Valentino Rossi a Misano: “Stagione iniziata bene, continuiamo così”

Valentino Rossi e altri piloti della VR46 Academy sono scesi in pista a Misano per il Dainese Riding Master, evento benefico per la Fondazione Simoncelli.

17 aprile 2019 - 22:30

Valentino Rossi e Franco Morbidelli hanno vestito i panni di insegnanti sul circuito di Misano per un evento targato Dainese. Quattro motociclisti amatoriali hanno trascorso una giornata in compagnia del nove volte campione del mondo, girando in pista per alcuni giri. Al loro fianco tanti volti noti del Motomondiale e le telecamere di Sky Sport con Mauro Sanchini, Guido Meda e Antonio Boselli.

Dainese ha scelto il Misano World Circuit per proporre Riding Master, il primo capitolo di Dainese Experience. Un progetto che consente agli appassionati del brand vicentino di far vivere loro esperienze uniche, in pista coi grandi campioni delle due ruote. Dainese Riding Master ha offerto a tutti i partecipanti, distribuiti in vari livelli, il meglio in quanto a corsi di guida sportiva e guida sicura, facendo trascorrere una giornata unica all’insegna del divertimento tra appassionati delle due ruote. Tutte le foto sono di Marzio Bondi.

Valentino in pista per la Fondazione Simoncelli

I biglietti per la partecipazione a questo specialissimo evento sono stati messi all’asta e i proventi consegnati direttamente alla Fonazione Marco Simoncelli, con papà Paolo presente in autodromo per ritirare il simbolico assegno. In pista in qualità di istruttori anche i piloti della VR46 Riders Academy Franco Morbidelli, Luca Marini, Manuel Poggiali, Lorenzo Baldassarri e Marco Bezzecchi. Nei box anche Mattia Pasini, Massimo Roccoli e Loris Capirossi. In veste di ‘studenti straordinari’ Meda, Boselli e Sanchini che al termine della giornata hanno ricevuto il loro attestato di partecipazione.

Dainese Riding Master si è svolto a pochi giorni di distanza dall’ultimo round di MotoGP ad Austin, dove Valentino Rossi ha mancato la vittoria per pochi decimi di secondo alle spalle di Alex Rins. “Peccato non aver vinto ad Austin ma sono molto contento, dobbiamo continuare così. La stagione è iniziata bene – ha detto il Dottore a Sky Sport -, sarà dura perché ogni pista è diversa. Negli ultimi due anni è stata dura a Jerez e quindi sarà una prova importante per capire se siamo competitivi“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jorge Lorenzo ‘go on’: sedile standard e nuovo ‘Aero-pack’

Moto2/3, le novità nei test privati a Barcellona

MotoGP, Paolo Ciabatti: “Miller o Petrucci? Decideremo in Catalunya”