MotoGP, Test Sepang: Marquez al comando

Marc Marquez comanda la classifica provvisoria della prima giornata, seguito da vicino da Alex Rins e da Maverick Viñales. Bandiera a scacchi alle 11.00 italiane.

6 febbraio 2019 - 8:12

I primi test ufficiali del 2019 sono ormai scattati e a poco più di metà giornata abbiamo il campione del mondo in carica al comando. Marc Marquez infatti ha stampato il miglior crono provvisorio, fermandosi nel primo pomeriggio per continuare la fisioterapia alla spalla ancora non al top. Nonostante ciò, è l’unico assieme ad Alex Rins ed a Maverick Viñales ad essere sceso sotto il muro dei due minuti. La prima giornata di test finirà alle 18.00 locali, le 11.00 italiane. Alcune foto dai test

Tempo per provare novità sulle rispettive moto, ma questi test sono utili anche per Michelin, che si deve preparare per la gara in Malesia nel 2019. Si parte dalle gomme usate nella scorsa annata, con una nuova mescola anteriore che si adatti meglio alle caratteristiche di una ‘media/dura’, assieme a due nuove slick posteriori. Queste ultime sono una morbida ed una media, con una nuova tecnologia che permetta di migliorare grip e consistenza. Le gomme provate a Sepang dovranno essere confermate anche nel corso degli ultimi test in Qatar, per essere così inserite nella lista da consegnare a Dorna prima dell’inizio della stagione.

Si comincia con tutti i piloti presenti allo Shakedown per primi in pista e quindi al comando della classifica provvisoria. La pista però si riempe velocemente ed è curioso notare come tutte le moto abbiano le rispettive livree ufficiali, tranne le Honda. Sia Marc Marquez che il tester Stefan Bradl (in questa occasione sostituto dell’infortunato Lorenzo) sono in azione con delle RC213V completamente nere. Da segnalare alcune cadute, quelle di Andrea Iannone al mattino (solo nove giri per lui) e dei rookie Francesco Bagnaia e Miguel Oliveira, in seguito tornati in azione.

La classifica dei tempi

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Eugene Laverty: “Bitubo è il nostro asso nella manica”

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’

BSB Silverstone, gara 2: Tarran Mackenzie, la rivincita