La festa di Valentino Rossi: ristorante circondato dai tifosi!

17 febbraio 2019 - 11:09

Valentino Rossi ha festeggiato il suo 40esimo compleanno con una cerchia ristretta di amici. Teatro della festa il Ristorante Lo Scudiero in via Baldassini 2, a Pesaro, decorato a festa con i suoi colori giallo e blu. Per l’occasione una torta extralarge che riproponeva in scala il Ranch, con il circuito perfettamente riprodotto nei minimi particolari. Particolari in zucchero come la casa in cui solitamente si ritrovano i piloti dopo le sessioni di allenamento, gli alberi e i lampioni.

Bollicine

Menù di pesce e fiumi di champagne Bollinger e Dom Perignon per il nove volte iridato, al suo fianco l’inseparabile Francesca Sofia Novello. L”amico di infanzia Alessio Salucci, il fratello Luca Marini con la fidanzata Marta Vincenzi, i ragazzi dell’Academy, tra i vip Cesare Cremonini, assente Jovanotti e i genitori Graziano e Stefania. Una festa blindata con locale chiuso al pubblico e tanti fan che si sono accalcati all’esterno nella speranza di riuscire almeno a vedere il Dottore. Bocche cucite dallo staff del ristorante che hanno avuto ordine di non rivelare nessun dettaglio.

Adesso si torna in pista

Dopo la serata romagnola al Peter Pan di ieri sera, da domani si ritorna al lavoro per preparare al meglio i test in Qatar in programma fra meno di una settimana. Per Valentino Rossi arriva un momento già cruciale della stagione, dove dovrà mettere a punto il motore della sua Yamaha M1. Verrà congelato all’inizio del Mondiale, senza la possibilità di poter apportare aggiornamenti o correzioni dal 10 marzo. A Sepang ha raccolto le prime timide buone impressioni sulla moto 2019, ma il campione di Tavullia ha lasciato intendere che serve ancora ben altro per raggiungere Honda e Ducati. Finita la festa bisogna rimboccarsi le maniche e spingere sul gas!

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ducati-Yamaha, test a Misano. Con Pirro e Folger anche Bautista e Davies

MotoGP, Assen: Alex Rins “Sarà battaglia anche quest’anno”

Pit Beirer: “Pedrosa non è marketing, vuole fare la differenza con KTM”