Luca Trivella

Pikes Peak: Debutto rimandato per Luca Trivella

Il pilota bergamasco deve rimandare il debutto alla Pikes Peak. Un guasto elettrico rimanda le prime prove sulla mitica salita del Colorado

25 giugno 2019 - 17:00

L’avventura americana “fra le nuvole” di Luca Trivella è in pieno svolgimento, anche se la giornata d’esordio non è nata sotto una buona stella.  Il pilota bergamasco e la sua squadra sono partiti per gli States  venerdì 21 e dopo il necessario smaltimento degli effetti del jet lag stamane, martedì 25, erano ormai pronti a lanciare la loro sfida agli specialisti americani sulle curve della Pikes Peak Toll Road che portano alla vetta del più alta delle Rocky Mountains.

DEBUTTO RINVIATO

La moto è stata assemblata e messa a punto con i dati raccolti nella precedente trasferta di Luca in Colorado due anni fa. Quando con la fedele Aprilia SVX, conquistò il quinto posto nella categoria Lightweight Motorcycle scalando la vetta in 11:31.985. Già superato lo scoglio delle verifiche, tecniche e sportive, si attendeva oggi la verifica delle lancette nella prima sessione di prova. Ma un subdolo guasto elettrico, che ha richiesto l’intera giornata di lavoro per essere risolto. Malgrado questo inconveniente la fiducia regna fra le file dell’unico team italiano in gara, deciso a puntare ad un risultato di prestigio. E’ stato un peccato aver consesso ai rivali una giornata di allenamenti di vantaggio, ma le prove continueranno fino a venerdì in attesa della gara che prenderà il via all’alba di domenica.

I PRIMI TEMPI 

Nelle prove odierne i migliori tempi sono stati fatti segnare da Joseph Toner (Aprilia SXV Custom) nella Exibition class.  Da Tyler O’Hara (Yamaha YZ450F) nella Lightweight, da Chris Fillmore (KTM 790 Duke) nella Middleweight e dall’attesissimo Carlin Dunne con la nuova Ducati MST V4.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kevin Manfredi

CIV Supersport: Kevin Manfredi assolto, ma non conterà

Federico Sandi

Federico Sandi correrà nella ASB1000 a Sepang con Ducati

Nozane

All Japan Superbike Okayama: Nozane e Yamaha fanno festa