MotoGP, Qatar: Piloti in coro “Meglio anticipare la gara”

Marc Marquez, Andrea Dovizioso, Jorge Lorenzo, Valentino Rossi, Maverick Viñales, Alex Rins e Fabio Quartararo in conferenza stampa in Qatar.

7 marzo 2019 - 16:07

L’attesa è ormai finita, i piloti del Motomondiale sono ormai pronti per disputare il primo GP del 2019. Come di consueto si comincia con la conferenza stampa inaugurale, a cui hanno preso parte il campione MotoGP in carica Marc Marquez, Andrea Dovizioso, Jorge Lorenzo, Valentino Rossi, Maverick Viñales, Alex Rins e Fabio Quartararo. Tutti i piloti MotoGP si sono mostrati concordi nel preferire una gara anticipata, ritenuta meno rischiosa. La preferenza va alle 19.00 locali, un’ora prima quindi rispetto a quanto in programma, ma sarà un aspetto da discutere con la Commissione di Sicurezza.

Si parte dal Campione del Mondo Marc Marquez: “Sono davvero contento di essere qui, è bello ricominciare. L’infortunio è ormai dimenticato, sono quasi al 100% e sono concentrato solo sul fine settimana. Il periodo di test è stato piuttosto strano, ma sono riuscito comunque a prepararmi. La moto è migliorata molto, possiamo svilupparla ancora ma cercheremo di fare del nostro meglio fin da subito. Nel corso dei test abbiamo visto che tutti sono migliorati: la stagione è lunga e dobbiamo rimanere concentrati.”

Si passa poi al vice-campione Andrea Dovizioso: “Sono stati test strani per noi, soprattutto in Qatar per le diverse condizioni meteo trovate. Non è stato facile analizzare i dati e capire il livello dei rivali. Tutti saranno abbastanza veloci qui, almeno stando a quanto visto finora, quindi non so cosa possiamo aspettarci. In passato siamo stati competitivi ma gli ultimi test non ci hanno confermato questa sensazione. La gara comunque è sempre un’altra cosa, siamo fiduciosi. L’anno scorso io e Ducati abbiamo vissuto una stagione strana, ci sono stati errori di troppo e altri tracciati poco favorevoli. Non sono preoccupato per questo Gran Premio, ogni gara ha una sua storia.”

Jorge Lorenzo vivrà la sua prima stagione da pilota del Repsol Honda Team. “Siamo stati sfortunati negli ultimi mesi, non sono mai stato al top della forma, anzi mi manca ancora un mese. Adesso però sto molto meglio e mi sento in grado di guidare bene una moto. Honda porterà qualcosa di nuovo sia per me che per Marc, oltre a qualche piccolo dettaglio solo per me. Certo è una moto completamente diversa rispetto a quella che ho guidato negli ultimi due anni, mi piace molto anche se c’è sempre margine di miglioramento. Devo dire però che, per via delle mie condizioni fisiche, mi mancano ancora parecchi chilometri di esperienza. L’obiettivo del Gran Premio sarà finire la gara nella migliore posizione possibile.”

Tocca poi a Valentino Rossi, entrato recentemente negli ‘anta’ ma pronto a vivere una nuova intensa stagione in MotoGP. “Quarant’anni sono un momento importante nella vita. Personalmente mi sento bene, sono emozionato come se fosse il primo giorno di scuola. Quello che si è capito dai test è che ci sono tante moto competitive e molti piloti veloci, pronti per lottare nelle prime posizioni. Io spero di essere tra di loro. Difficile dire se siamo più forti dell’anno scorso, ma al momento penso ci siano 7-8 piloti in grado di salire sul podio. Dovremo capire quali sono le condizioni e soprattutto fare attenzione al forte vento.

Maverick Viñales riparte soprattutto con un nuovo numero, il 12, per dare un segnale forte in vista della nuova annata. “Voglio affrontare questa stagione con calma, fiducia e determinazione. Nei test siamo andati bene, ma serve ancora qualcosa di più. Nel complesso ho un buon feeling in sella, sono contento del lavoro della squadra e non vedo l’ora di cominciare. L’umore è positivo, speriamo cominciare la stagione con un buon piazzamento. Abbiamo tanti rivali forti, ma piano piano ci stiamo avvicinando, stiamo seguendo la strada giusta. Abbiamo dimostrato di essere veloci in tanti circuiti, sono contento del livello attuale.”

Alex Rins è determinato a compiere il salto di qualità in questo 2019. “Abbiamo chiuso la scorsa stagione al meglio, ripartiamo da quei risultati. Nel corso dei test abbiamo lavorato tanto per migliorare la moto, partendo dalla ottima base dell’anno scorso. Sono davvero contento di cominciare, darò il massimo in ogni occasione. Personalmente non avverto nessuna pressione, voglio solo divertirmi in sella alla moto. Il nostro obiettivo è la vittoria, ma sarà difficile perché fin da subito ci proveranno in tanti. Abbiamo visto che ci sono tanti piloti competitivi, ma io voglio essere tra questi.”

Chiude la fila Fabio Quartararo, all’esordio questo fine settimana come pilota MotoGP. “Per me è particolarmente emozionante essere qui con tutti questi piloti, ma devo rimanere concentrato. Sarà bello condividere la pista con i migliori. I test sono andati bene, ma non devo pensare a nessun risultato, devo solo cercare di dare il massimo. Qui forse andremo meglio perché abbiamo provato, ma nei prossimi GP avremo meno tempo per adattarci al tracciato. Ora però voglio pensare solo a questo fine settimana.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’

Valentino Rossi e il segreto del ‘Risorgimento Yamaha’

MotoGP, Fabio Quartararo festeggia 20 anni come miglior rookie