MotoGP Argentina, Valentino Rossi: “È stato un buon inizio”

Valentino Rossi 6° dopo il venerdì di prove in Argentina. Il Dottore, ad un passo dall'accesso diretto in Q2, ha trovato un buon feeling con le gomme

30 marzo 2019 - 7:19

Il venerdì di libere in Argentina si chiude con un sorriso per Valentino Rossi. Se l’obiettivo della vigilia era migliorare l’approccio alle prove in ottica qualifiche questo traguardo è stato al momento centrato. Il Dottore firma il sesto crono di giornata e, in attesa delle FP3, si guadagna l’accesso diretto alla Q2, grazie all’1’39″441, a 0,260″ da Dovizioso. “È stato un buon inizio qui. Mi sento bene con le gomme, abbiamo fatto un buon lavoro e trovato il feeling con le mescole“.

La prima impressione è positiva, ma è pur vero che i primi otto sono raccolti in tre decimi di secondo. Saranno i dettagli (soprattutto in elettronica) a fare la differenza nelle qualifiche e, soprattutto, sul passo gara di domenica. “Abbiamo lavorato sul ritmo e abbiamo fatto bei tempi con le gomme nuove. Alla fine della FP1 – ha aggiunto Valentino Rossi -, avevo gomme morbide, quindi sono stato in grado di migliorare significativamente i miei tempi sul giro. Sono al sesto posto, non lontano dalla cima, e come sempre molti piloti veloci sono molto vicini. Ma c’è ancora molto lavoro davanti a noi. Dobbiamo migliorare il grip e cercare di essere più veloci. Allora vedremo. La prima impressione di questo Gran Premio è positiva“.

A scardinare gli equilibri, gli assetti e le strategie potrebbe essere il meteo. Qui in Argentina è stato una costante negli ultimi anni e nelle FP2 (vedi cronaca e classifica) si sono intravisti i primi nuvoloni grigi. “Le condizioni della pista sono migliori rispetto al passato. Nessuno di noi se lo aspettava. Già nel primo turno potevo guidare la moto in modo sensato“, ha aggiunto Valentino Rossi. “La pista è pulita, quindi c’era più aderenza. Gli operatori della pista hanno preparato perfettamente il tracciato“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’

Valentino Rossi e il segreto del ‘Risorgimento Yamaha’

MotoGP, Fabio Quartararo festeggia 20 anni come miglior rookie