Test Sepang: Bagnaia “Siamo sulla strada giusta”

I rookie Francesco Bagnaia, Miguel Oliveira, Fabio Quartararo e Joan Mir al lavoro con una MotoGP a Sepang. Ecco le impressioni a fine giornata.

6 febbraio 2019 - 16:19

Nella categoria regina quest’anno ci saranno quattro piloti all’esordio. Il ritorno in pista coincide anche con la prima uscita a Sepang in sella ad una MotoGP per Francesco Bagnaia (Alma Pramac Racing), Miguel Oliveira (Red Bull KTM Tech 3), Fabio Quartararo (Petronas Yamaha SRT) e Joan Mir (Team Suzuki Ecstar). Il lavoro di adattamento per i rookie è già iniziato a novembre, ma ora si cercano conferme in vista della nuova stagione. Ecco le loro impressioni a fine giornata.

BAGNAIA AL LAVORO SU RITMO E GOMME

Il Campione Moto2 ‘Pecco’ Bagnaia ha completato 49 giri, concentrandosi sulla ricerca del giusto feeling con la moto e le gomme. Ha chiuso al 15° posto, a circa 4 decimi dalla top ten, ma non è mancata nel corso della giornata una sosta imprevista per problemi tecnici. “La giornata è stata positiva, soprattutto al mattino” ha dichiarato il pilota di Chivasso. “Allora avevo mantenuto un buon ritmo. Nel pomeriggio abbiamo messo una gomma nuova per migliorare il tempo, ma non ha funzionato come speravo. Domani lavoreremo su questo aspetto. Nel complesso però è andata bene, siamo sulla strada giusta.”

OLIVEIRA SI CONCENTRA SULL’ELETTRONICA

Il vice-campione Moto2 Miguel Oliveira si è concentrato sull’elettronica della sua KTM RC16. Ha chiuso con il 16° posto, proprio dietro all’italiano, con un miglior crono di 2:00.902 e 59 giri messi a referto. Come l’ex rivale Moto2, anche lui non è rimasto immune a qualche problema alla moto, poi fortunatamente risolto. “Non siamo riusciti a girare quanto avremmo voluto con entrambe le moto” ha ammesso il pilota portoghese, “ed i cambi hanno richiesto tempo. La squadra però ha svolto un ottimo lavoro, abbiamo adattato il nostro programma e siamo riusciti a provare quello che volevamo. Sono riuscito a mantenere un ritmo discreto, spero di migliorare ancora nei prossimi giorni.”

QUARTARARO: “I FRENI IL NOSTRO PUNTO DEBOLE”

Fabio Quartararo, supportato dal calore del pubblico malese, continua il processo di adattamento alla MotoGP. Per lui ben 65 giri completati con un miglior crono in 2:00.985, che lo colloca in 18° piazza in classifica. “Non vedevo l’ora di tornare in sella” ha detto il pilota francese. “Non è facile trovare il giusto feeling con una moto così potente, ma pensavo andasse peggio. Abbiamo fatto passi avanti, sono riuscito a stampare un buon giro più velocemente rispetto ai test precedenti. Dobbiamo lavorare sui freni, al momento il nostro punto debole, ma ho voglia di imparare.”

MIR: “PASSI AVANTI RISPETTO A JEREZ”

Continua l’adattamento alla GSX-RR per Joan Mir, che ha già espresso parere positivo a proposito dei progressi compiuti durante la pausa invernale. Lo spagnolo ha realizzato 55 giri, con un 2:01.432 che lo pone in 23° posizione in questa prima sessione di test a Sepang. “Una giornata difficile, con tanto lavoro da fare” ha commentato il Campione Moto3 2017. “Abbiamo fatto progressi, ma ci saranno ancora molte cose da provare nei prossimi giorni. Oggi mi sono concentrato sulla moto, domani e venerdì penserò anche a me, a come fare imparare di più. La moto è migliorata rispetto ai test a Jerez, mi piace molto. Stiamo lavorando bene.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’

BSB Silverstone, gara 2: Tarran Mackenzie, la rivincita

British Talent Cup: Cameron Horsman vince Gara 2