MotoGP: Michelin verso la tappa di casa. “Sarà un altro grande evento”

Michelin si prepara per figurare al meglio in quella che sarà la tappa di casa. Tra nuove mescole e gomme asimmetriche, ecco tutte le scelte per il GP di Francia.

14 maggio 2019 - 12:38

Ci avviamo verso il quinto fine settimana di gare del 2019, stavolta di scena sullo storico Circuito Bugatti di Le Mans. Lasciata alle spalle la sfida con il rinnovato tracciato di Jerez, Michelin si prepara per la tappa di casa, ma non senza qualche novità. Si tratta in questo caso di nuove mescole provate prima dell’inizio della stagione ed inserite nelle scelte della compagnia francese.

Approdiamo in una pista asfaltata nuovamente, ma prima dell’appuntamento del 2016 e quindi con tutti i record della pista in mano a Michelin. La lunghezza complessiva è di 4185 metri, con cinque curve a sinistra e nove a destra. Per affrontare questo tracciato, ecco tre mescole portate per l’occasione, vale a dire morbida, media e dura sia per l’anteriore che per il posteriore. La dura anteriore è una nuova mescola provata prima dell’inizio della stagione ed approvata da Michelin per il campionato.

In questa occasione tutte le posteriori presentano una struttura asimmetrica, con una spalla destra più dura per il maggior numero di curve in questa direzione. In aggiunta a ciò, si tratta di mescole con una nuova tecnologia provata durante i test invernali ed inserite nella gamma per il 2019. Non dimentichiamo poi che anche la pioggia potrebbe fare capolino, un’eventualità da non sottovalutare visto il meteo europeo instabile. In questo caso i piloti avranno a disposizione le mescole morbida e media, con le posteriori dalla struttura asimmetrica.

“Si tratta dell’evento più importante per noi in calendario” ha dichiarato Piero Taramasso, Manager di Michelin Motorsport Two-Wheel. “Si tratta della tappa di casa ed avremo il supporto dei fan francesi. Ci sarà poi un’importante rappresentativa da parte di Michelin, con tante persone che vogliono fare bene. Questo significa che per noi è un imperativo allestire un grande show. Abbiamo portato nuove mescole che sicuramente aiuteranno i piloti, come successo a Jerez. Ci aspettiamo un altro grande evento.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Pol Espargarò: “Non servono le scuse KTM”

MotoGP, Davide Tardozzi: “Petrucci è la scelta giusta”

MotoGP 2022-2026: i 4 punti Dorna per il futuro