Macau

Rutter vola con la RC213V-S a Macau, ma la pole è di Hickman

Seconda pole di fila a Macau per Peter Hickman (BMW), Michael Rutter primeggia nelle seconde qualifiche con la Honda RC213V-S MotoGP Replica.

15 novembre 2019 - 1:40

A Macau vale il detto “mai dire mai“. In un secondo turno di qualifiche ufficiali nell’ambito del 53esimo Gran Premio motociclistico che doveva rappresentare una mera formalità per Peter Hickman, i suoi più diretti avversari hanno sfoggiato tutti i loro propositi ambiziosi. Con “Hicky” che si è garantito la seconda pole consecutiva in virtù del 2’25″100 siglato ieri, Michael Rutter con la missilistica Honda RC213V-S è arrivato a soli 282 millesimi da questo target, riaprendo potenzialmente i giochi in vista della gara in programma domani.

ZAMPATA DEL RE

La miglior moto che abbia mai guidato“, aveva ammesso lo scorso anno Michael Rutter. La Honda RC213V-S, la cosiddetta MotoGP Replica della casa dell’ala dorata, ha un potenziale mostruoso, ma portarla al limite non è facile. Perfetto conoscitore del Circuito da Guia e “Re” di Macau con 8 successi all’attivo (per quanto l’ultima nel 2012), “The Blade” alla seconda esperienza con questa moto sul cittadino dell’ex colonia portoghese ha sfiorato una clamorosa e significativa pole, giovando e non poco le migliorie di natura elettronica sviluppate nelle ultime settimane. Proprio mentre il suo team-mate Hickman si ritrovava rallentato dal traffico dell’ora di punta, Rutter in 2’25″382 si è appropriato del comando delle Qualifiche 2, ma non abbastanza per centrare la pole.

HICKMAN IN POLE

Peter Hickman pertanto si è garantito la pole e domani alle 16:55 locali (le 8:55 italiane) scatterà davanti a tutti con la BMW S1000RR 2019 gommata Dunlop preparata dallo Smiths Racing, ma schierata sotto le insegne del Team MGM by Bathams Racing proprio di Rutter e della sua compagna Faye Ho. Il Re lo affiancherà scattando dalla seconda casella, motivato a tornare sul gradino più alto del podio nella “sua” Macau.

VOLANO LE DUCATI V4 R

Non soltanto la coppia favorita della vigilia ha rispettato le attese. Alle loro spalle, in terza e quarta posizione, prenderanno il via David Johnson e John McGuinness, schierati dal Paul Bird Motorsport con le Ducati Panigale V4 R dominatrici quest’anno nel BSB. “Davo“, a tratti primatista delle Qualifiche 2, ha concluso la sessione con il secondo tempo in 2’26″093, poco distante il “Morecambe Missile” in 2’26″352. Quinta piazza in griglia per Lee Johnston (BMW S1000RR Ashcourt Racing) seguito da Horst Saiger (Yamaha Saiger Racing) con il finlandese Erno Kostamo (Penz13 BMW), rivelazione nell’ultimo biennio dell’I.R.R.C., addirittura settimo di giornata davanti a Gary Johnson (BMW HP4 Carbon dell’Ashcourt Racing) ed al rientrante Ian Hutchinson, al via con una BMW del team SMT Racing vestita con i colori Milwaukee.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi pronto per l’endurance: “Ci siamo divertiti da bestia”

Valentino Rossi ad Abu Dhabi

Valentino Rossi sul podio della 12 Ore del Golfo: 1° nella categoria Pro Am

Valentino Rossi 6° nella prima manche della 12 Ore del Golfo