Tourist Trophy: da domani con le prime prove il via all’edizione 2010

Edizione numero 91 del TT

28 maggio 2010 - 3:01

Semplicemente è “La Storia” del motociclismo, con 91 edizioni ed una storia di oltre 100 anni sulle spalle. Domani con le prime prove scatta l’edizione 2010 del Tourist Trophy all’Isle di Man, vera e propria “Mecca” per gli appassionati, evento a cui bisogna assistere almeno una volta nella vita. Dal 29 maggio all’11 giugno si ferma un’intera isola, con le quasi 38 miglia del “Mountain” a scrivere nuove pagine di storia per una disciplina, il “Road Racing”, che meriterebbe maggior attenzione e rispetto anche da parte di chi non ne comprende la propria, straordinaria, unicità. Il programma: domani prove, dal 5 giugno le gare Da domani via alle prove alle 18:20 locali con i primi test riservati ai debuttanti (“Newcomers”), mentre da lunedì 31 maggio ogni giorno le qualifiche ufficiali. Prime gare dal 5 giugno, con la Superbike ad aprire le danze seguita dalla prima corsa dei Sidecar, a seguire Supersport Gara 1 e Superstock (6 giugno), Supersport Gara 2, Sidecar Gara 2 e TT Zero (07/06) ed il gran finale venerdì 11 giugno, con il Senior TT alle 12:30 preceduto dalla parata di moto storiche con uno spazio riservato alle celebrazioni per il 50° anniversario dell’impegno nelle competizioni motociclistiche Suzuki. Le novità del 2010: niente 2 tempi, titolo privati, TT Zero Quest’anno il TT ha rinnovato un pò il proprio programme di gare: spariscono le gare al Billown (Ultra-Lightweight di 125 e 250cc) integrate alle “Post TT Road Races” del 12 giugno prossimo. Rinnovata anche la corsa ad “emissioni zero”, passata sotto la completa gestione del governo locale dopo l’esperimento del TTXGP: si chiamerà “TT Zero”, un solo giro di gara il 9 giugno con premio di 10.000 sterline per chi passerà il muro delle 100 miglia orarie di media. Istituito anche un Trofeo riservato ai piloti privati, il “TT Privateers Championship”, con punti assegnati per ciascuna gara ai primi 15 selezionati dall’organizzazione con montepremi finale. I protagonisti: assente Plater, McGuinness cerca nuovi record Non si può parlare di Tourist Trophy senza pensare a John McGuinness, 15 affermazioni in carriera più il record sul giro dello scorso anno a 131.578 mph. “McG” correrà con HM Plant Honda al Senior TT e Superbike, mentre sotto le insegne Padgetts affiancherà Ian Hutchinson (presente nelle altre classi) in Supersport e Superstock. Purtroppo non ci sarà Steve Plater, vincitore del Senior TT 2009, caduto rovinosamente nelle prove della North West 200: al suo posto in Superbike Keith Amor (presente con una Honda ex-Ten Kate in Supersport e con la BMW vittoriosa di classe alla NW200 in Superstock), mentre tra le Stock è stato raggiunto l’accordo dell’ultim’ora con Michael Rutter, presente tra le Superbike e Senior TT con una Ducati 1098R Riders Motorcycles ed in Supersport con una 749 “RS”.

Cercherà la prima affermazione al TT Guy Martin, passato al Wilson Craig Racing con una Honda livrea “Hailwood Replica”, mentre sembra l’anno giusto per il giovanissimo Conor Cummins, recordman di velocità media assoluta in una Road Races (133.282 mph, Ulster GP 2009) con la Kawasaki del team McAdoo. La casa di Akashi quest’anno è molto agguerrita, con MSS Colchester che affiderà la propria Ninja a Ryan Farquhar, 61 vittorie nella sola stagione 2009 del Road Racing. In casa Suzuki si punta sul riscatto di Bruce Anstey e sul ritorno di Cameron Donald, infortunatosi lo scorso anno proprio al TT quando aveva appena fatto registrare il nuovo record sul giro (poi battuto da McGuinness). Altri protagonisti? I fratelli Michael e William Dunlop (occhio a loro in Supersport, vedi quanto accaduto nel 2009), Adrian Archibald su Suzuki AMA Racing, Ian Lougher che dopo una vita in Yamaha è passato insieme al proprio team Blackhorse a Kawasaki. Da seguire inoltre al Senior TT il debutto di una Moto2, la FTR Moto M210 condotta da Ollie Linsdell. Tra i Sidecar favoritissimo Dave Molyneux, 14 vittorie al TT, che ha lasciato i motori Suzuki per Kawasaki. Gli italiani: forza Stefano Bonetti e Alessio Corradi! Saranno due i rappresentanti italiani al via del Tourist Trophy. Si parte ovviamente da Stefano Bonetti, straordinario protagonista della North West 200 dove ha ottenuto un 13° posto assoluto tra le Superstock, ormai presenza fissa del TT dove può davvero togliersi grandi soddisfazioni quest’anno anche nella classifica riservata ai piloti privati. Nuova esperienza per Alessio Corradi, conoscenza del World Supersport, mentre ha dovuto rinunciare all’ultimo minuto Roberto Antonellini. Gli ospiti: da Lorenzo a Capirossi alla Suzuki MotoGP Dopo Valentino Rossi e Giacomo Agostini, anche quest’anno non mancheranno “guest star” mondiali al Tourist Trophy. L’11 giugno percorreranno un giro del TT l’attuale leader della MotoGP Jorge Lorenzo affiancato da Angel Nieto, che agli inizi della propria carriera aveva corso all’Isola di Man quando faceva parte del calendario iridato del Motomondiale. Per la parata Suzuki non mancheranno Loris Capirossi e Leon Haslam (capoclassifica del World Superbike), nè tantomeno la GSV-R MotoGP che sarà condotta per un solo giro del Mountain da Cameron Donald a poche ore dal Senior TT, più una serie di moto Suzuki vittoriose negli ultimi 50 anni.

Come seguire il TT 2010: web e TV Buone notizie per gli appassionati: da quest’anno, senza alcuna sottoscrizione e gratuitamente, sarà possibile seguire tutto il Tourist Trophy via live timing e diretta scritta sul sito ufficiale, iomtt.com, oltre che ovviamente su queste pagine con aggiornamenti e immagini in tempo reale. In TV per l’Italia è prevista una sintesi sui canali Rai Sport (digitale terrestre e satellite) nei giorni successivi alle gare, aspettando i DVD ufficiali in HD, Blu Ray e, grande novità, un documentario realizzato in 3D. Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoAmerica

MotoAmerica Road Atlanta: sempre Beaubier, brutto crash di Lewis

MotoAmerica

MotoAmerica Road Atlanta: Beaubier domina Gara 1

biesiekirski moto2

Moto2, ‘esordio’ alternativo per Biesiekirski: test a Barcellona con SAG Team