MotoGP: Aprilia presenta la sfida 2019 con Iannone ed Espargaró

Livrea rinnovata sulla RS-GP, l'arrivo di Iannone, Smith e Rivola, obiettivi ambiziosi. Ecco presentato il progetto 2019 di Aprilia Racing Team Gresini.

22 febbraio 2019 - 14:59

Alla vigilia degli ultimi test per la categoria MotoGP, ecco che Aprilia Racing Team Gresini si presenta a Losail, sede degli ultimi test. Si preannuncia una sfida all’insegna del cambiamento, a livello tecnico e di staff, così come per quanto riguarda i piloti. Accanto al confermato Aleix Espargaró ci saranno Andrea Iannone ed il tester Bradley Smith, con l’obiettivo di compiere importanti passi avanti in questa nuova stagione.

Le novità saltano agli occhi, a iniziare dalla nuova livrea della RS-GP, con una maggiore presenza di nero. Il profilo tecnico è essenzialmente riconfermato, a partire dal motore quattro cilindri con una stretta struttura a V, combinato col cambio seamless sviluppato in casa. Non è mancata comunque l’evoluzione di questi aspetti, così come del telaio. Come detto, si punta su tre piloti: gli ufficiali sono Espargaró e Iannone, ma si fa particolare affidamento anche su Smith, che disputerà un buon numero di wild card, a partire dal Qatar. Lo spagnolo avrà Antonio Jimenez come capotecnico, l’italiano si affiderà a Fabrizio Cecchini. A capo del settore tecnico c’è Romano Albesiano, affiancato dal nuovo ceo Massimo Rivola. Il Test Team sarà coordinato da Pietro Caprara.

“Sempre rischioso parlare di aspettative a stagione non ancora iniziata, ma è naturale per un team come Aprilia, che punta a vincere” ha dichiarato Rivola. “Puntiamo ad una crescita costante, per raggiungere un livello competitivo in MotoGP. Appena arrivato ho trovato un gruppo mosso dalla passione, oltre che dalla fedeltà a questi colori, due aspetti fondamentali per il nostro progetto. Possiamo contare su piloti di gran talento e dalla grande passione per questo sport. Non esagero quando dico che siamo un ‘Davide’ contro i giganti delle due ruote, un paragone che mi piace: sappiamo poi come finisce la storia.”

“La parte finale della scorsa stagione ed i test sono stati importanti” ha aggiunto Albesiano. “L’arrivo di Andrea e Bradley ha portato nuove informazioni oltre a quelle di Aleix, aiutandoci a definire la nuova RS-GP. Si tratta di un progetto in divenire, con miglioramenti in ogni aspetto, a partire da telaio ed elettronica. C’è comunque spazio per continue evoluzioni nel corso della stagione. La riorganizzazione del nostro reparto corse ed il rafforzamento del test team sono stati due aspetti chiave per la nostra preparazione. In questo modo siamo riusciti ad affrontare un percorso più lineare e ad avere dati più precisi.”

La parola ai piloti. “I primi test sono stati molto positivi” ha dichiarato Espargaró. “Mi sono sentito bene in sella alla RS-GP 2019 e penso ci siano ancora ampi margini di miglioramento. Dal punto di vista umano e tecnico, mi trovo in una delle squadre migliori che abbia incontrato nella mia carriera. C’è ancora molto lavoro da fare, ma con l’arrivo di Andrea, Bradley e Massimo siamo più forti. Non abbiamo scuse.” Iannone sarà il pilota italiano in un team italiano: “Mi sono avvicinato al 2019 con calma. Il lavoro in squadra è fondamentale e sono già rimasto sorpreso dalla velocità con cui i ragazzi, tra Jerez e Sepang, hanno apportato cambiamenti in base alle mie richieste. Siamo migliorati costantemente, il giusto feeling c’è.”

Non dimentichiamo Smith, il cui lavoro è già stato particolarmente apprezzato in Aprilia. “I test sono stati molto interessanti” ha dichiarato il britannico. “Nel mio nuovo ruolo, ho dovuto essere il più analitico possibile ed a completa disposizione della squadra. Lo shakedown in Malesia è andato bene e sono lieti che Aleix abbia beneficiato del nostro lavoro, trovando già un buon feeling con la RS-GP. Voglio solo continuare a lavorare bene con il Test Team ed avvicinarmi al ritmo in gara di Aleix e Andrea quando correrò. Abbiamo un grande potenziale sia umano che tecnico.”

Per finire, parla il team manager Fausto Gresini che non vede l’ora di dare il via alla stagione. “Il 2019 sarà un’annata importante. Ci sono inevitabilmente alte aspettative, visti i nuovi arrivi, da Rivola a Iannone. Hanno portato entusiasmo, ma anche rinforzi ed una conseguenze riorganizzazione che sembrano aver già portato risultati incoraggianti. Non mi dimentico del Test Team, con Bradley Smith che sta già svolgendo un ruolo indispensabile per un progetto giovane come quello Aprilia. La strada è ancora lunga, ma abbiamo tutte le capacità per fare bene.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi: “Yamaha lenta sul rettilineo, così dal 2004”

MotoGP: Alex Rins regala il suo casco ai commissari di pista

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Tutto bene tranne il risultato”