Tourist Trophy: Ian Hutchinson a 130.614 mph, oggi le prime gare

In gara Superbike e Sidecar

5 giugno 2010 - 3:30

A poche ore dalla prima gara dell’edizione 2010 del Tourist Trophy Ian Hutchinson ha segnato una nuova prestazione assoluta all’Isle of Man. Mentre John McGuinness, su suggerimento del team HM Plant Honda di Neil Tuxworth, ha preferito concentrarsi sulle classi Superstock e Supersport, “Hutchy” è volato a 130.614 mph, segnando il miglior tempo complessivo nelle qualifiche. Girando in 17’19″92 con la Honda del team Padgetts, Hutchinson guadagna così la prima posizione assoluta di questa prima settimana di prove, partendo così tra i favoriti per la vittoria della gara riservata alle Superbike in programma oggi alle 12:00 locali con 6 giri da percorrere, seguita dalla prima manche dei Sidecar, dall’ultima qualifica per tutte le altre classi e dalle prime prove del rinnovato “TT Zero”. Hutchinson svetta così nella classifica riepilogativa dei tempi di questi giorni, lasciandosi alle spalle John McGuinness rimasto con la velocità di mercoledì, 130.242 mph; i due sono stati gli unici sopra le 130 miglia, muro non ancora battuto da Conor Cummins terzo a 129.405 con la Kawasaki del team McAdoo, seguito dall’inossidale Adrian Archibald, 3 vittorie in carriera al TT. A seguire Guy Martin, rimasto fermo in quest’ultima giornata con la Honda Wilson Craig Racing al “Ballacraine”, stessa malasorte per Bruce Anstey al “Sulby Bridge”. Il compagno di squadra in Relentless Suzuki by TAS, Cameron Donald, è sesto al ritorno al TT dopo l’infortunio del 2009, seguito da Michael Dunlop (velocissimo tra le Supersport) e Keith Amor con la seconda HM Plant Honda orfana di Steve Plater. Michael Rutter, con la Honda ufficiale messa a disposizione dalla filiale britannica grazie all’apporto dello sponsor Batham’s (inizialmente doveva correre con la stessa Ducati del British Superbike), è decimo lasciandosi alle spalle altre due vecchie volpi come Ian Lougher, 12°, e Ryan Farquhar, 13° con la Kawasaki MSS Colchester. Il nostro Stefano Bonetti? Per lui un miglioramento nella giornata di venerdì arrivando a 121.980 mph, 27° prestazione assoluta puntando a ben figurare tra i piloti privati. Parlando dei “newcomers” l’australiano David Johnson è il primo in classifica a 118.607 mph, più veloce di Stephen Thompson (117.456 mph) e dello svizzero Hervè Ganther, 115.481 mph, subito dietro a William Dunlop che ha incontrato non poche difficoltà in questa edizione del TT. Classifica complessiva qualifiche Superbike 01- Ian Hutchinson – Padgetts Motorcycles – Honda CBR 1000RR – 17’19.92 (130.614 mph) 02- John McGuinness – HM Plant Honda – Honda CBR 1000RR – 17’22.89 (130.242 mph) 03- Conor Cummins – McAdoo Kawasaki Racing – Kawasaki ZX 10R – 17’29.63 (129.405 mph) 04- Adrian Archibald – AMA Racing Team – Suzuki GSX-R 1000 – 17’30.00 (129.360 mph) 05- Guy Martin – Wilson Craig Racing – Honda CBR 1000RR – 17’31.75 (129.145 mph) 06- Cameron Donald – Relentless Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – 17’33.14 (128.974 mph) 07- Michael Dunlop – Robinson Concrete – Honda CBR 1000RR – 17’34.63 (128.792 mph) 08- Keith Amor – HM Plant Honda – Honda CBR 1000RR – 17’35.46 (128.691 mph) 09- Bruce Anstey – Relentless Suzuki by TAS – Honda CBR 1000RR – 17’35.54 (128.682 mph) 10- Michael Rutter – Batham’s Honda – Honda CBR 1000RR – 17’44.78 (127.564 mph)

