Marc Marquez: “Dakar, perché no?”

Marc Marquez ha ammesso di non resistere al fascino della Dakar. Anzi, il campione MotoGP ci sta facendo un pensierino in ottica futura.

9 gennaio 2019 - 16:06

Il Rally-Raid Dakar, la competizione più famosa e pericolosa del mondo, è un importante evento ricco di fascino, particolarmente difficile per tutti quelli che riescono a prendervi parte, anche se non per questo meno emozionante. Aggiungiamo un nome alla lista di quelli che sognano la Dakar: parliamo nientemeno che del Campione del Mondo MotoGP Marc Marquez.

Appassionato di ogni tipo di motorsport, il pilota di Cervera non ha nascosto il suo particolare interesse per questa competizione, scattata giusto due giorni fa da Lima, in Perù. “Durante il giorno guardo come vanno le tappe e, se posso, durante la notte vedo i riassunti della giornata in tv. Lo seguo ogni anno, si tratta di una competizione che apprezzo tanto e l’ultima edizione mi è piaciuta molto. Si tratta di prove molto dure, colpisce davvero vedere l’abilità e la resistenza dei piloti.”

Nel corso della sua carriera, Marquez ha potuto conoscere anche alcuni campioni di questa competizione, come Nani Roma e Marc Coma. “Il solo fatto di arrivare alla fine è molto difficile, figuriamoci diventare campione. Dimostra che sei un gran pilota, con una buona capacità di sacrificio” ha commentato a tal proposito l’iridato MotoGP. Ricorda poi anche Isidre Esteve, pilota motociclistico rimasto paralizzato dalla vita in giù dopo un grave incidente nel 2007, nuovamente al via con Repsol Rally Team nella categoria auto. “Gli auguro di migliorare quanto fatto nel 2018.”

Torna poi a parlare della Dakar in sé: “Mi piace soprattutto per le difficoltà che bisogna affrontare, con tante situazioni che possono capitare e tutti gli imprevisti che possono esserci durante la corsa. Tutti questi aspetti la rendono la prova più dura, per me è molto bella da seguire.” Si lascia poi andare ad una confessione: “Voglio correre ancora per molti anni in MotoGP, ma non mi dispiace sognare ed in futuro potrei pensare a competere nella Dakar.”

Due le ipotesi nella testa del pilota di Cervera: “Molto probabilmente correrei in moto, visto che quella è la mia grande passione. Sarebbe però interessante anche in auto, con mio fratello Alex come copilota. Sarebbe divertente vedere come ce la caviamo insieme! Anzi, potrei anche fare io il copilota, di solito mi oriento abbastanza bene.” Marquez però è conscio delle difficoltà: “Bisogna fare molta pratica, serve una preparazione specifica in questo senso per disputare la Dakar.”

“Dovrei poi confrontarmi sempre con i tecnici” ha continuato, “in tutte le tappe c’è qualche pilota che ha problemi meccanici.” Situazioni che il pilota ammette che non avrebbe difficoltà ad affrontare, prima di chiudere così: “Ora sono completamente concentrato sulla MotoGP, ma in futuro… Chissà?”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’

BSB Silverstone, gara 2: Tarran Mackenzie, la rivincita

British Talent Cup: Cameron Horsman vince Gara 2