Test Qatar, Alex Rins sorride: “Possiamo correre subito?”

Alex Rins si mette in luce nella seconda giornata di test in Qatar. Il compagno di squadra Joan Mir continua il processo di adattamento alla MotoGP.

25 febbraio 2019 - 11:39

Il sorriso più grande dopo la seconda giornata di test è quello visto sul volto di Alex Rins. Il pilota del Team Suzuki Ecstar ha infatti chiuso con il miglior crono sul tracciato di Losail, precedendo Maverick Viñales, Fabio Quartararo e Danilo Petrucci. Lo spagnolo ha portato in pista una nuova carenatura ed un differente scarico, oltre a concentrarsi su elettronica e tempo sul giro, ma sembra aver trovato un buon feeling con la sua GSX-RR e la pista qatariota. Oggi Rins cercherà le ultime conferme nella giornata finale di test, in programma dalle 14.00 alle 20.00 italiane.

“Sarebbe bello se la gara si disputasse subito!” ha esordito ridendo il ‘veterano’ in casa Suzuki. “Stiamo svolgendo davvero un buon lavoro. A Sepang abbiamo provato tante novità diverse, qui a Losail abbiamo la conferma che tutto sta funzionando bene.” Una moto funzionante, alcune novità azzeccate, ma senza cercare particolari stravolgimenti. “Il nostro pacchetto è decisamente migliorato rispetto all’anno scorso. Non abbiamo fatto una rivoluzione, c’è stato solo qualche piccolo cambiamento e la cosa più importante è che stiamo correndo come sempre. Passo dopo passo il nostro ritmo sta migliorando, anche con gomme usate. Siamo sulla buona strada.”

Dall’altra parte del box, Joan Mir continua il suo processo di adattamento ad una MotoGP. Il rookie spagnolo ha trascorso la giornata alla ricerca del giusto set up per la prima gara della stagione, testando poi anche il nuovo scarico. Verso la fine della giornata è riuscito a ritoccare i suoi tempi, portandosi in undicesima posizione finale a poco più di sei decimi dal compagno di squadra in vetta. “Sono contento, siamo migliorati molto” ha dichiarato. “Non sono riuscito a stampare il giro che avrei voluto, ma abbiamo ancora una giornata di test. Realizzeremo anche una simulazione di gara, oltre a cercare ulteriori miglioramenti.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’

Valentino Rossi e il segreto del ‘Risorgimento Yamaha’

MotoGP, Fabio Quartararo festeggia 20 anni come miglior rookie