MotoGP, Andrea Iannone: “Condizioni del piede da verificare”

Andrea Iannone sarà quasi sicuramente in pista, ma le condizioni del piede restano da verificare. Aleix Espargarò pronto per l'assalto alla top-10.

15 maggio 2019 - 17:11

Aprilia si prepara alla seconda tappa europea del Mondiale per dare l’assalto alla top-10. A Jerez Aleix Espargarò ha chiuso all’11° posto, Andrea Iannone ha dato forfait per un infortunio rimediato nelle prove del sabato. La RS-GP resta un cantiere aperto, ma la casa di Noale lavora a pieno ritmo per trovare delle soluzioni in grado di dimezzare il gap dai rivali. Martedì Bradley Smith ha tenuto un test al Mugello per preparare al meglio la prossima gara in programma fra 15 giorni.

Il circuito Bugatti di Le Mans ha un layout ‘stop&go’ contrassegnato da frenate brusche seguite da accelerazioni a bassa velocità. Aleix Espargarò darà l’assalto ad un posto nei primi dieci, sfumato per un soffio a Jerez, facendo leva sulle sue buone doti in staccata. Ma dopo quattro gare lo spagnolo conta il triplo dei punti rispetto alla scorsa stagione. “Quella di Le Mans è una pista che mi piace, dove credo l’Aprilia RS-GP possa funzionare bene. La frenata è uno dei nostri punti forti, la moto resta stabile in staccata e questo potrebbe aiutarci. Spero in un weekend asciutto, in Francia piove quasi ogni anno e questo rende tutto più difficile. Come sempre il nostro obiettivo rimane la top-10“.

Andrea Iannone ha saltato la gara e il test successivo a Jerez, dopo l’infortunio alla caviglia rimediato nelle prove libere. Lo staff medico del circuito valuterà le sue condizioni giovedì, ma il ritorno in pista sembra assicurato. Nelle FP1 ricomincerà dalla base testata venerdì in Spagna: “Arrivo a Le Mans con buone sensazioni. A Jerez abbiamo compreso alcune cose importanti, un piccolo passo in avanti che sfrutteremo anche in Francia. Rimane da verificare quanto il piede mi possa dare fastidio – ha concluso Andrea Iannone -. In ogni caso ho lavorato sodo per essere nelle migliori condizioni possibili“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Pol Espargarò: “Non servono le scuse KTM”

MotoGP, Davide Tardozzi: “Petrucci è la scelta giusta”

MotoGP 2022-2026: i 4 punti Dorna per il futuro