1 commento

gallotti._792
9:07, 26 luglio 2018

Mi spiace per Iannone , ma detta in poche parole è stato licenziato. La sua carriera va come un gambero: Ducati, poi Suzuki e infine Aprilia, la moto storicamente meno competitiva della Motogp e più lenta di molte private. Che dire, sarebbe come se un pilota di F1 fosse stato prima Ferrari, poi Red Bull e infine (con tutto il rispetto) Force India. Peccato. Se in Ducati non lo avessero rimosso per fare spazio a quell’inutile e costosissimo Lorenzo, forse oggi ci sarebbero più facce sorridenti.