MotoGP, Davide Brivio: “La vittoria di Rins era nell’aria”

Davide Brivio, team manager Suzuki, racconta la vittoria di Alex Rins ad Austin: "Dobbiamo continuare a fare queste gare".

15 aprile 2019 - 19:36

In casa Suzuki la vittoria mancava dal GP di Silverstone 2016 ad opera di Maverick Viñales. Alex Rins ha avuto il merito di riportare sul tetto del mondo la GSX-RR e il team guidato da Davide Brivio. In fondo c’è anche un po’ di tricolore in questa vittoria ad Austin che ha spezzato la lunga scia di sei vittorie consecutive a firma Marc Márquez.

Alex Rins si è ritrovato ad essere protagonista di un bel duello con Valentino Rossi per oltre metà Gran Premio. Ha tallonato il veterano della Yamaha, facendogli sentire il fiato sul collo, fino a quando a quattro giri dalla fine ha assestato il sorpasso decisivo. Lo spagnolo ha iniziato a far parlare di sé già la scorsa stagione, ancor più durante i test invernali, mostrando un impressionante passo gara. Andrea Dovizioso, ma non solo, ci aveva visto lungo a indicarlo come uno dei favoriti per il titolo MotoGP. Il tipico astro nascente dalla faccia pulita ma spietato sull’asfalto degli autodromi. “Quando lo vedi nel box prima di una gara ha una tranquillità disarmante, ti viene da pensare ‘ma dove andiamo?’ Invece è veramente uno da gara – ha raccontato Davide Brivio a Radio 24 -, le affronta quasi rilassato. Queste prime gare ha sempre corso senza fare errori, senza grosse sbavature, in Argentina è partito 16° ed ha rimontato fino al 5° posto. Duellare con Valentino non è una cosa semplice ma ha gestito benissimo la situazione. Penso sia un po’ un esame di maturità“.

Rossi e Rins candidati per il titolo

Da qui a candidarlo come pretendente al trono iridato forse è prematuro, ma non è da escludere che Alex Rins possa ripetere questa impresa. “La caduta di Márquez ha rimescolato un po’ le carte – ha proseguito il team manager Suzuki -, andiamo a Jerez e come alcuni dicono inizia il vero campionato. Siamo lì e dobbiamo provarci. Questo trend di Alex Rins sta continuando da Misano dell’anno scorso, siamo saliti più volte sul podio, siamo stati sempre tra i primi cinque o sei. Quando abbiamo iniziato la stagione c’era la sensazione nell’aria che avremmo vinto una gara, dobbiamo continuare così. Stare tra i primi cinque e quando arriva l’occasione provare a vincere”. Tra i possibili candidati al titolo non ci sono solo i soliti Márquez e Dovizioso, ma anche Valentino Rossi e, perché no, Alex Rins: “Rossi può vincere il Mondiale, ma il grande favorito resta Márquez. Non dimentichiamo che è fortissimo ed è difficile da battere. Ieri ha fatto un errore e credo che non ne farà più. Ma questo è lo sport – ha concluso Davide Brivio -, se tutto fosse deciso sulla carta saremmo tutti a casa. Quindi andiamo avanti e speriamo di divertirci“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tre jolly per Marc Marquez: telaio, motore e aerodinamica

Completata una giornata di test per Moto2 e Moto3 al Montmeló

MotoE, Test Valencia: Bradley Smith al top nel Giorno 2