Superstock: Michael Dunlop velocissimo Si è animata nelle qualifiche di venerdì 4 giugno la classe Superstock, con un bel confronto tra Michael Dunlop e Keith Amor. I tre sono arrivati, virtualmente, “in volata” sul traguardo, racchiusi in meno di 1″. Dunlop con la Honda preparata dal concessionario Hunts Motorcycles, ha avuto la meglio a 128.324 mph, di poco davanti alla BMW vittoriosa alla North West 200 con Ryan Farquhar, 128.229. I due hanno scavalcato in classifica Ryan Farquhar, rimasto con le 128.076 di mercoledì, ma molto soddisfatto del rendimento della propria KMR Kawasaki dopo le difficoltà in Superbike. In classifica seguito Guy Martin (Wilson Craig Honda), Ian Hutchinson (Padgetts Honda), Ian Lougher (Blackhorse Kawasaki), Cameron Donald (TAS Suzuki), Conor Cummins (McAdoo Kawasaki) e John McGuinness che a 125.704 mph completa la top ten di una Superstock quasi a livello della Superbike. Stefano Bonetti è, come detto in precedenza, 23° assoluto con le 121.980 mph con la propria Honda. Classifica complessiva qualifiche Superstock 01- Michael Dunlop – Hunts Motorcycles/Marlow – Honda CBR 1000RR – 17’38.48 (128.324 mph) 02- Keith Amor – WA Corless/Jackson Racing – BMW S1000RR – 17’39.26 (128.229 mph) 03- Ryan Farquhar – KMR Kawasaki – Kawasaki ZX 10R – 17’40.52 (128.076 mph) 04- Michael Rutter – HM Plant Honda – Honda CBR 1000RR – 17’44.78 (127.564 mph) 05- Guy Martin – Wilson Craig Racing – Honda CBR 1000RR – 17’45.30 (127.503 mph) 06- Ian Hutchinson – Padgetts Motorcycles – Honda CBR 1000RR – 17’55.11 (126.339 mph) 07- Ian Lougher – Blackhorse Kawasaki – Kawasaki ZX 10R – 17’56.15 (126.216 mph) 08- Cameron Donald – Relentless Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – 17’57.90 (126.012 mph) 09- Conor Cummins – McAdoo Kawasaki Racing – Kawasaki ZX 10R – 17’59.61 (125.812 mph) 10- John McGuinness – Padgetts Motorcycles – Honda CBR 1000RR – 18’00.54 (125.704 mph) Supersport: “doppietta” per Michael Dunlop Sembra davvero in uno stato di grazie Michael Dunlop, il grande protagonista del venerdì all’Isle of Man. Miglior tempo in Superstock, altrettanto tra le Supersport dove ha staccato tutti: 126.395 mph, nettamente meglio rispetto a Ian Hutchinson rimasto standardizzato alle 125.020 mph di mercoledì. “Pole” quindi per Dunlop che punta a riconfermare la vittoria di Gara 2 dello scorso anno per una classe apertissima: protagonisti ci sono Keith Amor con la Honda ex-Ten Kate del Kojak Racing, ma anche Guy Martin, John McGuinness ed il fratelli William Dunlop, che dopo le difficoltà tra le 1000cc può ben figurare tra le 600. Miglioramenti anche per Stefano Bonetti, che ha ritoccato il proprio riferimento arrivando a 118.346 mph, 30° tempo assoluto. Classifica complessiva qualifiche Supersport 01- Michael Dunlop – Street Sweep/Hardship Racing – Yamaha YZF R6 – 17’54.63 (126.395 mph) 02- Ian Hutchinson – Padgetts Motorcycles – Honda CBR 600RR – 18’06.45 (125.020 mph) 03- Keith Amor – Kojak Racing – Honda CBR 600RR – 18’08.39 (124.797 mph) 04- Guy Martin – Wilson Craig Racing – Honda CBR 600RR – 18’16.25 (123.902 mph) 05- John McGuinness – Padgetts Motorcycles – Honda CBR 600RR – 18’17.60 (123.750 mph) 06- William Dunlop – CD Racing – Yamaha YZF R6 – 18’18.74 (123.621 mph) 07- Ryan Farquhar – KMR Kawasaki – Kawasaki ZX-6R – 18’25.93 (122.818 mph) 08- Conor Cummins – McAdoo Kawasaki Racing – Kawasaki ZX-6R – 18’28.31 (122.554 mph) 09- Adrian Archibald – AMA Racing Team – Yamaha YZF R6 – 18’30.62 (122.300 mph) 10- Bruce Anstey – Relentless Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 600 – 18’32.68 (122.072 mph)

Sidecar: Dave Molyneux punta alla 15° vittoria Dopo aver raggiunto nel 2009 Mike Hailwood a 14 successi al TT, quest’anno Dave Molyneux, passato insieme al passeggero Patrick Farrance ai motori ufficiali Kawasaki, punta al sorpasso. Qualifiche a 115.464 mph, meglio dell’equipaggio composto da Klaus Klaffenbock/Dan Sayle (114.096 mph) e al sidecar motorizzato Suzuki di John Holden, 113.240 mph. La prima gara dei Sidecar si disputerà oggi alle 15:00 locali (3 giri), la seconda mercoledì alle 13:15. Classifica complessiva qualifiche Sidecar 01- Dave Molyneux/Patrick Farrance – DMR Kawasaki – 115.464 mph 02- Klaus Klaffenbock/Dan Sayle – Manx Gas/A&J Racing Honda – 114.096 mph 03- John Holden/Andy Winkle – Holden Racing/TAS Suzuki – 113.24 mph 04- Simon Neary/Paul Knapton – Dave Hudspeth Carpets/Nick Crowe Racing Honda – 113.172 mph 05- Conrad Harrison/Kerry Williams – Printer Roller Services Honda – 111.962 mph 06- Tim Reeves/Dipash Chauhan – Double M/Haith Racing Suzuki – 110.758 mph

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoAmerica

MotoAmerica Road Atlanta: sempre Beaubier, brutto crash di Lewis

MotoAmerica

MotoAmerica Road Atlanta: Beaubier domina Gara 1

biesiekirski moto2

Moto2, ‘esordio’ alternativo per Biesiekirski: test a Barcellona con SAG Team