Caso Ducati: Appendice regolare, rigettato l’appello

Rigettato l'appello da parte di KTM, Suzuki, Aprilia e Honda contro Ducati. Lo spoiler presente sulle Desmosedici non è irregolare.

26 marzo 2019 - 21:47

Alla fine la Corte d’Appello FIM ha preso una decisione riguardo all’appendice Ducati vista in Qatar e ritenuta irregolare da alcune squadre. L’appello presentato da Aprilia, Suzuki, KTM e Honda è stato rigettato, con la conferma quindi del risultato ottenuto in gara. Dovizioso conferma la sua vittoria, Petrucci il sesto posto ottenuto a Losail.

La protesta iniziata dagli altri team si basava sulla convinzione che lo spoiler delle D16 fornisse un supporto aerodinamico irregolare. In questo modo non rientrava quindi nelle regole tecniche in vigore. KTM, Aprilia, Honda e Suzuki avevano già parlato con gli Stewards, che avevano confermato la regolarità dell’appendice. In seguito era stato presentato formale appello, con l’udienza svolta venerdì scorso a Ginevra.

Il materiale presentato è stato esaminato, oltre a sentire tutte le parti in causa. La decisione definitiva è arrivata oggi 26 marzo: l’appello è stato respinto. Lo spoiler presente sulle Ducati di Dovizioso, Petrucci e Miller quindi non è illegale e non ne viene vietato l’uso in futuro. Un’ulteriore ricorso può essere presentato entro cinque giorni alla Corte dell’Arbitrato dello Sport a Losanna.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Valentino Rossi e il segreto del ‘Risorgimento Yamaha’

MotoGP, Fabio Quartararo festeggia 20 anni come miglior rookie

Moto2, Tom Lüthi: “La stagione in MotoGP una ‘buona scuola’ “