MotoGP, Danilo Petrucci: “Rinnovo? Penso a godermi la Ducati”

Danilo Petrucci e Ducati non hanno ancora parlato di rinnovo. Da Le Mans servono buoni risultati: "La situazione in cui mi trovo non è comoda".

16 maggio 2019 - 18:50

Danilo Petrucci non ha ancora discusso il possibile rinnovo con Ducati, anzi. Il contratto rischia di diventare una ossessione, un chiodo fisso che gli impedisce di affrontare le gare con la dovuta spensieratezza. Ma d’altro canto la firma gli permetterebbe di affrontare la stagione con massima serenità. Il suo ingresso nel team ufficiale ha portato un’atmosfera più distesa nel box della Rossa, ma manca un ulteriore step per guadagnarsi la fiducia.

Andrea Dovizioso ha già una vittoria e un podio all’attivo, un terzo posto anche per Jack Miller. A Le Mans la prima grande occasione per fare un risultato migliore del quinto posto. “Tutte le gare sono importanti – ha detto Danilo Petrucci a Sky Sport -. Però dopo Austin mi son detto ‘Tanto non scelgo io, posso fare solo il massimo’. Dieci anni fa, ma anche l’anno scorso, avrei dato entrambi i mignoli per correre qua e dopo Austin non me la stavo godendo. Quindi dopo Austin penso solo a fare il massimo ed è già molto difficile. A Jerez abbiamo lottato per il podio, non è abbastanza, ma siamo almeno in quattro o cinque“.

Quando si milita in un team ufficiale è normale attendersi grandi risultati. Dal GP di Francia la strada dovrebbe evolversi in discesa per il pilota umbro, con un occhio al 4° posto detenuto da Valentino Rossi, un altro ai risultati del diretto avversario ‘indoor’ Jack Miller. “Ho la miglior moto che Ducati abbia prodotto ed è un onore. Il difficile è essere sempre al top e fare risultati da pilota ufficiale. La situazione in cui mi trovo non è comoda, ma me la voglio godere – ha precisato Danilo Petrucci -. Abbiamo fatto una buona gara , ma quando sei con la Ducati ufficiale si aspettano che tu lotti per il podio e la vittoria“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Pol Espargarò: “Non servono le scuse KTM”

MotoGP, Davide Tardozzi: “Petrucci è la scelta giusta”

MotoGP 2022-2026: i 4 punti Dorna per il futuro