Red Bull Rookies Cup Sachsenring Gara 1: Philipp Öttl batte Brad Binder in volata

Italiani sfortunati con Baldassarri 6°

16 luglio 2011 - 13:21

In una gara caratterizzata da un doppio colpo di scena e da una lotta a 9 pretendenti per la vittoria finali, Philipp Öttl centra la seconda affermazione in carriera nella Red Bull MotoGP Rookies Cup. Figlio d’arte (suo padre Peter vanta 5 vittorie in bacheca nel Motomondiale nelle classi 80 e 125cc), il 15enne pilota tedesco non ha commesso errori per conseguire un’affermazione in casa da incorniciare. Scattato dalla pole, Öttl ha dovuto confrontarsi con altri 8 giovani talenti a cominciare da Brad Binder, battuto in volata soltanto per 335 millesimi grazie al crono di 1’30″317 conseguito proprio all’ultimo giro dal suo rivale.

Se l’olandese Scott Deroue riesce a salire per la prima volta sul podio, non è stata una corsa particolarmente fortunata per i protagonisti del campionato, Arthur Sissis ed il nostro Lorenzo Baldassarri. L’australiano ha accusato un problema tecnico alla propria KTM RC 125 al giro di ricognizione, vedendosi costretto a scattare con 40 secondi di ritardo rispetto al gruppo di testa dalla corsia box terminando la corsa fuori dalla zona punti, 18°.

Discorso diverso per “Lory Balda”, a lungo nel gruppo di testa, sesto sul traguardo anche a seguito di una manovra al limite di Xavier Pinsach, caduto a 4 giri dalla bandiera a scacchi obbligando ad un’escursione fuori pista anche Stefano Valtulini, ripartito sesto, 15° sul traguardo per una disavventura non raccontata dalle immagini TV al penultimo passaggio.

Con questo piazzamento Baldassarri riduce ora il gap da Sissis in campionato a soli 7 punti, con la possibilità di combattere per la leadership domani in Gara 2 dove sono attesi alla riconferma anche Kevin Arginò (8°) e Andrea Migno (9°), autori di una bella rimonta che vale la top-10.

Cronaca di Gara

Al giro di ricognizione subito un primo colpo di scena: il leader della classifica Arthur Sissis, 7° in griglia, accusa un problema tecnico e sarà costretto a scattare dalla corsia box con non meno di 43 secondi di svantaggio dal gruppo di testa. Con un protagonista in meno la corsa prende il via con Techer abile a prendere il comando alla prima curva davanti a Öttl, Vavrous, Alt, Pinsach, il nostro Valtulini, Binder, Baldassarri 8°, Migno 11° e Arginò 12°. Al curvone “Castrol Omega” primo contatto, coinvolti Espana e Trautmann: ripartiranno, ma soltanto rispettivamente in 21° e 22° posizione proprio davanti a Sissis.

Si chiude il primo giro ed in fondo al discesone della “Waterfall” Öttl riconquista il comando, ma dura poco: subito alla “Coca Cola Kurve” arriva la risposta di Techer, non mancano le emozioni al Sachsenring con nove piloti a comporre il gruppo di testa compresi i nostri Valtulini (5°) e Baldassarri (8°).

Passa più volte il testimone del primato, si evidenziano tra gli altri Vavrous, Techer ed i piloti di casa Alt e Öttl, con quest’ultimo (autore della pole position) che prova a guadagnare un minimo vantaggio nel corso del quinto giro conquistando il comando delle operazioni. Nuova caduta nel frattempo di Aaron Espana, questa volta scivolato in totale solitudine alla velocissima piega a sinistra in picchiata della “Waterfall” che ha tradito non pochi piloti anche in MotoGP (Stoner, Rossi, Pedrosa…).

Ad 1/3 di gara sono sempre nove i piloti a comporre il pacchetto di testa, seguendo quest’ordine: Öttl, Alt, il nostro Valtulini passato in 3° piazza davanti Techer, Vavrous, Binder, Deroue, Pinsach e Baldassarri con soltanto 1″2 dalla vetta. Giunti al 9° giro, Florian Alt è il primo dei protagonisti ad uscire di scena, ritrovandosi a terra per un errore nella sequenza di curve in discesa dopo il rettilineo dei box.

Questa disavventura, di fatto, spezza in due il gruppone di testa: il primo con Öttl, Techer, Binder, Deroue e Vavrous, il secondo a 1″5 con i nostri Baldassarri, Valtulini e Pinsach. Fase cruciale della contesa, Brad Binder di esperienza decide di portarsi al comando nel tentativo di andare in fuga: un proposito a dir poco ambizioso, a maggior ragione in un tracciato come il Sachsenring ed una categoria combattuta come la Red Bull Rookies Cup.

La lotta non manca mai, la dimostrazione arriva a 4 giri dalla bandiera a scacchi: Pinsach all’ultima curva abbozza un sorpasso su Valtulini con il risultato di ritrovarsi a terra, mandando nelle vie di fuga oltre che al buon Stefano anche Lorenzo Baldassarri. Un brutto colpo per le speranze tricolori in questa prima manche al Sachsenring, ripartiranno staccati di 6″ dalla vetta confrontandosi in un acceso duello per la sesta piazza.

Per la vittoria è dunque un discorso a cinque: Öttl, Binder, Techer, Vavrous e Deroue, con quest’ordine si arriva all’ultimo giro. Il figlio d’arte è bravo a guadagnare un minimo vantaggio grazie al primato di 1’30″317 che gli consente di celebrare una preziosissima vittoria in casa davanti a Binder, Scott Deroue è terzo, Baldassarri chiude sesto mentre Valtulini non compare in classifica se non in 15° posizione. Nella top-10 Kevin Arginò (8°) e Andrea Migno (9°), Sissis è fuori dalla zona punti, 18° e con il dente avvelenato in vista di Gara 2 in programma domani alle 15:30.

Red Bull MotoGP Rookies Cup 2011
Sachsenring, Classifica Gara 1

01- Philipp Ottl – GER – 19 giri in 29’01.819
02- Brad Binder – RSA – + 0.335
03- Scott Deroue – NED – + 0.691
04- Alan Techer – FRA – + 0.835
05- Tomas Vavrous – CZE – + 0.951
06- Lorenzo Baldassarri – ITA – + 9.843
07- Joakim Niemi – FIN – + 20.757
08- Kevin Arginò – ITA – + 20.828
09- Andrea Migno – ITA – + 20.840
10- Max Enderlein – GER – + 20.934
11- Ivo Lopes – POR – + 21.191
12- Hafiq Azmi – MAL – + 33.736
13- Kyle Ryde – GBR – + 37.728
14- Florian Alt – GER – + 45.721
15- Stefano Valtulini – ITA – + 46.478
16- Lukas Trautmann – AUT – + 1’07.846
17- Joe Roberts – USA – + 1’11.163
18- Arthur Sissis – AUS – + 1’19.683
19- Javier Orellana – GBR – + 1’31.000
20- Willi Albert – GER – a 1 giro

Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp misano

MotoGP, GP Misano a porte aperte: arriva il sì per 10.000 spettatori

MotoGP, Marc Marquez cade a Phillip Island 2016

MotoGP, Marc Marquez e un infortunio (statisticamente) inevitabile

Valentino Rossi e Franco Morbidelli

MotoGP, Valentino Rossi: “Frankie fiore all’occhiello dell’Academy”