Jorge Lorenzo e la catena rotta in qualifica

La catena rotta sulla RCV ha condizionato le qualifiche di Lorenzo. "Honda ha un problema al posteriore" ha ammesso Puig.

14 aprile 2019 - 15:35

Un nuovo episodio sfortunato ha condizionato un turno di Jorge Lorenzo. Si tratta stavolta delle qualifiche ad Austin, con il pilota costretto improvvisamente a parcheggiare la sua moto. Si è trattato della rottura della catena sulla sua RCV, problema occorsogli poco prima della linea del traguardo. Lorenzo ha lasciato la sua moto appoggiata al muretto ed è corso subito ai box per recuperare la seconda moto e continuare le qualifiche.

Un episodio che ha un precedente identico: il compagno di squadra Marc Márquez ha accusato lo stesso problema durante lo scorso Gran Premio in Argentina. Anche in quell’occasione non è mancata la corsa ai box per salire sulla seconda RCV e ripartire. Un fatto che ha condizionato le qualifiche di Lorenzo, che aveva messo in mostra un buon feeling con la sua Honda nel corso della Q1, chiusa con il miglior crono. Con la seconda moto non è riuscito a migliorarsi e ha chiuso la sessione con l’11° tempo.

“La catena si è rotta ed è uscita poco prima della linea del traguardo” ha spiegato Jorge Lorenzo. “Ho dovuto quindi appoggiare la moto al muretto e correre al box. Sono cose che capitano, a Marc è successo lo stesso in Argentina e stavolta è toccato a me. Dobbiamo però capire il perché e fare in modo che non accada di nuovo in futuro.” Concorda anche Márquez: “Honda ci sta lavorando. Per noi è importante, se succede in gara è un grosso problema.”

“Stiamo investigando per capire come mai è accaduto” ha aggiunto il Team Manager Alberto Puig. “Il posteriore ci sta creando qualche problema, è importante capire cos’è successo. Al momento però, parlando molto francamente, non lo sappiamo.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Bradley Smith: “Non capisco le scelte della Direzione Gara”

Moto2, Enea Bastianini: “Alla fine la gomma era al limite”

Moto3, Catalunya: Paolo Simoncelli “Una gara di autoscontri”