545mph. Con il nuovo sidecar DMR motorizzato ufficiale Kawasaki il 14 volte vincitore del TT ha preceduto l’equipaggio composto da Klauss Klaffenbock e Dan Sayle; “Klaffi”, pluri-campione del mondo della specialità, è riuscito a scendere sotto il muro dei 20′, migliorando nettamente la precedente prestazione di 113.576 mph. Seguono in classifica Simon Neary, rimasto ai box per regolare il proprio sidecar motorizzato ufficiale Honda Racing UK, Conrad Harrison/Kerry Williams e John Holden/Andrew Winkle, quest’ultimi costretti ad una breve sosta per sostituire il pneumatico posteriore. Da segnalare la top speed di Simon Neary a Sulby, 145 mph (233 km/h) e l’incidente al Kates Cottage di Nigel Mayers/Joseph Shardlow, quest’ultimo costretto ad una breva capatina in ospedale. Classifica Sidecar qualifiche del 3 giugno 01- Dave Molyneux/Patrick Farrance – DMR Kawasaki – 19’36.36 (115.464 mph) 02- Klaus Klaffenbock/Dan Sayle – Manx Gas/A&J Racing – 19’50.47 (114.096 mph) 03- Simon Neary/Paul Knapton – Team Dave Hudspeth Carpets/Nick Crowe – 20’00.19 (113.172 mph) 04- Conrad Harrison/Kerry Williams – Shelbourne Honda/Printing Roller Services – 20’13.17 (111.962 mph) 05- John Holden/Andrew Winkle – Holden Racing/TAS Suzuki – 20’15.90 (111.710 mph)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoAmerica

MotoAmerica Road Atlanta: sempre Beaubier, brutto crash di Lewis

MotoAmerica

MotoAmerica Road Atlanta: Beaubier domina Gara 1

biesiekirski moto2

Moto2, ‘esordio’ alternativo per Biesiekirski: test a Barcellona con SAG Team