Valentino Rossi: “A Le Mans proveremo a vincere”

Valentino Rossi arriva a Le Mans con una buona dose di ottimismo, ma per la vittoria serve la giusta alchimia tra grip, asfalto, gomme e meteo.

16 maggio 2019 - 18:23

Valentino Rossi a Le Mans per dare l’assalto al terzo posto in classifica. Il tracciato sembra favorevole alle caratteristiche della Yamaha M1, ma qui non vince dal lontano 2008. Quattro podi nelle ultime cinque stagioni sono un buon biglietto da visita, ma quest’anno la concorrenza è molto serrata. “La mia ultima vittoria qui risale a molto tempo fa, correva l’epoca delle Bridgestone. Dopo di che ho gestito molte belle gare, molti podi, molti secondi e terzi posti, ma nessuna vittoria”.

La Yamaha trova linfa vitale nelle lunghe curve, Valentino Rossi è in ottima forma, la pista ha molto grip. Gli ingredienti per un weekend da incorniciare sono sul tavolo, adesso bisogna mettere le mani in pasta e pesare gli aggiornamenti di elettronica provati a Jerez. “Siamo curiosi e scopriremo il nostro potenziale qui domani. Normalmente Le Mans è una buona pista per la M1. Negli ultimi anni sono sempre stato molto competitivo qui. Ma c’è ancora molta strada da fare per la vittoria – ha precisato il Dottore -. Dipende se facciamo un buon lavoro nelle prove e come ci porteremo in qualifica. Anche il tempo conta, perché il tempo non sarà fantastico. Dobbiamo aspettarci la pioggia. Certo, proveremo a vincere la gara qui. Ma spero che ci siano altre opportunità per la vittoria in questa stagione“.

Il weekend di Jerez non ha portato molte note liete, questo porta ad andare cauti con l’ottimismo della vigilia. Il segreto sta nel trovare un buon setting dal venerdì, perché ogni minimo ritardo può costare caro in ottica qualifiche e di conseguenza in gara. “Non sai mai quanto saremo forti. È il matrimonio tra la moto, le gomme e la pista. A volte inizi le FP1 ad un buon livello e puoi migliorare. A volte hai problemi seri. Non conosciamo le cause, ma tutto sommato Le Mans porta bene alla Yamaha“.

Matteo Flamigni, telemetrista di Valentino Rossi, annuncia piccoli accorgimenti sullo sviluppo della moto dopo il test andaluso. I tecnici del box VR46 lavorano senza sosta alla ricerca di quel dettaglio che possa mettere il pesarese nelle condizioni di vincere. “Arriviamo dopo due bei secondi posti ad Austin e in Argentina, un sesto posto a Jerez dove speravamo di fare di più. Qui speriamo di tornare alle posizioni che ci competono, vedremo il meteo che si preannuncia avverso – ha detto a Sky Sport -. Abbiamo provato diverse cose, alcune hanno dato esito positivo, altre no. Non ci fermiamo mai e speriamo che i risultati non tardino ad arrivare“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Pol Espargarò: “Non servono le scuse KTM”

MotoGP, Davide Tardozzi: “Petrucci è la scelta giusta”

MotoGP 2022-2026: i 4 punti Dorna per il futuro