MotoGP: Dani Pedrosa di nuovo in sella alla KTM

Dani Pedrosa ha provato la KTM nel corso di una sessione di test privati al Mugello. Pochi giri per lui, ma il recupero totale è sempre più vicino.

16 maggio 2019 - 14:36

A circa tre mesi dall’importante intervento a cui si è sottoposto alla spalla destra infortunata, Dani Pedrosa ha provato di nuovo la KTM RC16. L’occasione è stata una sessione di test privati realizzata in questi giorni al Mugello, nel corso della quale il catalano ha voluto provare le condizioni della sua clavicola. Pochi giri compiuti, ma le condizioni fisiche migliorano e a giugno dovrebbe essere completamente in forma.

Martedì e mercoledì Ducati aveva programmato dei test privati a cui hanno preso parte Michele Pirro (con la D16 2019), ma anche Jonas Folger con Yamaha e Mika Kallio con KTM. Come riportato da motorsport.com e confermato da membri della squadra nella giornata odierna, la struttura austriaca ha potuto contare anche sulla presenza di Dani Pedrosa. Non molti i giri messi a referto dal pilota, che però ha testato le condizioni della clavicola destra.

Lunedì sono stati svolti altri esami e le radiografie hanno mostrato come le condizioni fisiche dell’ex alfiere Honda non siano ancora perfette, anche se il recupero totale è davvero molto vicino. Membri di KTM hanno poi confermato che “Dani era al Mugello e ha provato la moto. Ha realizzato pochi giri per vedere come stava fisicamente. Non è stato troppo rapido come tempi anche a causa delle condizioni meteo.”

La speranza della squadra è avere Pedrosa al 100% per giugno, quando potrà finalmente girare con il test team. In particolare il pilota di Sabadell è particolarmente atteso nella giornata di test successiva al GP di Catalunya, in programma il 17 giugno. Sarebbe la prima apparizione pubblica per Pedrosa nelle nuove vesti di collaudatore KTM, ma prima di allora non sono esclusi altri test privati su diversi tracciati.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Pol Espargarò: “Non servono le scuse KTM”

MotoGP, Davide Tardozzi: “Petrucci è la scelta giusta”

MotoGP 2022-2026: i 4 punti Dorna per il futuro