Dani Pedrosa: “Ci serve più stabilità, ma il passo non è male”

Subito protagonista nelle prime prove a Jerez

3 maggio 2013 - 13:46

Dall’esordio del 2006 (secondo assoluto) al 2012, Dani Pedrosa è sempre salito sul podio in MotoGP a Jerez de la Frontera. Un feeling con il tracciato andaluso ribadito oggi nei primi due turni di prove libere del Gran Premio di Spagna, veloce e competitivo tanto sul giro singolo, quanto sul passo gara.

Un convincente inizio per il portacolori Repsol Honda, deciso domani a concretizzare un altro piccolo “passo avanti” per puntare alla pole position e, soprattutto, migliorare l’equilibrio della propria Honda RC213V Factory Spec.

Penso che oggi siamo andati bene: i tempi sul giro non sono male, altrettanto il passo gara“, afferma Dani Pedrosa. “Nei due turni abbiamo provato sia le morbide che le gomme di mescola più dura, apportando anche diverse modifiche ai settaggi delle sospensioni. Siamo riusciti a trovare un buon compromesso, ma abbiamo bisogno di lavorarci ancora per trovare più stabilità in entrata ed uscita di curva.

Risolto questo problema sicuramente riusciremo ad andare un pò più forte e mantenere una buona costanza di rendimento pensando alla gara. Per domani cercheremo di dare il massimo nelle qualifiche, mi aspetto una sessione particolarmente combattuta con tanti piloti racchiusi in pochi decimi”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Suzuki-Rins: il successo nasce dalla crisi del 2017

Ecco la Honda CBR 1000RRW HRC per la 8 ore di Suzuka 2019

Michael van der Mark operato a Rimini, ancora incerto il recupero