MotoGP, Qatar: Esordio stagionale a tre punte per Aprilia

Aprilia si prepara alla prima gara della stagione con ben tre RS-GP in pista, guidate da Aleix Espargaró, Andrea Iannone e dalla wild card Bradley Smith.

6 marzo 2019 - 13:18

Aprilia Racing Team Gresini si presenta alla prima gara del 2019 con ben tre piloti. Si tratta di qualcosa di mai avvenuto prima per la casa di Noale, un segnale di rinnovamento visti i cambiamenti tecnici ed in squadra. L’ingaggio di Andrea Iannone accanto ad Aleix Espargaró, il nuovo tester Bradley Smith (e wild card in Qatar), l’arrivo di Massimo Rivola: Aprilia riparte con alte ambizioni, ma con la determinazione a concretizzarle.

Risultati altalenanti finora nel corso del test svolti in questo 2019. Aleix Espargaró ha stampato il settimo miglior crono combinato a Sepang, mentre ha chiuso fuori dai primi 10 in Qatar. Ha girato decisamente meno il nuovo arrivato Andrea Iannone, fermato da un’infezione in Malesia e che quindi può considerare solo le giornate in Qatar come un vero test. Bradley Smith poi è stato accolto a braccia aperte: in Aprilia c’è già grande apprezzamento per il lavoro del britannico, che è già stato ‘premiato’ con la partecipazione al GP in Qatar.

“La preparazione al campionato è stata complessivamente positiva” ha dichiarato Aleix Espargaró. “La nuova moto è sicuramente un passo avanti nella giusta direzione. Ho trovato un buon feeling e credo ci sia ancora del margine su cui poter lavorare. Su qualche aspetto specialmente possiamo e dobbiamo migliorare. I dati raccolti nelle simulazioni durante i test ci hanno permesso di capire molto riguardo i punti forti e meno forti del nuovo progetto. Come ogni anno, non vedo l’ora di scendere in pista e iniziare a fare sul serio”.

Ci si attende molto anche da Andrea Iannone, pronto a raccogliere la sfida con la casa di Noale. “Durante gli ultimi test abbiamo lavorato bene” ha aggiunto il pilota di Vasto, “concentrandoci sulle nostre priorità in vista della gara. Alla fine dei tre giorni abbiamo raggiunto una buona base da cui poter partire per questo weekend. Sono positivo, pur mantenendo i piedi ben saldi a terra: per noi è tutto nuovo, non sarà una passeggiata. Sono convinto però che, se riusciremo a sfruttare il 100% del potenziale che abbiamo a disposizione, potremo partire con il piede giusto”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP: Suzuki al lavoro su un telaio modificato

MotoGP, Johann Zarco con un nuovo telaio. KTM ancora in pista

MotoE, Test Valencia: Eric Granado vince la simulazione di gara