MotoGP: Alex Rins, che rimonta in Argentina!

Alex Rins protagonista in Argentina di una grande rimonta dal 16° al 5° posto. Meno fortunato Joan Mir, costretto al ritiro per un problema di gomme.

1 aprile 2019 - 12:46

Dalla sedicesima piazza in griglia alla quinta posizione alla bandiera a scacchi. Alex Rins si è reso protagonista di una grande rimonta nel corso del GP argentino. Un buon segnale dopo un fine settimana particolarmente difficile, che non l’aveva mai visto nelle prime posizioni e che sabato l’aveva visto fuori dalla Q2. Il pilota spagnolo però era determinato a fare bene sulla pista sulla quale aveva conquistato il suo primo podio in MotoGP.

Scelte la dura anteriore e la soft al posteriore (rischiando, viste le alte temperature), Rins ha dato il massimo fin dalla partenza. Al via è riuscito a portarsi nelle prime 12 posizioni, continuando poi a recuperare costantemente col passare dei giri. Sul finale è arrivato a ridosso della zona podio, lottando a lungo con Miller e Petrucci per la quarta piazza e chiudendo infine quinto.

“Chiaramente abbiamo perso tempo all’inizio, non siamo partiti in una buona posizione” ha dichiarato Rins a gara conclusa. “La gara però è stata incredibile! Non ho commesso errori, il tracciato però era particolarmente scivoloso, non so se per la pioggia notturna o altro. Abbiamo poi perso abbastanza tempo con Miller e Petrucci, altrimenti chissà, avrei potuto raggiungere Valentino e Dovi. In ogni caso, gara fantastica.”

Meno fortunato il compagno di squadra: Joan Mir ha accusato parecchi problemi di grip alla gomma posteriore (soft anche per lui) e si è visto costretto al ritiro. “Il feeling non era ottimale fin dall’inizio” ha dichiarato. “Sono partito bene e volevo seguire Alex in rimonta. Avrei potuto imparare molto da lui. Per la prima volta sono stato costretto a fermarmi, ma davvero il posteriore era strano.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’

Valentino Rossi e il segreto del ‘Risorgimento Yamaha’

MotoGP, Fabio Quartararo festeggia 20 anni come miglior rookie